sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
13.11.2019 La Corte Europea di Giustizia incolla le etichette che discriminano Israele
Il doppio standard di giudizio è il primo passo verso il boicottaggio

Testata: Il Giornale
Data: 13 novembre 2019
Pagina: 12
Autore: la redazione del Giornale
Titolo: «Sulle etichette degli alimenti va indicato: colonie israeliane»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 13/11/2019, a pag.12, l'articolo "Sulle etichette degli alimenti va indicato: colonie israeliane".

La Corte di Giustizia Europea pretende che venga segnalata sull'etichetta dei prodotti l'origine eventuale dalle "colonie israeliane", come viene definita la regione di territori contesi che, in base agli accordi di Oslo del 1994, è sotto il controllo dell'autorità dello Stato ebraico. Senza contare che il Golan è stato con legge dello Stato parte integrante di Israele. Allo stesso tempo, all'Europa non interessa etichettare nessun prodotto che proviene dalle altre numerose zone del mondo contese. E' un evidente esempio di doppio standard di giudizio con cui si vuole colpire esclusivamente Israele, una norma discriminatoria che è il primo passo verso il boicottaggio.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per UE against Israel
La normativa europea di etichettatura discrimina unicamente i prodotti israeliani, nonostante ci siano al mondo oltre 200 contenziosi territoriali

I prodotti alimentari provenienti dai territori occupati da Israele devono essere chiaramente etichettati come provenienti da «colonie israeliane» per evitare che i consumatori vengano fuorviati. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Unione Europea in una sentenza pronunciata dopo un ricorso presentato dall'Organizzazione ebraica europea e dalla casa vinicola israeliana Vignoble Psagot. Gli alimenti originari dei territori occupati dallo Stato di Israele devono recare l'indicazione del luogo di origine accompagnata, nel caso in cui provengano da un insediamento israeliano, dall'indicazione di tale provenienza. Una decisione che Israele «respinge fortemente»: «L'unico scopo della decisione è di prendere di mira Israele e di applicare due pesi e due misure», ha dichiarato il ministro degli Esteri israeliano. Secondo la Corte Ue, i consumatori potrebbero essere tratti in inganno dall'indicazione, su alcuni alimenti, secondo cui lo Stato di Israele è il «paese d'origine». Perché di fatto i prodotti in questione sono originari di territori che dispongono ciascuno di uno statuto internazionale proprio e distinto da quello di Israele e sono occupati da quest'ultimo, soggetti a una sua giurisdizione limitata. Lo Stato di Israele è presente in quei territori ma non in qualità di entità sovrana. In base alle norme dell'Unione europea in materia di etichettatura dei prodotti alimentari, deve essere chiara la provenienza prodotti in modo che i consumatori possano fare delle scelte basate su considerazioni non solo sanitarie, economiche, ambientali o sociali, ma anche di ordine etico e relative al rispetto del diritto internazionale. Solo così si possono prendere decisioni consapevoli.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT