sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
16.11.2019 Se antisemitismo e sessismo arrivano da sinistra non fanno notizia
Commento di Giuseppe De Lorenzo

Testata: Il Giornale
Data: 16 novembre 2019
Pagina: 8
Autore: Giuseppe De Lorenzo
Titolo: «E il giovane dem scorda i post antisemiti»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 16/11/2019, a pag.8, con il titolo" E il giovane dem scorda i post antisemiti" il commento di Giuseppe De Lorenzo


Risultati immagini per italo pomes tweet antisemiti
Italo Pomes

Italo Pomes, giovane riserva Dem a Bologna, antisemita, odiatore non solo degli ebrei ma anche delle donne in genere, non crea problemi nel Partito Democratico. C'è da chiedersi come mai, vista la giusta severità usata nei confronti dei partiti del centro destra. La risposta non è difficile da trovare, raramente la sinistra fa pulizia in casa propria, nel silenzio complice di chi avrebbe il dovere di parlare ma preferisce stare zitto.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per giuseppe de lorenzo il giornale
Giuseppe De Lorenzo


Era il 7 novembre quando i Giovani Democratici di Bologna, costola giovanile del Pd, vergavano un convinto post in sostegno di Liliana Segre. «Non abbiamo dubbi su da che parte stare», scrivevano. Sono contro chi «odia, insulta e discrimina». Tutto giusto. Chissà come reagiranno, però, nel sapere che anche uno dei loro esponenti condivideva post di dubbio gusto su donne ed ebrei. Il militante in questione si chiama Italo Pomes, tarantino di nascita che vive e studia sotto le due torri. Non è un volto qualunque. Fresco di elezione al Senato accademico dell'Alma Mater Studiorum, a luglio è pure entrato a far parte della nuova segreteria dei giovani dem bolognesi (delega all'Universita). Scorrendo il suo profilo Instagram, emergono due fotografie curiose. La prima risale al 2012, quando pubblica lo scatto di una maglietta che molti definirebbero maschilista: «La mia donna ideale? - si legge - La donna Ikea: costa poco, la porti a casa subito e la monti in 5 minuti». Il secondo post, invece, è del 2013: nella foto si vede una cancellata con la stella di David, corredata da un sibillino «Sede ufficiale AS Roma m...». Il messaggio, tradotto dal gergo del tifo calcistico, dovrebbe offendere i romanisti. Vi ricordate il caso della figurina di Anna Frank? I tifosi laziali ne attaccarono una all'Olimpico con la maglietta degli odiati cugini. Esplose un putiferio e la notizia fece il giro del mondo. Il post di Pomes è analogo, perché usa gli stessi stereotipi. Ci sarà pari indignazione? Vedremo. Di certo ieri, mentre gli antagonisti lanciavano bottiglie sulla polizia, i giovani dem elogiavano la Bologna delle «6mila sardine» anti-Salvini. Tutti contro la «retorica populista» e la «prepotenza» della Lega. Viene allora da chiedersi: in tempi di Commissione Segre, che sapore hanno per il Pd i post del giovane dem? Contattato al telefono, Pomes resta «a bocca aperta». Non ricorda di averli condivisi: «Sono una persona molto di sinistra, contrario ad ogni tipo di sessismo o odio razziale». Però i post ci sono. Instagram non mente. «L'antisemitismo va affrontato e combattuto - ribatte lo studente -. Non c'è nessuna ambiguità, non scherziamo su certe cose». Ecco, non scherziamo. Eppure nel maggio del 2015 Pomes lanciava un meme con l'immagine del film «Il bambino con il pigiama a righe», un Big Mac e la scritta, in romanesco, «Passami pure il panino che gli do una scaldata al forno». Quello crematorio. «Sono vergognosi», si scusa ora il giovane dem che cancellerà quei post. «Una persona intelligente - ammette - non avrebbe mai fatto una roba del genere»

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT