giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
12.02.2021 Turchia: Erdogan dalla Libia alla Luna
Commento di Gian Micalessin

Testata: Il Giornale
Data: 12 febbraio 2021
Pagina: 16
Autore: Gian Micalessin
Titolo: «Erdogan dalla Libia alla Luna»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 12/02/2021, a pag.16 con il titolo 'Erdogan dalla Libia alla Luna' l'analisi di Gian Micalessin.

Immagine correlata
Gian Micalessin


Recep T. Erdogan

Dalla Libia alla Luna, passando per Siria, Mediterraneo e Nagorno Karabakh. La megalomania del presidente turco Recep Tayyp Erdogan ormai non ha più confini. Dopo aver spostato armate, droni e mercenari in Medio Oriente, Africa e Caucaso il Sultano punta ora a conquistare la Luna. Cimentandosi non più in semplici conflitti regionali, ma in autentiche guerre spaziali. Solo il nemico non cambia mai. La decisione di spedire una sonda sul nostro satellite, comunicata in diretta televisiva martedì sera, è arrivata proprio mentre le emittenti degli Emirati Arabi festeggiavano l'entrata nell'orbita di Marte di una sonda lanciata sette mesi prima. Il successo spaziale del grande rivale di Abu Dhabi, colpevole di appoggiare e finanziare le campagne del generale Khalifa Haftar in una Libia dove Ankara sostiene, invece, il governo di Tripoli e le milizie dei Fratelli Musulmani, non poteva esser lasciata senza risposta. E così Erdogan ha immediatamente allestito il suo teatrino. Un'esibizione preceduta dalla comparsa nel sito archeologico di Göbekli Tepe, la Stonehenge della regione di Sanliurfa, di un monolite su cui una scritta in turco arcaico annunciava «guardate il cielo, vedrete la Luna».

Chi al cielo, quella sera, ha preferito la tv si è visto comparire il faccione del Sultano che tra fanfare ed effetti speciali annunciava in «prime time» i piani spaziali. Piani che dopo l'impresa della sonda lunare continueranno con la messa in orbita di astronauti in carne e ossa pronti a sbarcare sul satellite e a gestire una stazione spaziale. A questo punto resta solo da capire se il Sultano riuscirà a finanziare i suoi ambiziosi progetti spaziali. Le guerre a tutto campo combattute non solo contro i curdi a casa propria e nella vicina Siria, ma anche a fianco dei miliziani della Fratellanza Musulmana contro l'asse sunnita di Emirati, Arabia Saudita ed Egitto o, a sostegno dell'Azerbaijan, contro gli armeni del Nagorno Karabakh, non sono certo a costo zero. L'inflazione, alimentata dalle spese militari, viaggia da anni su valori del 12 per cento, moltiplicando il costo dei beni alimentari e distruggendo il potere d'acquisto della popolazione. In questa situazione l'orgoglio di metter piede sulla Luna difficilmente compenserà la rabbia di una cittadinanza costretta ogni fine mese ad investire i propri stipendi in riserve di pasta e riso per mettersi al riparo dall'inesorabile spirale dei prezzi. Insomma laddove il Sultano invita a guardare cielo e luna i suoi sudditi vedono ormai solo piatti e portafogli sempre più vuoti.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.