sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio - La Verità Rassegna Stampa
14.11.2019 Napoli, De Magistris ancora contro Israele: il caso di Eleonora De Majo, assessore che paragona Israele al nazismo
Commenti di Maurizio Crippa, Carlo Tarallo, redazionali di Foglio e Verità

Testata:Il Foglio - La Verità
Autore: Maurizio Crippa - Carlo Tarallo
Titolo: «Orco Rubio - La destra e i vuoti sull’antisemitismo - L'assessore di De Magistris: 'Israeliani porci' - Anche 'Repubblica' è negazionista. Della realtà»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 14/11/2019, a pag.1 il commento di Maurizio Crippa dal titolo "Orco Rubio"; a pag. 3, l'editoriale "La destra e i vuoti sull’antisemitismo"; dalla VERITA', a pag.. 11, con il titolo "L'assessore di De Magistris: 'Israeliani porci' "; il redazionale dal titolo "Anche 'Repubblica' è negazionista. Della realtà".

A destra: Luigi De Magistris con Eleonora De Majo

E' Napoli il palcoscenico di oggi dove va in scena l'odio contro Israele. Il sindaco De Magistris, già noto per solidarizzare con i terroristi arabi palestinesi (per esempio l'ospitalità concessa alle Flottiglie antisemite), ha nominato Assessora alla Cultura Eleonora De Majo, che non perde occasione per demonizzare Israele, paragonata al nazismo, oltre a insulti vergognosi.

Ecco gli articoli:

IL FOGLIO - Maurizio Crippa: "Orco Rubio"

Immagine correlata
Maurizio Crippa

Se siete molto giovani, o siete stati genitori al momento giusto, alla Rai c’era la Melevisione e nella Melevisione c’era Orco Rubio, che era un personaggio molto simpatico e beveva solo il “blumele”. Ma ora, essendo nati tutti quanti nel tempo e nel posto sbagliato, in Italia, altro che nel Fantabosco, in televisione c’è Chef Rubio che è un bieco figuro autocaricaturale, antipatico e antisemita che la cosa più intelligente che fa sono i rutti, e quando invece usa la bocca per parlare, libera nos Domine. Lo hanno già cacciato, con ritardo, da una televisione privata. Ma adesso è la Rai ad avere l’occasione di riscattarsi da tante cadute in basso del suo recente declino popsovranista: se terrà fede alla decisione di cancellare Chef Rubio da una trasmissione in cui qualche sconsiderato lo aveva invitato. “Per ragioni di opportunità”. E viva le ragioni di opportunità, che sono buone ragioni. E pazienza le polemiche, la libertà d’espressione conculcata, e se è perché odia Salvini o perché Salvini odia lui: è un orco antisemita, venga zittito e cacciato dalla televisione pubblica. Il diritto di parola non è un privilegio, ma bisogna meritarselo. Però, per una Rai che si riscatta, c’è un guappo napoletano che non si redime. Giggino ’a manetta, insomma il sindaco De Magistris, ha nominato assessore alla Cultura (alla cultura, capite?) Eleonora De Majo, un tipino fino che, tra le molte atrocità, adora minimizzare la Shoah e ha paragonato il sionismo al nazismo. Dopo l’orco chef, spegnete anche l’orco sindaco.

IL FOGLIO: "La destra e i vuoti sull’antisemitismo"

Risultati immagini per antisemitism
Una manifestazione contro l'antisemitismo

Giorgia Meloni, intervistata da Lilli Gruber sui fenomeni di antisemitismo di destra, ha cercato di spostare il problema sugli atteggiamenti antiebraici e antisraeliani di vari esponenti della sinistra. Buttare la palla nel campo avversario quando è una tattica consueta, ma non è mai convincente e in questo caso men che meno. In Italia l’antisemitismo dell’estrema destra esiste, come dimostrano i recenti arresti del gruppo senese “The Shoah Party”. Anche Matteo Salvini, quando nella trasmissione “Dimartedì” a La7 dice che Liliana Segre “porta sulla pelle i segni dell’orrore del nazismo o del comunismo” oltre che commettere un errore storico, visto che il campo di sterminio di Auschwitz fu liberato dalle truppe sovietiche, indulge in questo sgradevole e incauto gioco di rimpallo. A combattere le tracce dell’antisemitismo stalinista ci devono pensare, caso mai, i lontani eredi di quella tradizione e di quell’ideologia. Giorgia Meloni, come Salvini, non è nel modo più assoluto antisemita, lo ribadisce di frequente e lo dimostra con costanza, ma come tutti i leader politici nazionali ha la responsabilità di combattere l’antisemitismo a ogni latitudine, anche quando questo non riguarda né episodi legati all’islam né episodi legati alla sinistra (a proposito: ieri il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha scelto come nuovo assessore una antisemita, sarebbe bene che la sinistra se ne occupasse: vedere a pagina quattro). E per questo i leader politici oggi più forti della destra avrebbero anche il compito di emarginare la xenofobia (i citofoni non si schedano, cara Meloni) quando emerge nel suo campo politico di competenza. I fenomeni di antisemitismo sono in crescita in tutta Europa, in Italia si è passati dai 16 casi censiti nel 2012 ai 181 del 2018. In Francia va anche peggio, con 541 casi nel 2018 contro i 311 dell’anno precedente. In Germania il governo ha conteggiato addirittura 1.646 reti antisemite nel 2018. La maggior parte di queste azioni ignobili ha una matrice di estrema destra (il che non esclude una connivenza o addirittura un finanziamento da parte di paesi arabi come l’Iran e l’Arabia Saudita). La percezione del pericolo di una diffusione dell’antisemitismo è relativamente meno consistente in Italia che negli altri paesi europei. Una ricerca dell’Unione delle agenzie europee per i diritti fondamentali ha riscontrato che questo fenomeno è considerato un problema molto grande solo dal 21 per cento degli italiani, contro una media europea del 45 per cento, che vede una punta del 65 per cento in Francia. Naturalmente questo dipende anche dal fatto che gli episodi antisemiti in Italia sono meno numerosi che in Francia e in Germania, tuttavia bisogna considerare che mentre in Francia l’antisemitismo è un sentimento storicamente radicato da più di un secolo, in Italia è stato un fenomeno di importazione dalla Germania nazista e si è sviluppato come iniziativa dello stato solo per pochi anni. Per questo l’emergere anche in Italia, dove peraltro la presenza ebraica è assai ridotta visto che non raggiunge le 30 mila unità, dell’antisemitismo dovrebbe preoccupare di più i responsabili politici, a cominciare naturalmente da quelli della destra. Le radici dell’antisemitismo non sono univoche: c’è un antisemitismo “anticapitalista”, già diffuso nell’Ottocento, quello che indusse Karl Marx a scrivere che “l’antisemitismo è il socialismo degli imbecilli”. C’è un antigiudaismo cristiano, superato solo con il Concilio Vaticano II, che ha dato vita nelle sue frange estreme, come l’Action française, a un vero e proprio antisemitismo, c’è infine ma non certo per ultimo l’antisemitismo razziale, che ha origine in Germania anche prima di Adolf Hitler, basti pensare agli scritti di Richard Wagner, e che ha coinvolto anche i più raffinati esponenti dell’intellet - tualità accademica, a cominciare da Martin Heidegger. Proprio per la molteplicità delle radici dell’antisemitismo storico, ognuno dovrebbe fare pulizia in casa sua, invece di giocare a un rimpallo di responsabilità. La destra che respinge l’antisemitismo deve occuparsi di combatterlo quando trova espressione nelle sue vicinanze, senza minimizzare o addirittura considerare atti odiosi come la schedatura degli ebrei una specie di innocua ragazzata. L’Osservatorio europeo per i diritti umani ritiene che in qualche paese gli atteggiamenti discriminatori verso gli ebrei sono diventati fenomeni così diffusi da apparire naturali. In Italia non è così, per fortuna, ed è responsabilità dei dirigenti politici evitare che lo diventi. Meloni e Salvini, proprio per la popolarità di cui godono devono esercitare esplicitamente e senza sottovalutazioni questa responsabilità democratica e civile. Senza eludere i problemi e senza polemiche: ci possiamo contare? Grazie.

LA VERITA' - Carlo Tarallo: "L'assessore di De Magistris: 'Israeliani porci' "

Chi lo sa, se la commissione «contro l'odio», istituita dal Senato su proposta della senatrice a vita Liliana Segre, si occuperà mai dell'incredibile caso esploso ieri a Napoli. Chi lo sa se i soloni di sinistra, che da settimane stanno sbraitando contro il centrodestra, per essersi astenuto sulla istituzione della commissione, diranno mezza parola su questa vicenda. Scommettiamo di no, per un motivo molto semplice: protagonista è un sindaco di sinistra, Luigi De Magistris. Eppure, il nuovo assessore alla Cultura del Comune di Napoli, nominato l'altro La difesa: «Polemica strumentale. La mia critica non c'entra con l'antisemitismo» ieri nell'ambito dell'ennesimo rimpasto di giunta, di posizioni molto radicali su Israele ne ha prese eccome. Parliamo di Eleonora de Majo, leader dei centri sociali partenopei, eletta quattro anni fa consigliere comunale nella lista Dem, proprio quella di De Magistris, e promossa l'altro ieri assessore dal sindaco di Napoli. La de Majo, nel 2015, finì sulla graticola mediatica per dei post pubblicati su Facebook nei quali attaccava in maniera violentissima Israele: «Abbiamo sempre detto», affermava la de Majo, «che il sionismo è nazismo, e che i metodi di violenza efferata utilizzati dagli israeliani contro i palestinesi ricordano quelli che negli anni Quaranta portarono alla morte di 4 milioni di ebrei. Mai avremmo pensato però che la follia sionista potesse costruire da sola i ponti di questa continuità. Siete dei porci», aggiungeva la de Majo, «accecati dall'odio, negazionisti e traditori finanche della vostra stessa tragedia. Che schifo». Subissata di critiche, la de Majo rincarò la dose: «L'ho scritto allora», affermò in un altro post su Facebook, «e lo penso oggi. Israele stato assassino. Maledetti sionisti stalker, giù le mani dalla mia bacheca». Immaginate soltanto per un attimo se a scrivere queste frasi fosse stato un assessore di un partito di centrodestra di una grande città d'Italia governata dalla coalizione dei moderati: sarebbe venuto giù il mondo, cari lettori. Sarebbe scoppiato un vero e proprio inferno. Si sarebbe mobilitata tutta la sinistra, i media avrebbero fatto dirette e speciali, possiamo azzardare che sarebbe intervenuto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Siamo certi che l'assessore sarebbe stato defenestrato nel giro di 24 ore. Invece, ieri, nonostante la notizia abbia fatto il giro dei Tg nazionali, nessuno da sinistra ha fatto sentire la propria voce. Niente di niente. Zero totale. Silenzio che non è sfuggito al leader leghista Matteo Salvini: «A Napoli è appena stata nominata assessore alla cultura una signorina dei centri sociali che ritiene che Israele sia un Paese nazista. Quindi probabilmente il problema dell'antisemitismo sta più a sinistra che altrove», ha detto parlando a Firenze. E pure la Comunità ebraica di Napoli ha diffuso un comunicato molto duro: «La Comunità ebraica di Napoli», recita la nota, «esprime il proprio sconcerto e preoccupazione nell'apprendere della nomina ad assessore alla Cultura e al turismo del Comune di Napoli della consigliera comunale Eleonora de Majo che, nel recente passato, aveva affermato che il "sionismo è nazismo", paragonato l'allora premier israeliano Netanyahu a Hitler, definito il governo israeliano "un manipolo di assassini" e gli israeliani "porci, accecati dall'odio, negazionisti e traditori finanche della vostra stessa tragedia", riducendo il numero degli ebrei assassinati nella Shoà a 4 milioni». «La Comunità», prosegue la nota, «ritiene estremamente discutibile l'attribuzione di un assessorato tanto importante quale quello alla Cultura e al turismo a chi ha espresso giudizi tanto superficiali quanto offensivi. In un momento storico caratterizzato dal risorgere dell'antisemitismo e nelle stesse ore in cui metà degli israeliani è bloccata nei rifugi per l'attacco missilistico che da Gaza punta a colpire indiscriminatamente la popolazione civile di Israele», conclude il comunicato, «la nomina della consigliera de Majo appare un atto inopportuno e tale da non favorire il dialogo interculturale e l'impegno per la pace». La de Majo ha risposto a sua volta con una nota: «Essere radicalmente critici verso l'apartheid che Io stato di Israele pratica nei confronti del popolo palestinese», scrive il neoassessore alla Cultura di Napoli, «non ha nulla a che fare con l'antisemitismo. Nello specifico questa, che periodicamente mi riguarda, è una polemica strumentale e fuori luogo che si riferisce al commento a una dichiarazione in cui Netanyahu, nel lontano ottobre 2015, dichiarò all'assemblea delle nazioni unite che "Hitler non voleva sterminare gli ebrei ma solo espellerli", dichiarazione che poi fu costretto a ritrattare. Intanto piuttosto che rispondere a una polemica di quattro anni fa, vorrei mettermi a lavorare perla mia città», ha risposto la de Majo, «a testa bassa e pancia a terra». Testa e pancia a parte, il caso è destinato ad avere risvolti inevitabili, considerato che in queste settimane la questione dell'antisemitismo è stata usata come una clava dalla sinistra contro il centrodestra. Lo stesso De Magistris, pochi giorni fa, affermava: «Napoli starà sempre con Liliana Segre e con i martiri di quella stagione buia e orrenda della storia moderna».

LA VERITA': "Anche 'Repubblica' è negazionista. Della realtà"

Il direttore del CDEC Gadi Luzzatto Voghera smentisce i numeri fantasiosi emersi nei giorni scorsi a proposito degli insulti antisemiti su Facebook contro Liliana Segre, rilanciati da Repubblica. Bene fa, inoltre, a specificare la larga presenza dell'antisemitismo non solo negli ambienti di destra e estrema destra, ma anche nell'estrema sinistra e soprattutto tra le comunità islamiche, sempre più numerose anche in Italia.

Ecco il pezzo:


Risultati immagini per la repubblica logo

II pasticciaccio brutto degli ormai famosi 200 insulti giornalieri rivolti a Liliana Segre è come le sabbie mobili: più ti muovi, volendo rilanciare un'emergenza creata a tavolino, più rischi di affondare. E quello che sta succedendo a Repubblica, la tribuna da cui è partito l'allarme. Alla fine si è scoperto che questi insulti non erano rivolti direttamente alla senatrice a vita, che non ha alcun profilo social su cui si possano sfogare gli antisemiti (che certamente esistono, sia chiaro). Ed è emerso anche che il numero di 200 bordate d'odio giornaliere è stato tirato fuori dal cilindro da Repubblica, dato che l'Osservatorio antisemitismo parlava di 197 atti di antisemitismo, si, ma all'anno. Colti in castagna, i professorini del giornalismo democratico cercano ora malamente di rilanciare. Ieri il quotidiano diretto da Carlo Verdelli intervistava Gadi Luzzatto Voghera, direttore del Centro di documentazione ebraica. ll quale spiegava che 197 sono solo gli atti antisemiti nella vita reale, non quelli in Rete. Oh, ma i «200 insulti giornalieri» da dove escono? Non si sa. Sappiamo che nel 2029 ci sono stati 15.196 tweet antisemiti (cioè 41,6 al giorno). Piero Colaprico, l'autore dello «scoop» iniziale, attacca: chi nega un numero che appare senza fonti sta «rilanciando una notizia falsa». Insomma, bufalaro è chi smonta la bufala, non chi l'ha diffusa. Occhio, però, alla risposta di Luzzatto Voghera: «L'antisemitismo non è relegato alI'estrema destra, o all'estrema sinistra, attraversa ogni categoria sociale. In più non vengono fatti rilievi sulle nuove migrazioni». Il che suona proprio come una bacchettata all'informazione con i paraocchi. Infatti, «se vado nella comunità musulmana e chiedo cosa pensano degli ebrei, la dinamica che scatta è ancora più allarmante». Antirazzisti di tutto il mondo, ancora uno sforzo!

Per inviare la propria opinione ai quotidiani, telefonare:
La Verità
02/36531476
Il Foglio 06/ 589090
Oppure cliccare sulle e-mail sottostanti

lettere@ilfoglio.it
redazione@laverita.info

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT