giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale - Corriere della Sera Rassegna Stampa
11.11.2019 Antisemitismo e islamofobia non hanno nulla in comune
Breve del Corriere, cronaca di Gaia Cesare

Testata:Il Giornale - Corriere della Sera
Autore: Gaia Cesare
Titolo: «La stella gialla e i musulmani - L'Europa dell'antisemitismo: profanato un cimitero ebraico»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 11/11/2019, a pag.15, la breve "La stella gialla e i musulmani"; dal GIORNALE a pag. 10, con il titolo "L'Europa dell'antisemitismo: profanato un cimitero ebraico", una parte del commento di Gaia Cesare.

In Francia, durante una manifestazione "contro l'islamofobia", una bambina portava una stella gialla, di fatto paragonando la situazione dei musulmani oggi a quella degli ebrei sotto il regime nazista. Un paragone che rovescia completamente la storia e mistifica il presente, e che dovrebbe essere rifiutato con forza e senza indecisioni in nome del "politicamente corretto".

Ecco gli articoli:

CORRIERE della SERA - "La stella gialla e i musulmani"

Risultati immagini per france islamofobia etoile jaune
La vergognosa esibizione della stella gialla a una manifestazione "contro l'islamofobia"

Una bimba, in piazza contro l’islamofobia, con la stella gialla, come facevano i nazisti con gli ebrei. La tesi: i musulmani in Francia come gli ebrei sotto Hitler. Un paragone che ha suscitato scandalo

GIORNALE - Gaia Cesare: "L'Europa dell'antisemitismo: profanato un cimitero ebraico"

Risultati immagini per Kirkegård antisemitism
Svastiche sulle tombe ebraiche in Danimarca

L'Europa attraversata da una nuova e preoccupante ondata di antisemitismo assiste all'ultimo episodio di odio anti-ebraico. Accade in Danimarca. Nel cimitero ebraico di Randers, nella parte occidentale del Paese, oltre 80 lapidi sono state dipinte con graffiti verdi, coperte di adesivi con la scritta «Jude» e alcune persino abbattute nel cimitero di Kirkegård. «Non ci sono simboli o testi scritti sulle tombe, ma la vernice è stata versata», ha riferito il portavoce della polizia locale. Non è ancora chiaro quando l'episodio sia realmente accaduto. Una denuncia è stata presentata sabato pomeriggio, ma la polizia ha detto di ignorare il momento esatto in cui le tombe sono state profanate. Non il movente. È evidente l'intento criminale e simbolico. Il cimitero ebraico di Randers fu istituito all'inizio del XIX secolo e la città, con circa 200 persone, era la più grande comunità ebraica fuori Copenaghen. Nella capitale danese oggi vive la maggioranza degli ebrei di Danimarca, circa 6mila. E non sembra affatto casuale la coincidenza della profanazione con la Notte dei cristalli, quando tra il 9 e il 10 novembre del 1938 centinaia di ebrei furono uccisi dai nazisti e sinagoghe, cimiteri, negozi e case distrutti. Anche in Gran Bretagna è in corso un acceso dibattito sulle derive antisemite del principale partito di opposizione, il Labour guidato da Jeremy Corbyn, contro il quale si è schierato lo storico settimanale «Jewish Chronicle», invitando tutti gli ebrei, inglesi e non, a non votarlo alle prossime elezioni il 12 dicembre. Appena un mese fa, anche in Germania, dove l'ultradestra antislamica e antisemita del partito AfD avanza alle urne, si è registrato un altro caso inquietante. Un neonazista ha firmato un attentato il cui obiettivo era la sinagoga di Halle, proprio nel giorno in cui gli ebrei celebravano lo Yom Kippur. Allarme alto pure in Francia, dove vive la principale comunità ebraica d'Europa e gli episodi di odio antiebraico hanno registrato un +74% nel 2018. In un cimitero in Alsazia, a febbraio, sono state profanate 80 tombe. Il numero di atti antisemiti «violenti e gravi» nel mondo è cresciuto nel 2018 del 13% rispetto al 2017. L'anno scorso i casi sono stati 387 (contro i 342 dell'anno precedente), con 13 ebrei uccisi. Il dato - contenuto nell'ultimo Rapporto del Centro Kantor dell'Università Kantor di Tel Aviv, insieme all'European Jewish Congress - fotografa un'escalation che riguarda anche il mondo virtuale dei social network, divenuti terreno ideale per insulti e minacce.

Per inviare la propria opinione, telefonare:
Corriere della Sera: 02/62821
Il Giornale: 02/85661
oppure cliccare sulle e-mail sottostanti

lettere@corriere.it
segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT