venerdi 23 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






Fiammanirenstein.com; Corriere della Sera Rassegna Stampa
16.11.2009 La moglie di Ahmadinejad a Roma e il suo appello per Gaza
Perchè non chiede all'Egitto di riprendersi la Striscia? Commenti di Fiamma Nirenstein, Davood Karimi. Cronaca di Lorenzo Salvia

Testata:Fiammanirenstein.com; Corriere della Sera
Autore: Fiamma Nirenstein - Davood Karimi - Lorenzo Salvia
Titolo: «Iran: Nirenstein, le donne iraniane sono con Neda - La moglie del passdar terrorista Ahmadinejad a Roma: la ferma condanna della comunità iraniana - Lady Ahmadinejad: ' Ascoltare le voci dei bimbi di Gaza'»

Riportiamo le dichiarazioni dell'On. Fiamma Nirenstein dal titolo " Iran: le donne iraniane sono con Neda ", seguite dal commento di Davood Karimi, presidente Associazione Rifugiati Politici Iraniani residenti in Italia , dal titolo " La moglie del pasdaran  terrorista Ahmadinejad a Roma: la ferma condanna della comunità iraniana  ", dalla cronaca di Lorenzo Salvia dal titolo " Lady Ahmadinejad: ' Ascoltare le voci dei bimbi di Gaza'  ", sul CORRIERE della SERA di oggi, 16/11/2009, a pag. 9. Ecco gli articoli:

Fiamma Nirenstein : " Iran: Nirenstein, le donne iraniane sono con Neda "


Fiamma Nirenstein

Siamo al fianco dei dissidenti iraniani e di tutti quelli che manifestano contro la presenza a Roma e il discorso di Azamal Sadat Farahi, moglie del presidente iraniano Ahmadinejad. Per noi, come per tutti i democratici del mondo, il simbolo delle donne iraniane è Neda Agha Soltan, uccisa a 27anni a sangue freddo dalle forze del regime iraniano solo per aver portato in piazza il suo desiderio di libertà, la sua bellezza, la sua vitalità. Nedaera contro il regime che la signora Azam al Sadat Farahi venuta qui a rappresentare e a pubblicizzare. Sono certa che le donne iraniane sono ben più fiere di Neda che della signora Ahmadinejad. Personalmente non possiamo giudicarla, ma di lei il presidente iraniano dice che sia stata una delle sue grandi maestre. Ad oggi, risulta perfettamente congeniale al sistema ultrarepressivo di un Paese che penalizza in particolare le donne.
www.fiammanirenstein.com

Davood Karimi : " La moglie del passdar terrorista Ahmadinejad a Roma: la ferma condanna della comunità iraniana "

L'associazione dei rifugiati politici iraniani residenti in Italia condanna fermamente la presenza della moglie del passdar terrorista mahmoud ahmadinejad a Roma. Il regime liberticido e terrorista dei mullah ha mandato a Roma in segno di oltraggio e disappunto alla comunità internazionale la moglie del presidente di un regime che ha represso in sangue e continua a reprimere le pacifiche manifestazioni del popolo iraniano per la libertà e la democrazia. La comunità iraniana chiede al governo italiano di espellere dal territotio italiano la moglie di Ahmadinejad prima possibile evitando il propagarsi delle propagande terroristiche iraniane in Italia e in Europa. Riteniano la presenza della moglie di Ahmadinejad in Italia un fatto gravissimo ed un errore politico da parte del governo del presidente Berlusconi. Chiediamo a tutte le organizzazioni e organismi per i diritti umani e in particolare alle organizzazioni che lottano per i diritti delle donne di condannare, nel nome di Ned Agha Soltani e Taraneh Moussavi, due simboli della resistenza delle donne iraniane, la presenza della moglie di Ahmadienjad chiedendone l'espulsione immediata. Di fronte alla violenza, alle brutalità e al terrorismo usate dal regime di Ahmadienjad nei confronti del popolo iraniano e della comunità internazionale occorre dimostrare fermezza e determinazione. Non va dimenticato che dietro la repressione in Iran e il terrorismo in Afghanista e in Iraq, dove morirono numerosi militari italiani, esiste la manus lungus del regime di Ahmadienjad di cui la moglie oggi passeggia tranquilamente nelle strade della città eterna e partecipa al secondo vertice delle first ladies del movimento dei Paesi non allineati organizzato quesst'anno dalla moglie del presidente egiziano Husni Mubarak.

CORRIERE della SERA - Lorenzo Salvia : " Lady Ahmadinejad: ' Ascoltare le voci dei bimbi di Gaza' "


Azam Al Sadat Farahi,moglie di Ahmadinejad

ROMA — Le porte dell’ascensore vip si aprono sul cor­ridoio che porta alla sala verde della Fao. Azam Al Sadat Farahi, moglie del presidente iraniano Mahmoud Ahma­dinejad, non se ne è accorta. E sta ridendo, un’allegra ri­sata fuori dal severo protocollo che si è imposta per que­sto suo debutto internazionale. Si ricompone subito, si­stema il chador nero che lascia scoperti solo gli occhiali fumé. E raggiunge veloce il posto assegnato all’Islamic Republic of Iran. Il «First ladies summit» dei Paesi non allineati, alla vigilia del vertice Fao, è per lei il primo ap­puntamento pubblico oltre confine. Anche in Iran le sue apparizioni sono state rarissime. Ed è per questo che adesso la signora Ahmadinejad deve sopportare i flash che le scaricano addosso i fotografi di mezzo mondo.

Qui si parla di povertà, di fame, di cosa possono fare le donne per curare queste ferite antiche. E quando la paro­la passa a lei — dieci minuti in farsi, seduta al suo posto in seconda fila — il brusio di fondo finalmente scompa­re: «Il nostro mondo è testimone di un chiaro esempio di insicurezza, dal punto di vista alimentare e sanitario, nel caso dell’assedio di Gaza. Queste persone innocenti sono vittime di un blocco che è contro tutte le regole internazionali». Il suo appello finale viene applaudito con moderazione: «Ci aspettiamo di vedere la fine imme­diata di questa grande oppressione», con la speranza che «l’incontro di oggi porti in tutto il mondo le voci delle donne e dei bambini di Gaza».

A differenza di quanto ha fatto suo marito, più volte e in che modo, per Israele nemmeno una citazione. Ma pro­prio come il presidente, la signora sorvola sul rispetto dei diritti umani in casa propria e rivendica la via irania­na allo sviluppo perché la «politica dell’occupazione e del riarmo sono responsabili dell’imposizione della po­vertà in una larga sezione della popolazione ed in partico­lare delle donne».

Alle altre delegazioni ha distribuito un libro che spie­ga la campagna del governo di Teheran per favorire l’al­lattamento al seno, con il part time a stipendio pieno e i congedi fino a 24 mesi. Una risposta all’Occidente dove «il femminismo ha allontanato le donne dalla famiglia». Fuori da questo palazzo blindato l’associazione degli ira­niani rifugiati in Italia giudica un «fatto gravissimo» la visita in Italia della signora: «È la moglie di un presiden­te di un regime che reprime nel sangue le pacifiche mani­festazioni per la libertà e la democrazia». Da lei nessun commento. Anzi, non è possibile nemmeno farle la do­manda.

Per inviare la propria opinione a Fiammanirenstein.com e Corriere della Sera, cliccare sulle e-mail sottostanti


www.fiammanirenstein.com
lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT