martedi` 22 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Moked Rassegna Stampa
06.10.2010 Tutte le porcate di un giorno in una rassegna stampa scoppiettante
Di Ugo Volli, di chi sennò ?

Testata:Moked
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Tutte le porcate di un giorno in una rassegna stampa scoppiettante»

Riportiamo dal sito MOKED la rassegna stampa di Ugo Volli del 05/10/2010.
La riprendiamo, perchè è un esempio illuminante di quante notizie, anche brevi, e articoli, anche lunghi, abbiano distorto e danneggiato l'immagine di Israele in questi giorni. Non ultime le menzogne di Shlomo Sand, prese per buone, e quindi veritiere, da Paolo Mieli.


Ugo Volli

Tutti i giornali (per esempio Il Giornale , Il Sole, L’Unità ) riportano le scuse di Ciarrapico agli ebrei. Scuse formulate in maniera tale però da non essere assolutamente accettabili, come spiega chiaramente una bella lettera di Riccardo Pacifici al Corriere . Da leggere il commento di Meotti sul Foglio alla vicenda. Interessante sul Riformista l’accostamento a Ciarrapico di Roger Waters, ex membro dei Pink Floyd, filopalestinese accanito fino all’antisemitismo. In tema di neofascisti, nazisti e dintorni, i giornali rivelano che gli arresti domiciliari di Priebke da un anno ormai in sostanza non ci sono più e che il responsabile della strage delle Fosse Ardeatine è libero di girare per le sue “esigenze indispensabili”. In contrasto con questi segni preoccupanti di rinascita antisemita, va registrato il messaggio del sindaco Alemanno per i turisti israeliani che arrivano a Roma, pronunciato in italiano e in ebraico, che sarà trasmesso sui voli El Al (Il Corriere , Repubblica ).
L’unità dell’ebraismo italiano nel rispondere alle brutte storie di questi giorni è peraltro rotta da una manovra molto inopportuna di “Jcall” la filiale europea di quella lobby americana di sinistra di “J Street” di cui stanno emergendo tutti i legami e i condizionamenti finanziari col mondo arabo (come ha scritto Isi Leibler sul Jerusalem Post. Ha scritto sul Corriere Stefano Jesurum, vicino a questo gruppo) che Jcall ha mandato delle lettere a tutte i personaggi che hanno fama di sinistra, i queli hanno deciso di aderire alla grande manifestazione pro Israele organizzata da Fiamma Nirenstein (il 7 ottobre alle 18 al Tempio di Adriano a Roma) per sconsigliarli dal partecipare: un esempio clamoroso (e a mio avviso vergognoso) di come la faziosità politica prevalga sulla solidarietà collettiva.
Per coloro che continuano a demonizzare il leader olandese della politica di resistenza all’islamismo Geert Wilders, sono molto interessanti le sue dichiarazioni all’inizio del processo che subisce per le sue idee (Bonelli e Sbai su Libero )
Per la cultura. Da leggere con molto senso critico la recensione di Paolo Mieli sul Corriere alla traduzione italiana del libro negazionista del solito intellettuale israeliano della sinistra antisionista Shlomo Sand, che sostiene, fuori dal suo campo disciplinare e usando argomenti che sono stati refutati dagli storici seri e perfino dalle prove biologiche al momento dell’uscita del libro in Israele, che quello ebraico non sarebbe un popolo, ma il frutto di ondate di conversioni, che i veri discendenti degli ebrei biblici sarebbero probabilmente i palestinesi, che gli ebrei europei discenderebbero dai turchi Kuzari e non dalla stirpe di Israele. Tutte storie che hanno un evidente fine politico e che Mieli approva con entusiasmo.
Interessante lo spettacolo al Palladium di Roma sul pugile ebreo Lazzaro Anticoli o “Bucefalo” ucciso a 27 anni alle Ardeatine
Sul Medio Oriente. Molto interessante l’analisi di Tatiana Boutorline sul Foglio sulla grande strategia dell’Iran e quella di Carlo Panella, sempre sul Foglio , sul “viaggio-provocazione” di Ahmadinedjad in Libano. Il Sole fra gli altri giornali dà notizia del rogo di una moschea andata a fuoco vicino a Betlemme. La Stampa racconta in una notizia che la nave Mavi Marmara, quella della provocazione turca della flottiglia, restituita da Israele ai turchi in segno di buona volontà, sarà usata per un film: di propaganda antisraeliana, è quasi inutile specificarlo.


www.moked.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT