domenica 19 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità sulla 'Nakba' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
22.02.2019 Siria: Stato Islamico vicino alla fine. Ma il pericolo nel resto del mondo rimane
Commento di Fausto Biloslavo

Testata: Il Giornale
Data: 22 febbraio 2019
Pagina: 16
Autore: Fausto Biloslavo
Titolo: «La fine è vicina per l'Isis in Siria. Resta il pericolo dell'ideologia»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 22/02/2019, a pag.16 con il titolo "La fine è vicina per l'Isis in Siria. Resta il pericolo dell'ideologia", il commento di Fausto Biloslavo.

Immagine correlata
Fausto Biloslavo

Immagine correlata

Gli irriducibili dello Stato islamico si ostinano a usare i civili come scudi umani nell'ultima sacca del Califfato in Siria. I camion che ieri dovevano evacuare le famiglie dell'Isis nell'ultimo chilometro quadrato ancora in mano delle bandiere nere sono tornati indietro vuoti dal grande villaggio di Baghuz ridotto ad un cumulo di macerie da settimane di aspri combattimenti con i curdi delle Forze democratiche siriane. La fine dell'Isis nella Siria sud orientale è solo rimandata di ore o giorni, ma i seguaci del Califfo hanno oramai perso in battaglia il territorio che controllavano cinque anni fa da Raqqa alle porte di Baghdad. Nell'ultima ridotta sono asserragliati i combattenti stranieri duri e puri, come i ceceni, ma anche europei e potrebbero esserci pure jihadisti giunti dall'Italia. Non hanno più nulla da perdere e potrebbero combattere fino alla morte facendosi saltare in aria con la cintura esplosiva una volta finite le munizioni. In centinaia, però, nei giorni scorsi sono riusciti a rompere l'assedio scappando nel vicino Iraq. Anche se il Califfato non esiste più come Stato, la minaccia non è morta.

Immagine correlata

Cellule clandestine scampate all'annientamento continuano a compiere attentati mordi e fuggi usando una tattica di puro terrorismo. I migliaia di combattenti dell'Isis catturati dai curdi con le loro famiglie sono pure un enorme problema. I paesi di origine dei combattenti stranieri, compresa l'Italia, non li vogliono. I prigionieri rischiano di diventare un spina nel fianco. Se, come è probabile, verranno consegnati ai governativi di Assad faranno una brutta fine, che alimenterà la propaganda jihadista e il desiderio di vendetta. E a nord di Damasco, nell'enclave di Idlib, sotto protezione turca si sono ritirati i resti delle armate jihadiste sconfitte nella guerra in Siria. Nonostante la tregua sancita dai russi i bombardamenti sull'enclave continuano e il bubbone prima o poi esploderà. Ma la minaccia più insidiosa da estirpare è l'ideologia delle bandiere nere, che ha attratto 40mila volontari della guerra santa dal mondo intero, la più grande legione straniera dell'Islam dai tempi dell'invasione sovietica dell'Afghanistan. Se in Siria e Iraq non saranno capaci, dopo avere vinto la guerra contro il Califfo, di conquistare la pace garantendo ricostruzione e sicurezza a tutti, l'ideologia dello Stato islamico continuerà a reclutare seguaci.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT