venerdi 13 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
16.02.2019 Sana,una martire della libertà
Commento di Gian Micalessin

Testata: Il Giornale
Data: 16 febbraio 2019
Pagina: 14
Autore: Gian Micalessin
Titolo: «Una martire della libertà»

Ripendiamo dal GIORNALE di oggi, 16/02/2019, a pag.14 con il titolo "Una martire della libertà" il commento di Gian Micalessin

Immagine correlataImmagine correlata
Gian Micalessin             Sana

Sana è una martire della libertà. La sua unica «colpa» era l'amore per un ragazzo italiano, che voleva sposare perfettamente ambientata nella vita di casa nostra a Brescia. La sua famiglia, però, aveva già organizzato, come da tradizione benedetta dall'Islam, un matrimonio combinato in Pakistan. Padre e fratelli l'avevano attratta con un sotterfugio in patria, ma lei si è giustamente ribellata. Un oltraggio all'onore retrivo, medioevale e fondamentalista di un mondo agli antipodi del nostro. Sana Cheema, italo pachistana, è morta, a soli 25 anni, probabilmente strangolata dai suoi familiari. Il padre finito in manette sembrava aver vuotato il sacco, ma poi qualcosa è andato storto. Ieri è arrivata la notizia che il genitore padrone, se non boia e gli 11 parenti coinvolti nella vicenda sono stati tutti bellamente assolti. Non c'erano prove sufficienti hanno detto i giudici. Il pesante sospetto è che l'omertà, la connivenza delle autorità, la mentalità arcaica siano serviti a tirare un colpo di spugna sul peggiore dei delitti d'onore contro il sangue del tuo sangue, came della tua came. La giovane Sana, che amava il nostro paese, dove si sentiva libera e integrata si era ribellata alle imposizioni islamiche rifiutando il velo e le pratiche bigotte dell'Islam. E ha trovato la forza di opporsi a usi e costumi, come il matrimonio forzato che trova giustificazione da parte dei soliti predicatori del Corano. Dopo la vergognosa assoluzione dei suoi padroni o camefici bisogna chiedersi quante ragazze libere che vivono da noi pachistane, di altri paesi islamici o indiane, dove le nozze combinate vanno per la maggiore anche fra i non musulmani, sono costrette a sposare un marito imposto?
Sana ha detto no ed è morta. Aiutiamo le altre, in nome della libertà

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT