domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
26.11.2020 Iran, ecco il vero volto del regime
Condanna a morte 'imminente' per il ricercatore irano-svedese

Testata: Il Giornale
Data: 26 novembre 2020
Pagina: 22
Autore: la redazione del Giornale
Titolo: «Esecuzione 'imminente' per il ricercatore irano-svedese»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 26/11/2020, a pag. 22 l'articolo "Esecuzione 'imminente' per il ricercatore irano-svedese".

Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese  detenuto in Iran
Ahmadreza Djalali

«La notizia è orribile: le autorità iraniane intendono eseguire la condanna a morte di Djalali entro una settimana», dichiara Diana Eltahawy, vicedirettrice per il Medio Oriente e l'Africa del Nord di Amnesty International. Sarebbe dunque imminente l'esecuzione dell'irano-svedese esperto in Medicina dei disastri, Ahmadreza Djalali, che per diversi anni ha operato a Novara nella struttura del Crimedim, il centro di ricerca internazionale dell'Università del Piemonte Orientale noto in tutto il mondo per gli studi sulla medicina delle emergenze. Lo rivela Amnesty International che ha appreso «con sgomento» la notizia del trasferimento di Djalali in isolamento, cosa che lascia supporre l'imminente esecuzione. Djalali, che ha vissuto e lavorato a lungo a Novara, è stato condannato a morte nel 2017, dopo un processo farsa per «corruzione». Il tribunale si è basato su «confessioni» estorte con la tortura quando Djajali, arrestato nell'aprile 2016, era detenuto in isolamento senza accesso a un avvocato.

Amnesty International on the Battle for Fallujah - YouTube
Diana Eltahawy

«Durante gli interrogatori - ricordano gli operatori di Amnesty International - lo hanno minacciato di morte e terrorizzato dicendogli che avrebbero ucciso i figli residenti in Svezia e la madre che vive in Iran. In una lettera trapelata dalla prigione di Evin nell'agosto 2017, Djalali ha denunciato che era stato arrestato solo perchè aveva rifiutato di utilizzare le sue relazioni accademiche con le istituzioni europee per fare la spia in favore dell'Iran. Quanto all'intervento della diplomazia svedese, l'Iran respinge e ritiene «inaccettabile» qualsiasi ingerenza esterna sull'operato della magistratura, secondo una nota del portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Saeed Khatibzadeh, all'indomani della telefonata tra la ministra degli Esteri, Ann Linde, e il suo omologo iraniano, Mohammad Javad Zarif. Ieri l'Iran ha rilasciato la cittadina britannico-australiana Kylie Moore-Gilbert, accademica di studi islamici incarcerata con l'accusa di lavorare per Israele, in cambio del rilascio di tre «uomini d'affari» iraniani in cella all'estero. Il presidente Rohani ha invitato l'amministrazione di Joe Biden, a ripristinare la «situazione che prevaleva» prima che Donald Trump salisse al potere, segno che qualcosa potrebbe cambiare nelle relazioni tra i due Paesi.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT