mercoledi` 17 gennaio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele costruisce un ospedale in Siria (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dimostranti di Stoccolma invitano a uccidere ebrei (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Giornale Rassegna Stampa
13.01.2018 Bravo Trump: i 'paesi cesso' esistono. E chi può fugge
Commento di Paolo Guzzanti

Testata: Il Giornale
Data: 13 gennaio 2018
Pagina: 1
Autore: Paolo Guzzanti
Titolo: «Bravo Trump: i 'paesi cesso' esistono. E chi può fugge»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 13/01/2018, a pag.1/13 il commento di Paolo Guzzanti.

Siamo nuovamente inondati dai commenti anti-Trump per le sue dichiarazioni sui 'paesi di merda' da cui tutti vorrebbero fuggire. Il suo linguaggio, senza ipocrisie, al limite del volgare, non è poi molto diverso dalle comuni espressioni quotidiane, magari espresse in modo meno crudo. Il problema è che il politichese ha annacquato le nostre capacità espressive. Trump si fa capire e questo è insopportabile per il perbenismo ipocrita della gauche caviar.

Immagine correlataImmagine correlata
Paolo Guzzanti

Shit holes letteralmente vuol dire «buchi di merda» ed è l'espressione che Donald Trump ha usato per indicare Paesi come Haiti o Salvador da cui arrivano fiumi di disperati illegali senza alcuna particolare abilità, affetti da depressione, crisi endemica refrattaria alle cure che può offrire la modernita e, quando il cinquantesimo presidente ha chiesto perché mai l'America dovesse cercare nuovi cittadini assumendoli dagli shit holes anziché per esempio dalla Norvegia si è scatenato il solito noiosissimo inferno che accompagna ogni sua gaffe. Trump lo sa benissimo e se ne infischia delle reazioni isteriche del mondo di sinistra (...) (...) in generale e di quello perbenista europeo e occidentale in particolare. Ma Trump segue una linea storica costante per gli Stati Uniti che hanno sempre deciso da soli se e chi ammettere sul suolo patrio. Quando i progenitori liguri dell'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani furono ammessi a emigrare da Genova negli States, gli italiani del Sud, da Napoli in giù, trovarono invece le porte sbarrate. Lo stesso accadde con ebrei e musulmani, russi e cinesi, che sono stati ammessi a ondate, secondo le scelte delle amministrazioni americane. Il leggendario sindaco italoamericano Fiorello La Guardia era uno dei boss della politica dei flussi anche grazie alle sue ascendenze irlandesi ed ebraiche oltre che Italiane. Ma quel che decideva il comitato dei flussi era legge. Ed è quel che sostiene oggi Trump. Recentemente gli Stati Uniti avevano rotto il trattato veramente antiamericano firmato da Obama che accoglieva le direttive dell'Onu quanto a immigrati. L'ambasciatrice Nikki Haley un mese fa spiegò all'imbarazzata assemblea del Palazzo di vetro che gli Stati Uniti non intendevano minimamente uniformarsi alle regole dettate dagli altri e che avrebbero seguito, come sempre, le proprie. Quando si è riunita la speciale commissione interpartitica per discutere con il presidente le nuove direttive migratorie, benché la riunione non fosse teletrasmessa, si è verificato l'incidente. Trump, che parla sempre come se si trovasse in uno dei suoi reality show (che concludeva stay tuned, come fa oggi con i suoi tweet) ha pronunciato le parole impronunciabili: paesi di merda, buchi di merda, postacci da cui io non vorrei far arrivare le prossime generazioni di americani. L'espressione è stata tradotta nei telegiornali italiani - subito aggrondati, superciliosi, vibranti di sdegno e disprezzo - con la parola «cessi», del tutto imprecisa. Ieri pomeriggio Trump ha cercato di mitigare gli effetti del suo vocabolario ma nessuno ha apprezzato la sua marcia indietro: shit holes erano e shit holes restano Paesi come Haiti che divorano miliardi di aiuti per terremoti ed epidemie, sempre preda della peggiore barbarie. Le azioni di Trump dunque sarebbero in apparenza perdenti, ma in realtà la situazione economica che lo circonda è un trionfo: la Borsa seguita a volare e nessuno si azzarda più a dire che si tratta di una bolla speculativa. II taglio gigantesco delle tasse ha portato le imprese a compiere gesti mai visti come l'immediato aumento degli stipendi minimi, con stupita euforia dei lavoratori. I posti di lavoro aumentano, Fca incassa profitti miliardari e insomma l'economia reale premia Trump mentre quella teatrale e mediatica lo vorrebbe all'inferno. Anche i rapporti col Regno Uniti sono critici per motivi di pura facciata. Sentendosi trattato con sgarbo e supponenza, il presidente americano ha declinato la trasferta londinese, ma sembra più una questione di ripicche diplomatiche che un problema strutturale fra i due Paesi che non sono mai stati così sintonici come adesso. Trump sta diventando un personaggio dei media amati dal popolo di intemet, la sua ricetta sembra vincente e lui pensa soltanto a recuperare in vista delle elezioni di mezzo termine che diranno se è un re sole al suo apogeo o un'anatra zoppa che smetterà di stamazzare quando il gruppo politicamente corretto avrà ripreso il potere che The Donald con spavalderia e brutalità gli ha finora strappato.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT