giovedi` 04 marzo 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La risposta di Benjamin Netanyahu alla Corte penale internazionale (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
22.02.2021 L'Iran detta ordini, Biden segue Obama
Commento di Roberto Fabbri

Testata: Il Giornale
Data: 22 febbraio 2021
Pagina: 15
Autore: Roberto Fabbri
Titolo: «Iran, Biden 'copia' Obama. Ma Teheran alza il prezzo»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 22/02/2021, a pag.15, con il titolo "Iran, Biden 'copia' Obama. Ma Teheran alza il prezzo", il commento di Roberto Fabbri.

A destra: Joe Biden

L'Iran degli ayatollah detta ordini a Joe Biden, che non trova di meglio che seguire la strada di dialogo a oltranza aperta da Obama, una strada che porta direttamente al nucleare per il regime terrorista sciita.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Roberto Fabbri

Siamo forse a un passo dalla prima sostanziale rottura da parte dell'amministrazione Biden di uno dei capisaldi della politica estera del suo predecessore. Il nuovo presidente democratico apre a concessioni all'Iran pur di far rientrare gli Stati Uniti al tavolo negoziale con Europa, Russia e Cina (in sigla Jcpoa) che aveva prodotto gli accordi sul programma nucleare iraniano del 2015 poi stracciati da Trump. L'ex presidente repubblicano aveva poi adottato la strategia di massima pressione sull'Iran, composta da dure sanzioni economiche, da azioni militari mirate culminate nell'assassinio dello stratega iraniano in Medio Oriente generale Suleimani e dalla messa a punto di una solida alleanza anti-iraniana con Israele, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Ora Biden, come conferma il suo consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan, intende ristabilire anche nei confronti dell'Iran islamico - nemico giurato del «Satana americano» - il primato della diplomazia. Peccato che l'annunciato ritorno Usa ai negoziati rischi di trasmettere a Teheran un messaggio di debolezza: non solo Sullivan lega la partecipazione ai colloqui alla liberazione dei cittadini Usa detenuti illegalmente in Iran, ma il nuovo segretario di Stato Antony Blinken e l'inviato speciale per l'Iran, Rob Malley, erano figure chiave dell'accordo firmato da Obama con gli ayatollah, e il loro ritorno al tavolo nonostante le obiezioni (per ora pacate) degli alleati regionali di Washington sa molto di passo indietro. Se si aggiunge che sostenitori del Jcpoa come Ali Vaez, direttore del Progetto Iran presso il Gruppo di crisi internazionale fin qui diretto da Malley, sostengono che «in quanto parte che è venuta meno ai propri impegni e ha portato l'accordo all'attuale triste condizione, ricade sugli Stati Uniti l'onere di compiere passi (leggi la revoca delle sanzioni imposte da Trump, nda) che dimostrino all'Iran di essere un partner negoziale affidabile», resta davvero poco da aggiungere: il clima ideologico di autoflagellazione dell'amministrazione Biden è lampante.

Image result for iran obama

Assistiamo ora a una situazione paradossale. Il leader della diplomazia iraniana Mohamad Javad Zarif, rappresentante di un Paese che ancora in questi giorni era dietro gli attacchi con razzi contro posizioni americane in Iraq, si trova addirittura nelle condizioni di alzare la voce con la Casa Bianca e di rilanciare con toni arroganti. «Biden non può venirci a dire di voler tornare a negoziare con noi mantenendo allo stesso tempo le sanzioni contro il nostro Paese». Ieri Zarif, insieme con il responsabile del programma atomico iraniano Ali Akbar Salehi, ha ricevuto a Teheran l'inviato dell'Agenzia atomica dell'Onu, Rafael Grossi, il quale era ripartito assicurando che le discussioni avute con gli iraniani erano state «proficue». In realtà questi colloqui si erano tenuti in un contesto tutt'altro che disteso: proprio ieri, infatti, Teheran aveva fissato la scadenza del suo ultimatum perla revoca delle sanzioni americane contro la Repubblica islamica. In mancanza di questo passo indietro, l'Iran minacciava un passo molto grave: l'immediata sospensione del protocollo addizionale siglato con l'Aiea che prevede tra l'altro verifiche senza preavviso degli inviati Onu in qualsiasi impianto nucleare iraniano.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione indipendente su Israele


Se provvedi entro Marzo potrai usufruire dell'offerta speciale di soli
60 euro annuali

(equivalente al costo di un caffè la settimana)

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255 intestato a Informazione Corretta - Angelo Pezzana


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.