venerdi 15 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
09.11.2019 Perchè si continua a scrivere 'razza ebraica'?
Un consiglio di Paolo Guzzanti ai colleghi giornalisti

Testata: Il Giornale
Data: 09 novembre 2019
Pagina: 10
Autore: Paolo Guzzanti
Titolo: «La 'razza ebrea' è una balla inventata dal nazismo. Ma ci continuiamo a credere»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 09/11/2019, a pag.10, con il titolo "La 'razza ebrea' è una balla inventata dal nazismo. Ma ci continuiamo a credere"

Ottimo consiglio quello di Paolo Guzzanti ai colleghi giornalisti. Già che ci siamo rivolgiamolo anche ai titolisti, partendo da quello del Giornale, che confonde sostantivo con aggettivo: 'razza ebraica', non razza ebrea. subito dopo ricordiamo la risposta di Albert Einstein.


Risultati immagini per paolo guzzanti
Paolo Guzzanti

Risultati immagini per einstein human raceRisultati immagini per einstein human race

Sarebbe ora smettere di usare il termine «razzismo» per riferirsi alle persecuzioni contro gli ebrei perché gli ebrei non sono una razza. Albert Einstein quando gli chiesero di dichiarare la propria, rispose: «Umana». Il che non toglie che esistano mille varietà antropologiche in ogni continente. Ma gli ebrei (discendenti da un libro e una cultura) sono stati segregati come untermenschen, sotto-uomini a causa di una discriminazione religiosa («il popolo deicida») ma non razziale. Nel Ghetto romano gli «abbrei» erano tormentati dall'obbligo del catechismo con cui estorcere la loro conversione. Ma quando sporadicamente avveniva, il convertito perdeva la sua natura religiosa di ebreo ed era accolto alla pari. Il nazismo è morto nella vergogna, ma noi rischiamo di perpetuarne l'abominio - sia pure per condannarlo - opponendoci all'impossibile «razzismo antisemita». E questo che inquieta, anche nella vicenda degli insulti e minacce alla signora Liliana Segre cui va la nostra totale solidarietà: il fatto che si continui a dar credito alla invenzione di una «razza ebraica» usando termini totalmente privi di senso e inventati da chi, volendo la distruzione di quell'intera cultura, era partito dalla artificiale alterazione della sua qualità umana sul modello delle leggi di Jim Crow usate dai democratici americani dal 1876 quando esse stabilirono che gli schiavi neri, essendo diventati liberi, andassero comunque privati dei diritti civili. Quello il modello «razziale» originale. E noi lo perpetuiamo.

Per inviare al Giornale la propria opnione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT