sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
18.11.2019 Israele, per ora niente governo
Un'impasse politica di cui non si vede per ora la fine

Testata: Il Giornale
Data: 18 novembre 2019
Pagina: 10
Autore: la redazione del Giornale
Titolo: «Gantz-Netanyahu, altre liti. Il governo è in alto mare. L'ultimo appello di Rivlin»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 18/11/2019, a pag.10, l'articolo "Gantz-Netanyahu, altre liti. Il governo è in alto mare. L'ultimo appello di Rivlin".

Risultati immagini per rivlin gantz netanyahu
Benny Gantz, Reuven Rivlin, Benjamin Netanyahu

Impasse in Israele sulla formazione del governo: nonostante siano ormai passati due mesi dalle elezioni - le seconde quest'anno dopo il voto del 19 aprile - nessuno è riuscito a mettere insieme i numeri per creare una coalizione. Dopo il fallimento del premier uscente, Benjamin Netanyahu, il mandato è passato a Benny Gantz, leader del partito centrista Blu e Bianco che tuttavia, a pochi giorni dalla scadenza, non è ancora arrivato a un accordo con il Likud per un governo di unità nazionale. Il presidente israeliano, Reuven Rivlin, durante una visita alle comunità intorno alla Striscia di Gaza, ha rimproverato i due leader, esortandoli a mettere da parte le differenze. «Ritengo che un governo possa ancora essere formato - ha affermato - i disaccordi sono più personali che logici, politici o per l'interesse dello Stato. I leader d'Israele devono capire che i cittadini sono la priorità principale». Dopo un nuovo round di colloqui ieri, le delegazioni di Blu e Bianco e del partito ultranazionalista russofono Yisrael Beiteinu hanno fatto sapere che sono stati fatti «progressi reali nella stesura delle linee guida per un esecutivo e in materia di affari Stato-religione». «L'unica cosa che separa lo Stato d'Israele e un ampio governo liberale di unità nazionale è la piccola decisione di due persone», ha sottolineato il deputato di Yb, Oded Forer. «Gantz deve accettare i suggerimenti del presidente Rivlin per formare un governo e il premier deve rompere con il suo blocco di destra», ha spiegato. Un riferimento alla proposta del capo dello Stato per una premiership a rotazione con Netanyahu come primo premier, con l'assicurazione di quest'ultimo che lascerà l'incarico nel caso venisse incriminato per corruzione. Ipotesi che secondo indiscrezioni di stampa potrebbe avverarsi già domani. Il co-fondatore di Blu e Bianco, Yair Lapid, ha ribadito che un governo di unità nazionale si sarebbe potuto creare già molto tempo fa se non fosse stato per l'insistenza di Netanyahu di voler far entrare nella coalizione l'intero blocco di destra.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT