venerdi 30 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Evangelici.net - Julienews.it Rassegna Stampa
01.08.2008 Figlio di un capo di Hamas si converte al critianesimo e denuncia la cultura dell'odio
due modi di dare la notizia

Testata:Evangelici.net - Julienews.it
Autore: la redazione - Antonio Rispoli
Titolo: «Figlio di leader di Hamas diventa cristiano - ISRAELE: IL FIGLIO DI UNO DEI LEADER DI HAMAS SI SAREBBE CONVERTITO AL CRISTIANESIMO»

Il figlio di un capo terrorista di Hamas si è convertito al cristianesimo e denuncia il culto della morte dei fondamentalisti islamici.

Di seguito, due testi che esemplificano un modo corretto di dare la notizia, attenendosi ai fatti e alle dichiarazioni del diretto interessato, e uno assolutamente scorretto, incentrato su giudizi denigratori, ridicoli psicologismi e processi alle intenzioni assai poco credibili.

Ecco come correttamente riporta la notizia il sito ENVANGELICI:NET, riprendendo un lancio di ADNKRONOS

GERUSALEMME - Il quotidiano israeliano Ha'aretz annuncia che Masab, figlio di Sheikh Hassan Yousef, leader di Hamas a Ramallah, diventa cristiano e afferma: «Ho detto addio a una cultura palestinese in cui un terrorista suicida diventa un eroe, un martire».

Una conversione dall'Islam al Cristianesimo per dire addio a una «cultura palestinese in cui un terrorista suicida diventa un eroe, un martire». Un nome che cambia da Masab a Joseph. È la storia del figlio del leader di Hamas a Ramallah, Sheikh Hassan Yousef, anticipata oggi dal quotidiano israeliano Ha'aretz" e che uscirà integralmente nel magazine del giornale distribuito nel fine settimana. Dopo essere stato per anni al fianco di suo padre, il giovane Masab ha deciso di «cambiare vita» ed è consapevole che sta «mettendo a rischio la sua vita».

«Ma spero che mio padre capirà e che Dio dia a lui e alla mia famiglia la pazienza e la volontà di aprire gli occhi a Gesù e al Cristianesimo - afferma il giovane durante un colloquio con un giornalista di "Ha'aretz" - Forse un giorno potrò tornare in Palestina e a Ramallah con Gesù, nel regno di Dio».

E il figlio del leader di Hamas a Ramallah non tenta neanche di nascondere il suo "legame" con Israele. «Mandate i miei saluti a Israele, mi manca. Rispetto Israele e lo ammiro come Paese - ha detto - Voi ebrei dovete essere consapevoli: non avrete mai e poi mai la pace con Hamas. L'Islam, come ideologia che li guida, non consentirà loro di arrivare a un accordo di pace con gli ebrei. Credono che la tradizione dica che il Profeta Maometto ha combattuto contro gli ebrei e che pertanto devono continuare a combattere contro gli ebrei fino alla morte».

«Un'intera società santifica la morte e i terroristi suicidi. Nella cultura palestinese un terrorista kamikaze diventa un eroe, un martire. I leader religiosi parlano ai loro studenti dell'"eroismo dei martiri" - ha proseguito il giovane che ora vive in California - Mi manca Ramallah. Mi mancano soprattutto mia madre, i miei fratelli e le mie sorelle, ma so che sarà molto difficile per me tornare presto a Ramallah».

Antonio Rispoli sul sito dell'agenzia televisiva JULIENEWS spiega invece così  il rilievo dato alla notizia dal quotidiano (di sinistra)  Ha'aretz

era prevedibile che i giornali israeliani si tuffassero a pesce su una storia del genere. L'intervista pare rilasciata da un ebreo ortodosso, per quelli che sono i forti contenuti di critica all'Islam, perfino ingenerosi, e i messaggi di amicizia e di sudditanza nei confronti della religione ebraica

Non manca la spericolata spiegazione psicologica, che dovrebbe disinnescare l'effetto di un'opinione evidentemente sgradita:

sembra che da questa intervista promani un odio o un rancore del figlio verso il padre, ma a livello personale; e questa conversione sembra più una sorta di dispetto fatto a lui, che non un qualcosa di profondo e radicato.

Ecco il testo completo:

Il quotidiano israeliano Haaretz sta dando molto risalto a una notizia: il figlio di uno dei leader di Hamas, Sheikh Hassan Yousef, si è convertito al Cristianesimo. In una lunga intervista, di cui sono uscite le prime anticipazioni e che sarà in edicola in Israele domani, Masab - questo il nome del ragazzo - ha dichiarato che cambierà il proprio nome in Joseph, come vuole la conversione. Inoltre ha criticato aspramente l'Islam, dichiarando che sbaglia a combattere gli ebrei, solo perchè crede erroneamente che il profeta Maometto abbia combattuto contro gli ebrei. Infine il giovane, che è andato via dalla Palestina da bambino e vive negli Stati Uniti, ha affermato che è consapevole di rischiare la vita, con la sua decisione e che gli manca Ramallah, ma che spera di ritornarci con l'aiuto di Gesù.

C'è da dire che era prevedibile che i giornali israeliani si tuffassero a pesce su una storia del genere. L'intervista pare rilasciata da un ebreo ortodosso, per quelli che sono i forti contenuti di critica all'Islam, perfino ingenerosi, e i messaggi di amicizia e di sudditanza nei confronti della religione ebraica. Leggendola bene, sembra che da questa intervista promani un odio o un rancore del figlio verso il padre, ma a livello personale; e questa conversione sembra più una sorta di dispetto fatto a lui, che non un qualcosa di profondo e radicato.

Per inviare un commento a Evangelici.net cliccare sul link sottostante. Per inviare un commento Julienews.it occorre iscriversi al sito. Per farlo si può utilizzare il secondo link


http://www.evangelici.net/cgi/forum/YaBB.pl?board=news&action=display&num=1217512790
http://www.julienews.it/registrati.php

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT