lunedi` 23 aprile 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Nuovi metodi di educazione islamica (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: la bandiera con la svastica e la tentata invasione dei terroristi di Hamas. Neonazi Hamas? Nooooooo! (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Giornale Rassegna Stampa
16.04.2018 L'Iran è il pericolo numero 1 per la pace in Medio Oriente
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 16 aprile 2018
Pagina: 9
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Il pressing di Israele per convincere gli alleati: 'Il vero nemico è l'Iran'»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 16/04/2018, a pag.9 con il titolo "Il pressing di Israele per convincere gli alleati: 'Il vero nemico è l'Iran' " l'analisi di Fiamma Nirenstein.

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Immagine correlata

La cartina mostra l'attuale situazione sul terreno in Siria. Il regime di Assad controlla circa la metà del territorio, mentre le milizie dei curdi (che aspirano a ottenere una forte autonomia da Damasco) ne occupano circa un terzo. Il resto è nelle mani di gruppi ribelli, di ciò che rimane dello Stato islamico e di forze straniere turche, americane, russe e iraniane: un mosaico complicatissimo in continua evoluzione I l possibile attacco israeliano alla base iraniana Jabal Azzan, nella zona di Aleppo, è stato un «boom» quasi in sordina rispetto alla confusione trumpiana. Invece è il botto che potrebbe disegnare più di ogni altro il futuro bellico dopo l'attacco alle strutture chimiche di Assad. Sabato notte forse la maggiore base armata delle forze straniere in Siria è diventata cenere e ci sono anche un paio di decine di morti. Un'esplosione casuale? È stato Israele? Non si sa nulla. Tutti preferiscono protestare, e fra loro i peggiori violatori di ogni regola di civiltà, per l'«effrazione delle norme internazionali» per l'attacco della coalizione. E così ha seguitato a fare anche ieri il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif e persino Hassan Nasrallah, il capo degli hezbollah. Netanyahu ha commentato: «L'elemento di sostanziale sovversione, più di ogni altro, è l'Iran. Quando Assad permette a Iran e amici di stabilire una base militare, mette a rischio la Siria e la stabilità di tutto il Medioriente». La breve guerra appena conclusa non ha risolto nessun problema, ma ha contribuito a segnalare la pericolosità di una situazione che esplode ogni momento. È impensabile che Israele consenta al suo nemico di avanzare il proprio confine fino quasi a Gerusalemme. Non glielo lascerà fare. L'ha detto e ridetto. Un'altra Shoah non ci sarà. Il retroterra attuale: ci sono decisioni fatali in vista. Il 12 maggio l'Europa dovrebbe decidere come modificare il pessimo accordo nucleare con l'Iran. Trump deciderà cosa fare il 15 maggio. L'Iran teme quella data, ma si sente forte del sostegno della Russia che ha basato la sua presa sulla Siria e lo sbocco sul Mediterraneo sul supporto ad Assad delle Guardie Rivoluzionarie guidate in persona da Qassem Suleimani, stratega dell'imperialismo iraniano. Suleimani nel 2015 rinvigorì il patto con Putin. Servì anche a rafforzarlo agli occhi di Rouhani, che non è convinto che la forza Quds in Siria sia un'idea vincente. Stare bocca a bocca con Israele non è un gioco che si vince facilmente, anzi, quasi sempre si perde.

Immagine correlata
L'espansione iraniana in Medio Oriente

Dopo le centinaia di attacchi ai convogli di armi iraniane agli hezbollah, sempre riusciti, è un svolta l'attacco alla base T4 dieci giorni fa, in cui sono stati fatti 14 morti, fra cui 7 iraniani, ma soprattutto è stata distrutta la base tecnologica dei droni iraniani, molto avanzati. Israele ci ha messo tanto impegno, fino a perdere uno dei suoi F15 nell'attacco, perché il drone iraniano entrato nel suo cielo il 10 febbraio, adesso si sa, trasportava esplosivo. È stato colpito pochi secondi dopo essere entrato nello spazio aereo israeliano, ma l'intenzione era agghiacciante: l'Iran ha compiuto un atto di guerra diretto. Dopo i 7 morti, si aspetta la prossima mossa di Soleimani: probabilmente eviterà una guerra sul confine siriano. Troppo rumore, troppo fumo da quelle parti. Ma potrebbe sparare un missile kornet, farlo azionare dagli hezbollah, o attaccare un'ambasciata o una struttura all'estero, come ha già fatto varie volte, ammazzando centinaia di ebrei nel mondo. Netanyahu ha lungamente, con molti incontri e conversazioni con Putin, cercato di spiegare che Israele non ha intenzione di litigare con la Russia, né la Russia vede qualche vantaggio nello scontro con Israele. Certo, adesso pondera se fornire il sistema antimissilistico S300 ai siriani, e questo impedirebbe le operazioni israeliane contro le armi iraniane. Lo sa anche Putin, per cui non è comodo avere l'Iran sempre nel mezzo, con i guerrieri fanatici hezbollah, che a loro volte considerano la Russia un impiccio momentaneo rispetto alla guerra santa. Putin forse lo comincia a capire. Aleppo è un pesante segnale che la guerra non è finita, anzi, è appena cominciata. Quanto a Trump, anche se il suo obiettivo dichiarato sono solo le armi chimiche, ormai Pandora ha rotto il vaso. L'Iran è come le armi chimiche: una violazione esplosiva delle norme di convivenza. Ma può l'America consentire che il Medio Oriente esploda?

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT