giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera - La Stampa Rassegna Stampa
11.02.2021 Foibe, il ricordo e l'uso ideologico della storia
Commenti di Aldo Grasso, Mario Baudino

Testata:Corriere della Sera - La Stampa
Autore: Aldo Grasso - Mario Baudino
Titolo: «La tragedia delle foibe e i drammi degli esuli: la memoria in tv - Foibe, il tempismo sbagliato»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 11/02/2021, a pag. 47 con il titolo "La tragedia delle foibe e i drammi degli esuli: la memoria in tv", l'analisi di Aldo Grasso; dalla STAMPA, a pag. 23, con il titolo "Foibe, il tempismo sbagliato", il commento di Mario Baudino.

Ecco gli articoli:

Risultato immagini per foibe

CORRIERE della SERA - Aldo Grasso: "La tragedia delle foibe e i drammi degli esuli: la memoria in tv"

Immagine correlata
Aldo Grasso

“Foiba” è una parola che deve rientrare nel lessico comune perché c è un oblio — ideologico o semplicemente nutrito dall'indifferenza — che tenta di inghiottirla. Indica un avvallamento di tipo carsico, entro il quale, nelle regioni confinanti con la Jugoslavia, venivano gettate le vittime di rappresaglie militari e politiche. La tragedia delle foibe — nelle quali i partigiani comunisti di Tito gettarono, tra il 1943 e il 1945, migliaia di italiani — e il dramma degli esuli istriano-dalmati, costretti ad abbandonare le loro case dopo la cessione di Istria, Fiume e Zara alla Jugoslavia, seguita alla sconfitta dell'Italia nella Seconda guerra mondiale, sono una delle pagine più dolorose della storia del nostro Paese. Dal 2004 il Parlamento italiano ha istituito il «Giorno del Ricordo». Con diversi programmi, la Rai ha doverosamente commemorato questa triste ricorrenza, una macchia difficile da cancellare: il 10 febbraio è il giorno in cui istriani, fiumani e dalmati celebrano l'esodo, mantengono in vita la memoria di un crimine orrendo. Come hanno ricostruito Paolo Mieli e il prof. Raoul Pupo in una puntata speciale di «Passato e presente» su Rai3: le foibe hanno costituito un vero e proprio «laboratorio» della violenza politica dell'età contemporanea. Le foibe, nel racconto dei testimoni, sono legate a rituali raccapriccianti: cadute a catena, spoliazioni, evirazioni; una danza macabra dettata da un irrefrenabile odio etnico. Tito, seduto al tavolo dei vincitori, si voleva vendicare dei fascisti e degli italiani. Ma altrettanto doloroso è stato l'esodo: l'epiteto più gentile con cui molti dei nostri connazionali accolsero quei fuggiaschi era «banditi giuliani», giusto per equipararli al più insigne fuorilegge; i ferrovieri di Bologna negarono loro un piatto di minestra perché li consideravano fascisti. Le foibe sono davvero un abisso, la voragine dell'inebetimento umano.

LA STAMPA - Mario Baudino: "Foibe, il tempismo sbagliato"

Immagine correlata
Mario Baudino

Secondo Aristotele, la virtù sta nel fare la cosa giusta, rispetto alla persona giusta, nel momento giusto, nella giusta misura, nel modo giusto e anche per il giusto motivo. Vale anche, a rovescio, per la cosa sbagliata, magari aggiungendoci Twitter. Ne abbiamo esempi ogni giorno. Oggi è il turno dell'Anpi di Brescia, con un tweet a proposito della foiba di Basovizza, dove si erge il monumento agli italiani massacrati dai titini: «non è tecnicamente una foiba, ma un pozzo minerario abbandonato. Non ci sono prove documentarie certe che vi siano avvenute esecuzioni o vi siano state sepolte vittime delle epurazioni». Ebbene, a parte le «prove», dal punto di vista geologico non hanno neppure torto. Colpisce semmai la scelta di tempo, visto che ieri era il Giorno del ricordo, in memoria di tutte le vittime delle foibe e dell'esodo. Fra i tanti possibili, l'Anpi sceglie (si direbbe per sfregio) il giorno più «sbagliato», nella misura sbagliata e rivelando uno scopo sbagliato. Che è poi l'uso ideologico della storia, sempre molto, troppo vicino alla sua falsificazione.

Per inviare la propria opinione ai quotidiani, telefonare:
Corriere della Sera 02/62821
La Stampa 011/65681
Oppure cliccare sulle email sottostanti


lettere@corriere.it
lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.