domenica 27 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
09.08.2020 Guerra per le strade a Beirut: il Paese è nel caos
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 09 agosto 2020
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Guerriglia a Beirut: assalto al palazzo e ucciso un militare: 'Sarà rivoluzione'»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 09/08/2020, a pag. 12 con il titolo "Guerriglia a Beirut: assalto al palazzo e ucciso un militare: 'Sarà rivoluzione' " l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: l'esplosione di Beirut

Per approfondire, ecco il link all'analisi su Radio Radicale di Fiamma Nirenstein:
https://www.radioradicale.it/scheda/612887/beirut-lesplosione-il-libano-e-israele-fiamma-nirenstein

Immagine correlata

Fiamma Nirenstein

"Dov'è mio figlio? Avete seppellito il mio ragazzo". Ci può essere un grido di orrore e di protesta più cocente di quello di una madre orbata? La sua voce, fra mille grida di rabbia, di furia, di disperazione, si è udita ieri nella Piazza dei Martiri di Beirut. La gente della capitale del Libano straziata, piangendo i suoi 158 morti e i suoi 5000 feriti, si è riversata nelle strade e ha gridato il suo definitivo rifiuto verso la classe dirigente corrotta e incapace che ha reso il Paese misero, corrotto e ora ferito a morte. Ci sono state lacrimogeni, botte, ancora sangue per impedire ai manifestanti di raggiungere il Parlamento, gli slogan dicevano "andatevene, siete voi gli assassini", "il popolo chiede la caduta del regime" "vogliamo un futuro di dignità". Le forze speciali dell'esercito si sono schierate davanti alla sede degli Hezbollah. L'aria della città è diventata irrespirabile, la folla ha occupato l'entrata del Ministero degli Esteri. Il presidente Michel Aoun e Hassan Nasrallah sono stati impiccati in effige dalla folla: la gente che ha un'esperienza bruciante di quanto il puzzo della dinamite e la paura del domani abbiano a che fare con gli Hezbollah e il loro sciagurato dominio del Paese. Hanno visto attentati che hanno fatto centinaia di morti, quello anti-americano e anti-francese dell'83, quello che ha ucciso Rafik Hariri nel 2005. Nasrallah è nell'occhio del ciclone: il capo degli Hezbollah, l'organizzazione sciita, partito e gruppo terrorista, che controlla a forza quasi tutta la leadership del Paese incluso l'esercito, venerdì ha tenuto un discorso in cui negava ogni nesso con l'esplosione e minacciava velatamente chi avesse intenzione di mettere sotto accusa"la resistenza" ovvero il suo gruppo armato fino ai denti, e dunque il suo potente sponsor, il regime iraniano degli Ayatollah. Il discorso denunciava tuttavia la evidente crisi che adesso, per gli Hezbollah potrebbe trasformarsi in un disastro storico. Ma che, invece, alternativamente, per Nasrallah potrebbe essere un'opportunità. Da una parte, verrà riconosciuta agli Hezbollah una responsabilità diretta o indiretta? Dalle analisi più quotate appare sempre più chiaro che non funziona la narrativa di Aoun di un vecchio accumulo di materiali infiammabili lasciato deteriorare al molo 12 dai tempi di Rafik Hariri (il Primo Ministro che sembra sia stato eliminato in città con mille chili di tritolo dagli Hezbollah); che invece quel molo e altri servivano per il rifornimento di armi che l'Iran destina a Hezbollah; che il nitrato di ammonio può arrivare a livelli di esplosione così giganteschi solo se vicino a munizioni e a carburante per missili. La catastrofe consta di una serie di esplosioni che ne confermerebbero l'accumulo vicino al nitrato di ammonio, e non di fertilizzante. Questa lettura degli eventi mette sotto indagine il cinismo che Hezbollah ha sempre dimostrato nel nascondere le sue armi, i suoi famosi 350mil missili, fra la popolazione civile, compresi 28 siti in Beirut stessa.


Hassan Nasrallah

La crisi economica, il disastro, la sempiterna guerra cui Hezbollah costringe il Libano potrebbero portare l'organizzazione a una crisi forse definitiva. D'altra parte Hezbollah ha sempre trasformato le crisi in "business" come i postumi del guerra del 2006 e gli investimenti del Qatar, o la guerra siriana che ne ha fatto il gauleiter militare plenipotenziario dell'Iran in Medio Oriente. Adesso che Cina, Turchia e Qatar, tutti amici dell'Iran, sono in testa alle offerte di aiuto, è chiaro chi gestirà la pioggia di denaro. E in che modo? Le armi e la guerra sono lo scopo di Nasrallah, non i cittadini: "Conosco meglio il porto di Haifa di quello di Beirut" ha detto. Cioè sa come attaccare, "facendone una bomba atomica", i depositi di gas israeliani. Intanto Aoun suggerisce che sia stato Israele a colpire Beirut: ma le foto satellitari smentiscono l'ipotesi. E il fotoshop di un missile fasullo con le code di fuoco accese (non lo sono quando il missile è in caduta) si unisce alle fake news, ma parla l'ethos di Israele che richiama indietro mille volte le più drammatiche operazioni se solo individua un bambino nelle vicinanze di un obiettivo. La gente nelle strade grida "rivoluzione". I soldati spesso non reagiscono, sembrano capire che la folla ha ragione. Sono decenni che lo scontro etnico religioso si è trasformato a causa del dominio degli Hezbollah in un sistema di corruzione e di dominio, e adesso per rovesciare il sistema occorre innanzitutto evitare che essi possano capitalizzare il disastro.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT