venerdi 30 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






ummusama.splinder.com Rassegna Stampa
16.08.2007 Un blog italiano che sostiene Al Qaeda
di Barbara ‘Aisha Farina, moglie dell’ex Imam di Carmagnola

Testata:ummusama.splinder.com
Autore: Jazakumullahu khayran Rafidayn Center
Titolo: «Ciò che ha fatto piangere Usama…»
Barbara ‘Aisha Farina, 36 anni, moglie dell’ex Imam di Carmagnola, lo shaykh Abdelkader Fadl’Allah Mamour (espulso nel 2003 e ritornato in Senegal, dove ha fondato il Partito Islamico Senegalese, roccaforte dell’integralismo più intransigente) ha un blog, nel quale apertamente fiancheggia Al Qaeda e Bin Laden . Di seguito, riportiamo il più recente post, che presenta una storia agiografica sul terrorista

Un giorno, all'inizio dell'invasione crociata in Afghanistan, lo shaykh Usama Bin Ladin (che Allah lo protegga) si trovava in compagnia dei suoi luogotenenti, impegnati a pianificare delle operazioni e a studiare la situazione militare del momento. Un giovane venne da lui dicendo: "Oh shaykh! Vorrei mostrarti qualcosa!". Tutti tacquero, tutti guardarono lo shaykh, aspettando la sua risposta. Egli disse allora: "Fammi vedere…" Lo shaykh sentiva qualcosa di strano, il suo viso cominciò a cambiare. Il giovane estrasse il suo computer portatile e lo accese. Mentre il computer si accendeva, il viso dello shaykh non smetteva di cambiare, come se sentisse che qualcosa non andava. Il giovane allora fece partire un video, aumentando il volume al massimo. Apparve l'immagine di un bambino, che aveva una keffiah palestinese avvolta attorno alla testa; le sue mani alzavano una foto di shaykh Bin Ladin. Ad un certo punto il bambino prese la foto e puntò il dito verso di essa, ripetendo: "Dov'è la tua promessa, oh Usama? Dov'è la tua promessa, oh Usama?..." Lo shaykh allora si mise a piangere, tutti coloro che erano presenti nel campo poterono sentirlo piangere. Lo shaykh cominciò poi a dire, ripetendolo ad alta voce: "Cosa vuoi che faccia Usama, quando il mondo intero si è riunito contro di lui?...", e non smise di ripetere questa frase, finché la sua barba fu completamente bagnata di lacrime. L'assemblea fu profondamente toccata da questo episodio, nessuno di noi poté trattenere le lacrime. Piangevamo come una madre che abbia perduto il suo unico figlio. Eravamo in collera con questo fratello che gli aveva mostrato il video, lo rimproveravamo con gli sguardi per ciò che aveva causato allo shaykh. Qualche istante dopo, lo shaykh in lacrime svenne. Lo portammo poi fino a casa sua. Le lacrime lo indebolirono a tal punto da farlo ammalare. Rimase a letto tre giorni di fila. Ogni volta che si alzava, si ricordava dell'immagine del bambino Palestinese, e della sua frase, e si rimetteva a piangere e a ripetere ciò che aveva detto: "Cosa vuoi che faccia Usama, quando il mondo intero si è riunito contro di lui?...". In seguito a questo episodio, lo shaykh mi fece venire in mente 'Umar (che Allah sia soddisfatto di lui), che si ammalava dopo aver letto certi versetti, o dopo qualche evento toccante.

Per inviare una e-mail alla redazione do Splinder.com per segnalare questo blog che fiancheggia il terrorismo cliccare sul link sottostante

supporto@splinder.com
redazione@splinder.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT