sabato 31 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio - Israele.net Rassegna Stampa
08.04.2009 Nessun crimine di guerra di Israele a Gaza
Caso chiuso dall’ufficiale che l'aveva scatenato

Testata:Il Foglio - Israele.net
Autore: Giulio Meotti - Herb Zeinon
Titolo: «Cinici di guerra - La marcia indietro di Zamir»

Sulle accuse a Tzahal e sulla loro smentita ufficiale, riportiamo dal FOGLIO di oggi, 08/04/2009, a pag. 2, l'articolo di Giulio Meotti dal titolo " Cinici di Guerra" e dalla rassegna stampa di WWW.ISRAELE.NET, l'articolo di Herb Keinon dal titolo " La marcia indietro di Zamir ". Ecco gli articoli:

Il FOGLIO - Giulio Meotti : " Cinici di guerra "

Roma. Le accuse mosse due settimane fa all’esercito israeliano di aver deliberatamente sparato a civili palestinesi durante la controffensiva nella striscia di Gaza sono risultate “totalmente infondate” da un’inchiesta interna condotta dalle forze armate. Gli investigatori hanno esaminato le testimonianze di alcuni allievi del corso pre-militare “Rabin”, emerse durante una sessione di gruppo tenuta a febbraio e trascritte su un bollettino dell’accademia. Le accuse erano state poi rilanciate da una parte della stampa israeliana per finire sulle prime pagine di tutto il mondo. Ai critici d’Israele che hanno parlato di complotto dell’esercito per insabbiare tutto rispondeva ieri lo stesso ufficiale israeliano da cui erano partite le denunce. A scatenare il putiferio era stato un maggiore dell’esercito di nome Dani Zamir, fondatore del corso Rabin all’Oranim Academic College. Ieri Zamir ha reso noto il suo memorandum sulla vicenda. L’ufficiale della scuola Rabin dice di parlare come “soldato combattente, maggiore delle Forze di difesa israeliane e mentore di centinaia di allievi dell’accademia Rabin”. “L’intera storia è sfuggita al controllo e, da una discussione interna in cui i soldati parlavano di quanto fosse difficile e dolorosa la guerra, i media internazionali hanno trasformato l’Idf (esercito israeliano, ndr) in criminali di guerra”. Zamir ricorda che quando gli americani conquistarono Fallujah, in Iraq, a migliaia morirono. E quando i russi presero la Cecenia, ci furono massacri su massacri. Niente di simile è successo a Gaza: “Qualche atto di vandalismo”, ma la condotta dell’esercito è stata esemplare. “L’operazione Piombo fuso era completamente giustificata”, dice Zamir. Israele è in guerra con “un movimento islamico terrorista basato su un’ideologia razzista e ultranazionalista che cerca l’uccisione degli ebrei in quanto ebrei e l’eliminazione d’Israele”. I riservisti vogliono citare Haaretz L’esercito israeliano ha operato in modo chirurgico. “Sfortunatamente in queste operazioni i civili vengono uccisi. L’esercito israeliano ha operato per proteggere i civili nel luogo più affollato della terra. Non c’erano ordini per uccidere i civili o esecuzioni sommarie”. Zamir rivendica la moralità dell’esercito, che deve “difendere le vite dei soldati e minimizzare il danno ai civili dietro cui si nascondono i terroristi. E’ la tensione fra la necessità di aprire il fuoco quando lo richiede la sicurezza dei soldati e le condizioni sul campo, e l’obbligo assoluto di non rispondere al fuoco e di agire con compassione quando i civili non hanno intento nocivo. Queste linee- guida sono parte del mondo ebraicosionista dei soldati”. Adesso 65 riservisti israeliani vogliono citare in giudizio il quotidiano Haaretz per aver diffuso notizie false e offensive. “Non hanno fatto niente per controllare le false accuse prima di riportarle”, recita la loro lettera. “Siamo stati chiamati assassini e criminali di guerra e non lo accettiamo”. Durante la sessione di gruppo tenuta all’accademia di Zamir, un soldato aveva accusato un tiratore d’aver aperto il fuoco contro una madre palestinese e i due bambini nella consapevolezza che si trattava di civili, dopo che il comandante aveva detto loro di dirigersi verso una zona off-limits. “Tutti i soldati che hanno partecipato a quella sessione di gruppo sono stati sentiti – si legge nel rapporto dell’esercito – non per punizione, ma per capire se avessero assistito personalmente ai fatti che riferivano. Da tutte le testimonianze che abbiamo raccolto possiamo concludere con certezza che nessuno dei soldati che hanno mosso le accuse ha assistito di persona ai fatti che ha poi raccontato. Era tutto fondato su voci e sentito dire”. Nel caso dei supposti spari contro la madre con i bambini, ciò che è realmente accaduto è che un tiratore ha sparato colpi d’avvertimento per avvertirla che stavano entrando nella zona off-limits. “Lo sparo non era nemmeno rivolto nella loro direzione. A quel punto il comandante è corso su per le scale dell’edificio palestinese, ha raggiunto il tetto e ha chiesto al tiratore perché diavolo sparasse ai civili. Il tiratore ha risposto di non aver sparato su civili, ma i soldati al primo piano dell’edificio hanno sentito solo la domanda gridata dal comandante. Da lì ha preso il via la diceria, che poi si è andata spargendo. Possiamo affermare con la massima certezza che il tiratore non sparò contro la donna e i suoi figli. Più tardi, il comandante della compagnia ha parlato con il tiratore e con il suo superiore. Dunque sappiamo per certo che quel ‘crimine’ semplicemente non è mai avvenuto”. Il danno all’immagine causato dalle accuse difficilmente potrà essere riparato. “E’ disdicevole che dei mass media si lascino usare in questo modo per diffondere le manipolazioni della propaganda palestinese. Basterebbe ricordare l’accusa a Israele d’aver ucciso 48 civili in una scuola Onu di Gaza: in realtà morirono sette persone, di cui quattro erano terroristi armati, ed erano tutte all’esterno dell’edificio scolastico. Anche l’Onu ha ritirato l’accusa e si è scusata, ma ormai il danno è fatto e rimane”. Il maggiore Zamir, che oggi ha due figli nell’esercito, parla anche del grande rispetto che nutre per i sionisti religiosi e il loro idealismo, spazzando via l’idea che sarebbe in corso una faida religiosa nell’esercito. “La cosa più affascinante in battaglia e nell’esercito è la cooperazione fra sinistra e destra, religiosi e laici, abbiamo grandi relazioni e una grande fede l’uno nell’altro. I sionisti religiosi stanno dominando nell’esercito, nelle periferie e nell’istruzione e si è creata l’impressione sbagliata che siano ayatollah che dominano il mondo. E’ falso e lo dico da laico di sinistra”.

WWW.ISRAELE.NET - Herb Zeinon : " La marcia indietro di Zamir "

La controffensiva israeliana anti-Hamas nella striscia di Gaza era pienamente giustificata e alcuni isolati casi di vandalismo non fanno certo delle Forze di Difesa israeliane un esercito di criminali di guerra, e gli ufficiali usciti dai corsi preparatori militari più osservanti dal punto di vista religioso generalmente contribuiscono ad un migliore standard di moralità delle forze israeliane. È quanto ha affermato lunedì al Jerusalem Post Danny Zamir, il direttore dell’accademia pre-militare “Rabin“ di Kiryat Tivon.
Le dichiarazioni di Zamir giungono dopo che il Jerusalem Post è venuto in possesso di una copia di un articolo da lui scritto, destinato alla diffusione all’estero, nel quale cerca di rimettere nel giusto contesto il clamore scatenato dalla pubblicazione in tutto il mondo di controverse conversazioni tenute in una sessione di dibattito da parte di nove ex allievi dell’Accademia che avevano partecipato alla campagna dello scorso gennaio nella striscia di Gaza. Quelle conversazioni comprendevano fra l’altro il racconto di due casi in cui dei sodati avrebbero deliberatamente sparato e ucciso palestinesi innocenti e di atti di gratuito vandalismo.
“Tutta la vicenda è schizzata fuori controllo – dice ora Zamir – Da quella che era una discussione interna con alcuni soldati che parlavano di quanto sia difficile e dolorosa una guerra (comprese le sensazioni soggettivi e le voci incontrollate), e che avevo portato all’attenzione dell’esercito perché mi aspettavo che si occupassero delle questioni sollevate, i mass-media internazionali hanno tratto materia per trasformare le Forze di Difesa israeliane in criminali di guerra”.
La trascrizione dei racconti dei soldati, riportata su un bollettino interno dell’Accademia postato su internet, ha scatenato in effetti vastissimo scalpore sui mass-media di tutto il mondo, con una marea di articoli che utilizzavano i racconti di quei soldati come conferma delle accuse mosse a Israele d’aver commesso di crimini di guerra a Gaza.
La settimana scorsa il giudice militare Avichai Mandelblit, dopo l’indagine della polizia militare, ha archiviato l’affare ed scagionato le forze armate spiegando che le presunte “testimonianze” erano tutte basate sul sentito dire senza alcuna testimonianza diretta.
Facendo riferimento in particolare ad articoli apparsi sul New York Times, Zamir scrive che “questi articoli, esplicitamente o per insinuazioni, sostengono che vi sarebbe un deterioramento nell’impegno delle Forze di Difesa israeliane verso il proprio codice di condotta morale in combattimento e, per di più, che questo deterioramento scaturirebbe specificamente da una crescita della presenza di soldati e ufficiali religiosi nelle forze armate in generale, e in particolare dal rafforzamento della posizione del rabbino capo militare Avichai Ronsky. Era come se i mass-media fossero tutti così ansiosi di trovare motivi per attaccare le Forze di Difesa israeliane che si sono buttati su una riunione fra nove soldati riuniti al ritorno dal campo di battaglia per condividere le loro esperienze e sensazioni soggettive, e hanno usato quell’unico episodio per trarre conclusioni che sembrano una condanna senz’appello. Il dogma – continua Zamir – ha fatto è premio sulla ponderazione e ha prodotto pericolosi malintesi sulla profondità e complessità della realtà israeliana. I resoconti individuali non erano mai stati fatti con l’idea di servire da base per ampie generalizzazioni e conclusioni sommarie da parte dei mass-media. Vennero pubblicati all’interno, per essere usati dai diplomati e dai loro genitori come strumento da utilizzare nel processo educativo e offrire linee guida alla prossima generazione”.
Zamir, un ufficiale della riserva i cui figli servono nelle forze armate israeliane, dice che se credesse davvero che l’esercito del suo paese è un esercito di criminali di guerra, lui stesso non ne farebbe parte. “E’ importante mettere le cose nel loro contesto, ed è molto difficile spiegare al pubblico americano quanto sia complicata la situazione quaggiù”, aggiunge.
Zamir spiega che non ha modo di sapere se gli incidenti riferiti in quei racconti abbiano effettivamente avuto luogo, anche se ha l’impressione che gli isolati casi di vandalismo descritti dai soldati siano avvenuti davvero. “Penso che alcuni degli atti di vandalismo dentro le case palestinesi siano stati effettivamente fatti, ma bisogna porre tutto nel giusto contesto: ciò non fa di quei soldati dei criminali di guerra. L’operazione a Gaza era del tutto giustificata, le Forze di Difesa israeliane hanno operato in modo chirurgico. Purtroppo in questo genere di operazioni restano uccisi anche dei civili. Le forze israeliane hanno operato in modo tale da cercare di salvaguardare i civili in una delle aree più densamente popolate del mondo. Non è stato impartito nessun ordine di uccidere civili né di eseguire esecuzioni sommarie o cose del genere. Ci sono stati problemi, ma si tratta di problemi che l’esercito è in grado di gestire”.
Ciò che lo ha più disturbato, dice Zamir, è stato un articolo nel New York Times sotto il titolo “Una guerra religiosa nell’esercito di Israele”, in cui si lasciava intendere che sia in corso un vero e proprio kulturkampf fra soldati religiosi e soldati laici. Secondo Zamir, l’articolo dava anche l’impressione che lui personalmente fosse ai ferri corti con Ronsky, una persona che egli considera al contrario un caro amico. “Io rispetto molto i sionisti religiosi – spiega – anche se vi sono differenze tra i nostri modi di vedere circa gli insediamenti e altre cose. Siamo amici. Per usare una metafora che si usa nell’esercito, portiamo tutti la stessa barella. Farci passare per nemici è una brutta cosa, gettare tutti i problemi sulle spalle dei soldati religiosi è semplicemente sbagliato. Anzi – aggiunge – la cosa più sorprendente che succede durante la battaglia e nell’esercito è la stretta cooperazione fra destra e sinistra, fra religiosi e laici. Abbiamo ottimi rapporti, con molto rispetto e fiducia gli uni negli altri”.
Zamir afferma che, tanto più numerosi sono i diplomati nelle accademie preparatorie religiose e tanto più numerosi i rabbini istruiti da Ronsky, tanto meglio sarà, “perché tanto più alto sarà il livello morale nell’esercito. I sionisti religiosi sono leader in molti campi, nell’esercito, nelle comunità periferiche, nell’educazione, ed è del tutto sbagliata l’impressionante che viene creata che siano una sorta di ayatollah votati a dominare il mondo. Non è così, e lo dico come uno che è laico e di sinistra”.
Nel 1990 Zamir, allora comandante di una compagnia di paracadutisti riservisti, venne condannato a 28 giorni di cella per essersi rifiutato di garantire la guardia a una cerimonia per la consegna di Rotoli della Torah nella Tomba di Giuseppe a Nablus (Cisgiordania). Un libro del 2004 intitolato “Refusnik: i soldati di coscienza israeliani”, compilato e curato da Peretz Kidron, riporta alcune affermazioni che Zamir scrisse a quell’epoca per spiegare la sua scelta. Oggi Zamir dice che, fino a questi fatti recenti, non sapeva nemmeno di essere citato in quel libro. “Hanno preso qualcosa che scrissi nel 1990 – spiega – e l’hanno inclusa in quel libro senza chiedermi nulla, non lo sapevo nemmeno”. Quella sua scelta, aggiunge, “avvenne prima di Oslo e io pensavo che Israele stesse utilizzando metodi incompatibili con la natura ebraica e democratica dello stato. Sin dal 1992 ho chiarito che non c’è nessuna logica nel rifiutarsi di servire nelle Forze di Difesa israeliane, e lo credo ancora oggi”.
Secondo Zamir, chiunque nella sua Accademia preparatoria dica che intende rifiutarsi di fare il servizio militare viene invitato ad andarsene. “Abbiamo il 100% di arruolati, e il 30% dei nostri diplomati diventano ufficiali”, conclude.
RISERVISTI CHIEDONO INDAGINE CONTRO HA’ARETZ PER CALUNNIA
Si apprende nel frattempo che un gruppo di riservisti delle Forze di Difesa israeliane ha chiesto al procuratore generale Menahem Mazuz di avviare un’indagine a carico del quotidiano israeliano Ha’aretz per la pubblicazione delle presunte “testimonianze” di soldati che riferivano di comportamenti riprovevoli e gravi violazioni dei diritti umani durante la controffensiva anti-Hamas nella striscia di Gaza dello scorso gennaio. Le presunte “testimonianze” vennero poi riperse ampiamente dai mass-media di tutto il mondo. La scorsa settimana l’indagine della polizia militari scaturita da quei resoconti è terminata con la chiusura del caso, avendo accertato che si trattava solo di voci senza fondamento.
La lettera, firmata da 65 riservisti che hanno combattuto nella campagna anti-Hamas a Gaza, è stata inviata lunedì a Mazuz con la richiesta di indagare Ha’aretz per diffamazione, perpetrata riportando come fatti, e non come semplici dicerie, delle presunte “testimonianze” non controllate. “A noi pare che Ha’aretz non abbia condotto il minimo controllo nel riportare quelle false accuse”, si legge nella lettera.
“Siamo stufi di essere definiti assassini e criminali – spiega Amit Barak, promotore dell’iniziativa – Non intendiamo tollerare d’essere trattati in questo modo dopo che, come riservisti, abbiamo dato il nostro contributo al paese servendo nelle Forze di Difesa israeliane. Ci aspettiamo che lo stato stia a fianco dei suoi soldati”.
Barak aggiunge che alcuni riservisti stanno pensando di chiedere un’indagine anche a carico del direttore dell’Accademia preparatoria pre-militare “Rabin”, Danny Zamir, che accusano d’essersi prestato alla diffusione delle false accuse passandole alle stampa.

Per inviare la propria opinione al Foglio, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it
http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT