venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
09.08.2018 Amnesty International e la doppia morale: salva le Ong ma accusa l'Italia e l'Europa
Commento di Gian Micalessin

Testata: Il Giornale
Data: 09 agosto 2018
Pagina: 10
Autore: Gian Micalessin
Titolo: «Amnesty International e la doppia morale: salva le Ong ma accusa l'Italia e l'Europa»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 09/08/2018, a pag.10 con il titolo "Amnesty International e la doppia morale: salva le Ong ma accusa l'Italia e l'Europa" il commento di Gian Micalessin.

Immagine correlata
Gian Micalessin

Immagine correlata

L'Italia sarà anche collusa con la Libia, come sostiene un rapporto di Amnesty International pubblicato ieri, ma allora - per lo stesso banale sillogismo - Amnesty potrebbe venir accusata di collusione con i trafficanti di uomini. Altrimenti non si spiega come mai il documento di 27 pagine punti il dito contro Italia ed Europa accusandole di favorire le morti di 721 migranti scomparsi nel Mediterraneo tra giugno e luglio, ma si guardi bene dal ricordare i ben più cupi e tragici numeri degli anni precedenti. Tra il 2014 e la fine del 2017, con la presenza nel Mediterraneo delle più svariate missioni di soccorso da Mare nostrum a Triton, si sono registrati ben 15mila 86 morti. E il picco assoluto lo si è toccato nel 2016 quando con le navi delle Ong in piena attività davanti alle coste della Libia si è registrata la cifra record di oltre 5mila migranti morti. Quei 5mila morti ignorati, anche allora, da una Amnesty International ben attenta a non disturbare l'attività delle «amiche» Ong, intente a incassare donazioni grazie al bigliettino da visita dei salvataggi in mare, sono l'icona dell'indignazione a senso unico dell'organizzazione.

Immagine correlata

Un'organizzazione che per anni si è ben guardata dal chiedersi come mai i trafficanti di uomini scodellassero i gommoni carichi di disgraziati davanti alle imbarcazioni delle Ong. Un'organizzazione che non si è mai premurata di chiedersi quali intese vi fossero tra le navi delle Ong in attesa e i dispensatori di carichi umani. Silente per anni sui patti scellerati, su cui hanno indagato e indagano varie procure, Amnesty International se ne esce ora con un documento intitolato «Tra il diavolo e il mare blu profondo. I fallimenti dell'Europa su rifugiati e migranti nel Mediterraneo centrale». Il dossier, realizzato mettendo insieme con una buona dose di partigianeria le informazioni diffuse dalle Ong cacciate dal Mediterraneo, accusa l'Italia, Malta e l'Europa di essere colluse con la Libia. «I governi europei scrive il rapporto - sono collusi con le autorità libiche per contenere in Libia i rifugiati e i migranti, a dispetto degli orribili abusi che rischiano per mano della Guardia costiera libica e nei centri di detenzione in Libia.I piani di espandere questa politica nella regione sono preoccupanti». Accusa strampalata. C'è da chiedersi infatti che male vi sia ad esser collusi con un governo libico riconosciuto ufficialmente da tutta la comunità internazionale, Nazioni Unite comprese. E c'è da chiedersi perché quella collusione sia così scandalosa visto che alla fine sono i volontari delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) ad accogliere i migranti riportati dalla Guardia Costiera sulle banchine del porto di Tripoli. Volontari responsabili, tra l'altro, dell'accoglienza in alcuni di quei centri libici dove, a dar retta al rapporto di Amnesty International il numero degli internati è raddoppiato passando da 4mila 400 a 10mila. Il principale obbiettivo del documento di Amnesty è però scaricare su Italia ed Europa le responsabilità per la morte di 721 migranti scomparsi in mare tra il giugno e il luglio di quest'anno. «Nonostante il calo del numero di persone che cerca di attraversare il Mediterraneo negli ultimi mesi - nota il documento - il numero dei morti in mare è salito. La responsabilità per il numero crescente di vittime ricade sui governi europei». Anche qui la partigianeria è evidente. Pur di accusare Italia ed Europa si calcola il numero dei morti non in rapporto alle partenze dalle coste della Libia, ma a quello degli arrivi in Italia. Un calcolo che poteva aver un senso un anno fa, ma non ne ha più oggi visto che gran parte dei migranti in partenza vengono intercettati dalla Guardia Costiera libica.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/ 85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT