domenica 21 aprile 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Sono i terroristi di Hamas i veri responsabili dell'oppressione degli arabi palestinesi a Gaza' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
11.04.2019 Elezioni Israele 2019: Benjamin Netanyahu è il vincitore
Analisi di Fiamma Nirenstein, intervista di Radio Radicale

Testata: Il Giornale
Data: 11 aprile 2019
Pagina: 14
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La pace è la sfida per fare la storia»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 11/04/2019, a pag.14 con il titolo "La pace è la sfida per fare la storia" il commento di Fiamma Nirenstein.

A destra: Benjamin Netanyahu

Ecco il link all'intervista di Fiamma Nirenstein su RADIO RADICALE, un commento conciso e completo dello scenario immediatamente dopo il voto: https://www.radioradicale.it/scheda/571113/perche-in-israele-vince-ancora-bibi-netanyahu-intervista-a-fiamma-nirenstein

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Saranno gli anni del retaggio storico e Netanyahu starà bene attento a non sbagliare: niente ultradestra, niente sinistra; solo lui, la sua personalità di leader assertivo e pragmatico, il suo realismo saranno invano assediati da ideologie messianiche da una parte e da spinte pacifiste dall'altra, dall'invidia e dalla furiosa quanto ingiustificata disapprovazione personale rispetto al rapporto coi palestinesi. Niente, Bibi non darà retta a nessuno: adesso che ce l'ha fatta combatterà per il suo retaggio storico. Non dimenticherà che è stato sull'orlo del precipizio: la vittoria del quinto mandato, è come un approdo dopo una tempesta fra gorghi di insulti dei politici e della stampa che hanno cercato di travolgerlo come corrotto, traditore, viziato, guastato da troppo potere, forse un po' fascista. Netanyahu ha raggiunto il suo porto al di là di ogni previsione, mentre i media di mezzo mondo ne facevano un bersaglio di accuse irrazionali e fasulle. L'opposizione di Gantz per quanto moderata si è lasciata andare al consueto linciaggio della «classe dirigente», stile Cinque Stelle.


Yair Lapid, Benny Gantz, Benjamin Netanyahu

Le sue caratteristiche di statista eccezionale in campo economico, internazionale e tecnologico sono state sommerse dagli insulti, la sua manovra politica preventiva nel cercare alleanze a destra e fra i religiosi è stata vista come un peccato mortale. Naturalmente le trattative di Gantz con i partiti arabi che non riconoscono Israele come stato ebraico e fanno l'occhiolino al terrorismo sono stati invece considerati pluralisti e democratici. Adesso Bibi ha i suoi 35 seggi circondato da partitini, ognuno armato di pretese. Prima di tutto dovrà cercare di contenere le forze più prepotenti e espansive. Il giovane Bezalel Smotrich, presidente dell'Unione Nazionale con quella faccia da bravo ragazzo, coltiva pensieri suprematisti e annessionisti e chiede i ministeri di Giustizia e Cultura. Bibi dovrà cercare di dare le chiavi fondamentali del governo ai suoi del Likud. Intanto però ha promesso in campagna elettorale alla destra di annettere gli insediamenti: probabilmente ci sarà una frenata, la sicurezza resterà al primo posto senza cedere a chi vuole avventurarsi nelle sabbie di Gaza. L'incognita formidabile si chiama Donald Trump: ieri il presidente gli ha fatto calorosi auguri aggiungendo che vede nella sua elezione «venti di pace». Un augurio e un puzzle: Netanyahu considera come la gemma nella corona il rapporto che gli ha consentito di vedere l'ambasciata americana a Gerusalemme e il riconoscimento della sovranità sul Golan. Ma Trump ha pronto il suo piano di pace, che ha rimandato per non costringere Bibi a prendere impegni su eventuali concessioni territoriali, che peraltro prevede. Bibi sa che un governo di destra non potrebbe reggere eventuali concessioni e nello stesso tempo sa che è impossibile rompere col grande Paese che ha cancellato il piano sul nucleare iraniano prima di tutto per salvare Israele. Bibi sa che prima che sul suo governo può contare sui palestinesi per bloccare qualsiasi proposta positiva, dato che «non perdono un'occasione per perdere un'occasione»come disse Abba Eban nel 1973. Ma altrimenti resta sempre la possibilità, nel caso i suoi compagni di destra intendano sfasciare il governo, di cercare di formare una coalizione con Benny Gantz. La pace resta un retaggio molto importante. In cambio del riconoscimento di Israele come Stato del popolo ebraico da parte del mondo sunnita, di ingenti aiuti economici che portino il popolo palestinese dalla parte del mondo che vuole progredire, una pace di tipo nuovo potrebbe anche essere possibile. Ma la strada è lunga, e c'è anche l' ostacolo delle possibili incriminazioni. Ma questa è un'altra storia.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT