sabato 17 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
27.12.2019 Primarie Likud: vince Benjamin Netanyahu
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 27 dicembre 2019
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Sfida a Netanyahu dopo 23 anni da segretario. Ora l'ex delfino Sa'ar vuole la guida del Likud»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 27/12/2019, a pag. 12 con il titolo "Sfida a Netanyahu dopo 23 anni da segretario. Ora l'ex delfino Sa'ar vuole la guida del Likud" l'analisi di Fiamma Nirenstein.

Benjamin Netanyahu ha vinto nettamente le primarie del Likud, confermandosi alla guida del partito che ha partecipato alla maggioranza dei governi degli ultimi quarant'anni in Israele.

A destra: Gideon Sa'ar, Benjamin Netanyahu

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Gerusalemme Per la prima volta nella sua storia di primo ministro, di leader indiscusso del Likud, Benyamin Netanyahu è stato sfidato ieri da un contendente alle primarie del suo partito laico conservatore, guidato dal '96. L'ha portato a vittorie fulminanti sempre circondato dall'amore senza se e senza ma dei suoi, la pancia e anche la testa di Israele, gente comune, soldati, intellettuali. Fieri di un capo che si staglia nel panorama mondiale come un leader che ha portato stabilità, ricchezza, sicurezza. Ma ora è scontro. Ieri nel 106 seggi sparsi per un Paese sommerso da una rarissima pioggia battente 116.048 aventi diritti al voto si sono trovati a dover scegliere fra il loro capo storico, premier da 11 anni, e Gideon Sa'ar. Un politico elegante e di bell'aspetto, avvocato di mestiere, figlio di un medico immigrato dall'Argentina e di una maestra, sposato per la seconda volta con Geula Even, una delle più importanti anchorwoman dalla tv israeliana, madre di due dei suoi quattro figli. Sa'ar è un conservatore, nato nella couche di Netanyahu, che già nel '99 l'ha fatto segretario del governo, avviandolo così sulla strada per cui poi ha servito come presidente della coalizione per i due governi Sharon e in seguito è stato, con Bibi, ministro della Cultura e poi degli Interni. Poi il bel politico rampante si è scansato, ha deciso di tomare a casa nel 2014 fino a ieri per riapparire sulla scena nel momento in cui sia possibile, e quindi teoricamente accettabile, mettere in discussione un grande capo su cui si sono accaniti una quantità di antagonismo e di guai, fra cui il maggiore è l'accusa plurima comminatagli dal procuratore della repubblica Manderblit di corruzione e tradimento della fiducia. Sa'ar ripete che così salva il Likud dalla dispersione, e anche il Paese. Alcuni lo accusano di opportunismo e tradimento. Ma molti. accusano Netanyahu di non aver mai scelto in realtà accettato, un successore. E dalle primissime proiezioni sembra proprio che non sia ancora il momento di pensare ad un successore visto che Netanyahu avrebbe incassato il 71,52 per cento delle preferenze.

Risultati immagini per likud logo

Da Moshe Yá alon, a Benny Begin, a Dan Meridor, i vari personaggi possibili sono svaniti all'orizzonte spesso in una nuvola scura di risentimento. Sa'ar, che è un abitante della laicissima Tel Aviv e un uomo di solide convinzioni conservatrici rivestite di modernità, ha sfidato Bibi consapevole di non potere battere un leader che nonostante e spesso proprio a causa della pretestuosa aggressività contro il suo operato e la sua personalità, conserva gran parte del consenso del popolo del Likud. A Tel Aviv Sa'ar potrebbe anche arrivare al 30%, alcuni leader locali gli hanno dichiarato rispetto e ammirazione, ma personaggi come Yuli Edelstein, presidente della Knesset, o il ministro degli Interni Gilad Erdan aspettando fino all'ultimo hanno poi sintomaticamente dichiarato di nuovo fedeltà al Grande Capo. E mentre si scambiano tweet molto aspri, fra i due si svolgono dinamiche che dimostrano che anche Sa'ar vuole ingraziarsi gli dei penati di casa: ha dichiarato che se diventasse primo ministro sosterrebbe la candidatura di Netanyahu a presidente della Repubblica. Ma mentre sul Paese soffia, persino nelle dichiarazioni del capo di Stato maggiore, un forte vento di guerra che mette in prima linea di nuovo la possibilità di uno scontro diretto con l'Iran ( l'ultimo comizio di Netanyahu è stato sospeso per un lancio di un razzo da Gaza), chiaramente Bibi resta il leader più qualificato per le emergenze; ed è quindi del tutto logico che il premier gli abbia risposto sorridendo che è d'accordo col suo antagonista e proporrà che gli stessi poteri di un presidente americano. No, Sa'ar non intendeva questo.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT