mercoledi` 24 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
13.05.2019 Israele e arabi palestinesi nell'attesa dell'accordo del secolo di Donald Trump
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 13 maggio 2019
Pagina: 13
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Ora Israele aspetta 'l'accordo del secolo'. Così Trump cerca la pace con i palestinesi»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 13/05/2019, a pag.13 con il titolo "Ora Israele aspetta 'l'accordo del secolo'. Così Trump cerca la pace con i palestinesi" il commento di Fiamma Nirenstein.

A destra: Donald Trump con Benjamin Netanyahu

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Ancora l'eco dei 700 missili di Hamas sul sud di Israele echeggia; i morti sono stati pianti e seppelliti; i feriti sono ancora ricoverati; Natal, l'organizzazione che risponde al telefono alle richieste di aiuto psicologico, ha ricevuto mille telefonate durante i giorni della miniguerra; e adesso Israele incrocia le dita. E' in arrivo oggi a Gaza l'inviato del Qatar con la prima tranche dei 480 milioni di dollari per Hamas, Israele lascia entrare lui e i grandi camion di merci di ogni genere attraverso Kerem Shalom chiuso dal 4 maggio.Passano merci nella misura di 15mila tonnellate al giorno. Il passaggio affogato di sole, di polvere, di misure di sicurezza che tante volte hanno salvato gli addetti da attacchi terroristici adesso è di nuovo aperto per i latticini, la carne, la frutta per la popolazione di Gaza. E' una misura di calma, se non di pace. La zona di pesca è stata allargata, si parla di costruire un ponte di strade che uniscano la Striscia al West Bank di Abu Mazen, ma difficilmente lui sarà contento della prospettiva: nel 2007 quando Hamas fece il colpo di Stato a Gaza, furono almeno 700 i suoi uomini uccisi, l'odio è cocente nonostante i ripetuti tentativi di pace. Più facile il modesto accordo odierno con Israele: Netanyahu ha gestito tutta la vicenda evitando il confronto verticale nonostante la gente del sud sofferente chiedesse (compresa la sinistra) un'operazione di guerra per porre fine agli incendi, agli assassini, agli assalti delle masse al confine e alle distruzioni. Il numero dei morti israeliani è di 4, quello dei palestinesi 23, in larga misura militanti. Ma i due milioni di abitanti di Gaza, che anche l'Egitto tiene al bando per motivi di sicurezza, soffrono giorno dopo giorno la dittatura islamista di Hamas, che detta la quotidianità sempre in guerra. Giovedì comincia a Tel Aviv l'Eurovisione, le delegazioni canterine di tutto il mondo provano nel mondo ideale delle moquette e dei lustrini: è un'occasione diplomatica che nessuno vuole disturbata da un missile.

 

 


Missili di Hamas contro Israele

Ma tutti sanno che, anche se l'Eurovisione passerà tranquilla, la quiete è provvisoria. Né calma le acque il ripetuto annuncio che ormai mancano pochi giorni, quelli che si contano fino alla fine del Ramadan in corso,e fino alla festa ebraica di Shavuot il 10 giugno perché venga presentato il famoso "Accordo del secolo" di Donald Trump. Il principale fautore ne è il consigliere per il Medio Oriente e genero del presidente Jared Kushner, che è pronto a dire "on the record" solo che il piano richiederà sacrifici da tutte e le due le parti. E' evidente che Netanyahu, grato del passaggio dell'ambasciata a Gerusalemme, accoglierà il piano con atteggiamento positivo, anche se non è affatto da escludere che gli chieda rinunce territoriali che non gli piaceranno affatto e che potrebbero fare cadere l'eventuale governo, per ora in costruzione. Invece i palestinesi non fanno passare giorno senza che Abu Mazen faccia sapere che non se ne parla nemmeno, che non ci sarà "una pace economica o umanitaria", come la motteggia lui. Ma quello che si sa dalle poche rivelazioni sempre tuttavia smentite, è che invece di parlare di "due Stati", cosa che i palestinesi hanno ormai rifiutato troppe volte perché risulti credibile, si parla di "aree"; uno Stato includerebbe una militarizzazione palestinese ingestibile per la sicurezza delle parti; che tuttavia verrà disegnato un confine senza prevedere espulsioni né di popolazione ebraica né palestinese, ma cancellando avamposti e piccoli insediamenti. Il piano si occupa anche di Gerusalemme, e conserverebbe lo status quo pur nel riconoscimento dell'autonomia palestinese. Kushner, sembra, prevede forti contributi economici per uno sviluppo notevole e tuttavia ben controllato, in modo che il denaro non finisca in violenza, della parte palestinese. Non si sa molto di più, solo che il paradigma delle trattative infinite sarebbe cancellato, nella certezza che fallirebbero come tutte le altre naufragando sul sogno palestinese di cancellare Israele. Anche Netanyahu potrebbe trovarsi in difficoltà di fronte alle proposte dell'amico, ma potrebbe incentivarlo il consenso che Trump richiede dai Paesi sunniti dell'area, forse trasformato in una promessa di pace generale, il sogno di ogni israeliano.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT