giovedi` 29 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Moked Rassegna Stampa
15.08.2010 Teologia politica islamica
commento di Ugo Volli

Testata:Moked
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Teologia politica islamica»

Riportiamo dalla rassegna UCEI di MOKED, l'articolo di Ugo Volli dal titolo " Teologia politica islamica ".


Ugo Volli

L'idea di uno "scontro di civiltà", proposta da Samuel Huntigton in un articolo del 1993, è diventato una specie di tabù per il perbenismo intellettuale. Esso in realtà si opponeva al pensiero neoliberale del tempo (Fukoyama), per cui la globalizzazione avrebbe portato per forza a una pace economica universale e alla "fine della storia". L'esperienza degli ultimi vent'anni mostra che Huntigton aveva sostanzialmente ragione e che alla base dei numerosi conflitti attuali vi sono non solo conflitti economici tutt'altro che sopiti, come la lotta per l'accesso alle materie prima, ma soprattutto una dimensione di "teologia politica" (così definita da Carl Schmitt e discussa acutamente da quell'anomalo ma importante pensatore ebraico che è Jacob Taubes. Il punto acuto dello scontro di civiltà si incentra oggi sulla pretesa teocratica dell'islamismo, cioè sulla sua spinta a estendersi a tutto il pianeta e a non distinguere fra una sfera religiosa e una civile.
Il cristianesimo, fin dai tempi di Gesù ("date a Cesare...") o almeno di Costantino, ha accettato in linea di principio la separazione delle due sfere. La tradizione ebraica conosce bene la teocrazia; la parola è stata inventata da Giuseppe Flavio proprio per descrivere il potere politico dei Grandi Sacerdoti durante il Secondo Tempio (che fu peraltro soprattutto interno, rientrando Israele nella sfera di potere di grandi imperi). E nelle Scritture si discute sulla legittimità stessa di un'autonoma sfera politica (cioè di un re): consentito con limitazioni sia nel Deuteronomio, sia con l'istituzione del regno di Saul, voluto dal popolo "per essere come gli altri" e accettato a malincuore da D-o come un "rifiuto" di Lui (raro esempio di volontà divina piegata a quel che non vuole). Sessant'anni fa Israele si è comunque rifondato come uno stato laico e democratico, in cui la fonte delle leggi è la volontà degli elettori e non quella divina. La dimensione teologico-politica dell'ebraismo resta (quante volte nelle preghiere invochiamo
D-o come Melekh...) ma confinata nella sfera religiosa, salvo forse per i settori più estremi dello schieramento religioso. E soprattutto l'ebraismo non pretende di estendere le sue leggi e il suo potere agli altri popoli, accontentandosi di chiedere loro il rispetto delle generalissime norme etiche attribuite a Noè.
E' l'islamismo oggi che mette senza freni in gioco la teocrazia, predicando il divino come unica fonte di legge e di potere per tutti i popoli e negando ogni sistema politico che non ne derivi direttamente. E' una pretesa che costituisce un esplosivo fattore di sovversione interna e di scontro esterno. Quando si discute di religioni, dei loro diritti e della loro libertà, questa differenza dev'essere sempre tenuta in conto. 


www.moked.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT