giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
11.09.2019 Israele, si avvicina il voto: ecco il programma di Benjamin Netanyahu
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 11 settembre 2019
Pagina: 11
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Se vince le elezioni Netanyahu annette la valle del Giordano»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 11/09/2019, a pag. 11 con il titolo "Se vince le elezioni Netanyahu annette la valle del Giordano", l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: Benjamin Netanyahu

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Gerusalemme «Se sarò rieletto - ha detto Bibi Netanyahu in un annuncio a reti unificate - annetterò immediatamente la Valle del Giordano, e in un secondo tempo una volta che il consenso sia certificato (probabilmente con un referendum, ndr) procederò ad annettere gli insediamenti che completano lo scudo di difesa di Israele a oriente». Un messaggio elettorale, ma dal contenuto storico. «È un'occasione unica che ci si presenta oggi, ora o mai più» ha detto Netanyahu, riferendosi al rapporto speciale con gli Stati Uniti e con Donald Trump, mentre ancora brucia il ricordo di 8 anni di rifiuti di Obama per le drammatiche esigenze di sicurezza di Israele. La Valle del Giordano è lunga e arida, di là dalle vallate desertiche, rosse, morbide, bellissime si vede perfettamente la Giordania, a nord si contempla il panorama siriano e la strada conduce al Kinneret, il Mare di Galilea unica riserva d'acqua della zona, e poco più a ovest al Libano; più lontano si intuisce senza ombra di dubbio la presenza affascinante e minacciosa dell'Irak e dell'Iran. La gente, quasi tutti contadini dei kibbutz, ci vive con coraggio e fatica, lontana, eppure determinata a difendere il Paese. Insomma, la valle del Giordano, che è già parte di Israele ma non è formalmente annessa, è la cintura di sicurezza verso il mondo arabo e islamico più avverso, mentre a sud l'Egitto disegna un confine più amichevole.

Risultati immagini per elections israel

«Solo io - ha detto Netanayhu - se rieletto ho la volontà e i rapporti internazionali per garantire questo passo indispensabile». Perché dopo che Bibi ha portato al riconoscimento di Gerusalemme come capitale, all'annessione del Golan, alla revisione del trattato con l'Iran, si può pensare che una sua rielezione, per niente certa, è garanzia di annessione riconosciuta. Ma non è originale Netanyahu nel vedere nella Valle del Giordano una garanzia indispensabile per il Paese: Rabin ne è stato il principale sostenitore e garante, Peres e tutta la sinistra hanno sempre costruito le condizioni politiche per stabilire insediamenti nella zona. In queste settimane di campagna intensiva Benny Gantz, il leader dell'opposizione, ha speso molto del suo tempo nella Valle del fiume mitico in cui Gesù Cristo fu battezzato, a parlare con gli abitanti e rassicurarli delle sue intenzioni. Bibi ha anche detto che aspetta che Trump mostri il suo programma di pace per poi muovere le sue pedine, ed è anche certo per lui la migliore carta per cercare quei 61 seggi che gli servono a formare il governo. Anche perché l'idea pompata da Macron e, sembra, accettata da Trump, di un incontro con Rouhani non ha un effetto rassicurante sull'elettorato israeliano.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT