venerdi 22 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio;Libero;Il Giornale Rassegna Stampa
26.09.2009 La crociata di Odifreddi contro Giorgio Israel si trasforma in un boomerang
Rassegna di cronache e analisi

Testata:Il Foglio;Libero;Il Giornale
Autore: Il Foglio editoriale,Miska Ruggeri,Matteo Sacchi
Titolo: «I numeri di Odifreddi-L'illuminato Odifreddi non tollera il sionista-Premio all'intolleranza per Odifreddi»

Della crociata di Piergiorgio Odifreddi contro Giorgio Israel, reo secondo il fanatico  accusatore di essere "sionista" e "vicino al'area governativa", non abbiamo trovato una riga sui nostri giornaloni, fatta eccezione per il CORRIERE della SERA,che, nell'edizione di ieri, ha dato l'avvio alla polemica. Niente sulla STAMPA, su REPUBBLICA,sul SOLE 24ORE, sul MESSAGGERO, niente,ovviamente nulla sui giornali di sinistra, per i quali la libertà di pensiero è sacra solo a senso unico. Peccato, perchè le intollerabili intolleranze del fanatico comunista Odifreddi (lo dice lui di esserlo, comunista) gli sono ritornate indietro come un boomerang, lasciandogli alcuni vistosi lividi. Ben gli sta. Ecco alcuni articoli apparsi oggi, 26/09/2009, sul FOGLIO con un editoriale, su LIBERO, di Miska Ruggeri, sul GIORNALE, di Matteo Sacchi. Da parte nostra tutto l'onore a Giorgio, eccelso sionista e matematico serio.

 Giorgio Israel

Il Foglio- " I numeri di Odifreddi "

 John von Neumann

E’forse in vista del “concerto numerico” che terrà stasera ai “Dialoghi di Trani” che il matematico e ateista militante Piergiorgio Odifreddi i numeri ha cominciato a farli con qualche giorno di anticipo. Si potrebbe semplicemente leggere così, la sua decisione, notificata con enfasi alle grandi testate nazionali, di restituire il premio “Giuseppe Peano” per il miglior libro di divulgazione scientifica – vinto da Odifreddi nel 2002 – per via dell’invincibile rifiuto a “essere accomunato in nessun modo” allo storico della matematica Giorgio Israel. Il quale il “Peano” l’ha appena vinto, con la moglie Ana Millán Gasca, per il saggio “Il mondo come gioco matematico” (Bollati Boringhieri), dedicato a John von Neumann, lo studioso ungherese di origini ebraiche naturalizzato americano che lasciò un segno indelebile sulla scienza e la cultura del Ventesimo secolo. Anche lui, purtroppo, sgraditissimo a Odifreddi, perché collaborò al progetto della bomba atomica. La faccenda sarebbe da seppellire nel ridicolo stratosferico da cui nasce, e basta. Se non fosse per quella fastidiosa consonanza delle argomentazioni con cui Odifreddi rifiuta l’accomunamento con Israel – al quale rimprovera il “sionismo oltranzista” e il peccato di essere consulente del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini – con gli altri attacchi giunti al docente della Sapienza nelle scorse settimane, da siti web che accomunano “l’ebreo Israel” a Marco Biagi, ammazzato dalle Brigate rosse nel 2002 perché collaboratore dell’allora ministro del Lavoro Roberto Maroni. Piergiorgio Odifreddi dice di aver solidarizzato in quell’occasione con Israel. Ma il rifiuto plateale – e ben pubblicizzato – addirittura a comparire con lui nell’albo d’oro di un premio, smentisce sonoramente quella solidarietà. Non solo. E’ la spia di un altro vecchio e sinistro tic: il disconoscimento di qualsiasi valore e dignità intellettuale a chicchessia, se non è accompagnato o, meglio ancora, preceduto da professioni di fede politicamente corrette.

Libero-Miska Ruggeri: " L'illuminato Odifreddi non tollera il sionista "

 Odifreddi verifica il colpo di boomerang

La Ragione, l’Illuminismo, la Tolleranza, il Laicismo, l’Evoluzione, la Democrazia e tante altre belle maiuscole. E Voltaire sempre in bocca. E giù mazzate agli oscurantisti. Per poi finire, alla prima occasione o quasi, come un qualsiasi nuotatore o lottatore iraniano che si rifiuta di gareggiare contro un avversario israeliano per motivi ideologici. Con la differenza che gli atleti di Teheran e dintorni sono costretti dal loro governo e si adeguano, spesso a malincuore, solo per evitare terribili ritorsioni da parte dei pasdaran, mentre il professor Piergiorgio Odifreddi ha fatto tutto quanto da solo.

Sconvolto all’idea che il premio “Peano” (intitolato al grande matematico cuneese Giuseppe Peano, 1858-1932, e riservato a «libri di argomento matematico accessibili ad un pubblico non specializzato»), vinto da lui nel 2002 per il saggio C’era una volta un paradosso (Einaudi), quest’anno sia stato conferito a Giorgio Israel e alla moglie Ana Maria Millan Gasca per la biografia dello scienziato ebreo ungherese John von Neumann Il mondo come gioco matematico (Bollati Boringhieri, versione ampliata rispetto all’edizione del 1995), ha pensato bene di inviare all’Associazione Subalpina Mathesis, istitutrice del premio, una dura lettera per restituire al mittente il “Peano”.
Il bellicista von Neumann
Non sia mai che nell’albo d’oro il suo pregiato nome preceda quello del «fondamentalista» Israel. Un collega (insegna alla Sapienza di Roma, mentre Odifreddi è docente all’Università di Torino) accusato di essere «un ex comunista ora collocato all’estremo opposto» (notoriamente i peggiori, mentre per chi fa il percorso inverso, alla Dario Fo, è sempre pronto il tappeto rosso), un sionista a oltranza, un collaboratore del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini e un nemico della divulgazione scientifica e del Festival della Matematica. Senza poi considerare che il biografato scelto da Israel, von Neumann, era un tipaccio, coinvolto nel progetto Manhattan per la costruzione della bomba atomica americana, «non certo un personaggio da cui prendere esempio oggi». Insomma, una “fedina penale” così sporca da obbligare il povero Odifreddi a dichiarare ad Antonio Carioti del Corriere della Sera: «Non gradisco essere accomunato a lui in nessun modo». Certo, una difesa d’ufficio dinanzi alle minacce via Internet ricevute qualche tempo fa da Israel, definito «puparo ebreo» e paragonato, con ovvie implicazioni, a Marco Biagi, ma per il resto neanche un caffè. Non ci si può contaminare con il nemico - anche se poi pare proprio che sia in corso di stampa un libretto di cultura matematica a più voci con interventi sia di Odifreddi che di Israel...
Valutazioni ideologiche
Argomenti del genere, che esulano dal piano scientifico - il saggio di Israel e Millan Gasca, pubblicato in inglese da Birkhäuser, è stato recensito favorevolmente pure dal celebre matematico Philip J. Davis (professore emerito alla Brown University) su Siam (Society for Industrial and Applied Mathematics) News -, lasciano senza parole. Tanto che lo stesso presidente di Subalpina Mathesis, Franco Pastrone dell’Università di Torino, ieri si è affrettato a smentire ventilate perplessità della giuria dovute alla vicinanza di Israel al governo Berlusconi: «Nella discussione non sono mai intervenute valutazioni di tipo ideologico o politico, totalmente estranee al premio, valutazioni che invece sono le sole espresse da Odifreddi». Mentre l’altro protagonista (involontario), Israel, evita di commentare la vicenda: «Non voglio entrare in confronto con Odifreddi. Sta cercando la rissa per farsi pubblicità e dargli corda sarebbe umiliante».

Fa comunque impressione il silenzio di politici e intellettuali vari, sempre pronti a firmare appelli e manifesti. A ruoli invertiti, con Odifreddi discriminato perché vicino alla sinistra o all’ateismo militante, sarebbe accaduto il finimondo. Epperò, si sa, viviamo in un regime...

Il Giornale-Matteo Sacchi: " Premio all'intolleranza per Odifreddi "

 Una riuscita caricatura di Odifreddi

Per l’ennesima volta Piergiorgio Odifreddi ha deciso di varcare il Rubicone che dovrebbe separare la matematica dalle idee politiche, l’eterea e perfetta scienza dei numeri dagli odi personali e dagli strali che lancia contro chi ha convinzioni diverse da quelle ateo-materialiste (cioè la maggioranza degli italiani). E come al solito l’ha fatto da par suo, ossia caricando a testa bassa e sfruttando al meglio la propria visibilità mediatica. L’altro ieri, infatti, una mail, a firma del professore e indirizzata anche ad alcune delle più importanti testate quotidiane come La Stampa e Repubblica, ha avvisato l’associazione Subalpina Mathesis (che gestisce il premio Peano, uno dei più prestigiosi d’Italia per la divulgazione matematica) che voleva immantinente il suo nome cancellato dall’albo d’oro della medesima. Odifreddi, vincitore nel 2002 con C’era una volta il paradosso (Einaudi) non gradisce più fregiarsi di un premio che, quest’anno, andrà a uno storico della matematica: Giorgio Israel. Non che abbia da ridire sulle capacità scientifiche del collega piuttosto ritiene (parole sue): «che le posizioni espresse da Israel in ambito politico, culturale e accademico sul suo Blog, sul sito Informazione Corretta e in ripetuti interventi su Il Foglio; Il Giornale e L’Osservatore Romano; culminate con la sua collaborazione con il ministro Gelmini come consulente per la “riforma” della scuola, trascendano i limiti della normale dialettica, e si configurino come un pensiero fondamentalista col quale non intende essere associato intellettualmente, nemmeno nel senso... di condividere con lui l’albo d’oro dello stesso premio». Idee che ha ribadito intervistato in un lungo articolo sulle pagine del Corriere a firma Antonio Carioti che, ciliegina sulla torta, ha attribuito al presidente di Subalpina Mathesis l’indiscrezione che anche alcuni membri della giuria avessero avuto perplessità sull’idea di premiare Israel. Insomma una «scomunica» lanciata contro un rispettato collega a partire dalle sue convinzioni politiche e religiose e che trasforma in una colpa il fatto di essere un consulente dell’attuale governo. Abbastanza per lasciare di sasso il professor Israel che ha vinto il premio con Il mondo come gioco matematico, scritto assieme a sua moglie Ana Maria Millan Gasca e dedicato al matematico John Von Neumann. E se il professor Israel non vuole alimentare le polemiche personali, si limita a dire che il suo libro è distantissimo dalle questioni politiche e che racconta della vita di un grandissimo uomo di scienza, diversa è la posizione di Franco Pastrone. Il presidente di Subalpina Mathesis coinvolto direttamente smentisce, parlando con Il Giornale, di aver fatto qualsivoglia accenno a dubbi su Israel: «Come ho scritto al giornalista del Corriere non ho mai detto che la vicinanza di Israel al governo abbia suscitato perplessità nella giuria... Nella discussione non sono mai intervenute valutazioni di tipo ideologico... Noi ci occupiamo di libri che aiutino la divulgazione matematica». E quanto al gesto di Odifreddi lo definisce «incomprensibile... fuori dalla deontologia che dovrebbe caratterizzare i comportamenti di uno scienziato». E lui? Il «Matematico impertinente» è convintissimo del suo gesto, come dice al Giornale: «Sono le idee di Israel a trascendere la normale dialettica politica, sono di un sionismo estremo... E anche la sua scelta di collaborare con un ministro come la Gelmini per me è inaccettabile... Lui ha il diritto di pensarla come vuole ma io ho il diritto di non stare nello stesso albo d’oro con lui...». Se poi provate a dirgli che anatemi di questo tipo non fanno bene al dialogo culturale: «Ma quale anatema ho scelto la protesta più moderata di tutte, non ho mica fatto un sit-in...». 

Per inviare al Foglio, Libero, il Giornale, cliccare sulle e-mail sottostanti.


lettere@ilfoglio.it
lettere@libero-news.eu
segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT