mercoledi` 26 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
21.05.2013 Tunisia, salafiti sempre più potenti
altro che 'primavera' e 'islam moderato'. Commento di Gian Micalessin

Testata: Il Giornale
Data: 21 maggio 2013
Pagina: 15
Autore: Gian Micalessin
Titolo: «Dopo la Primavera, ecco l’autunno del terrore»

Riportiamo dal GIORNALE di oggi, 21/05/2013, a pag. 15, l'articolo di Gian Micalessin dal titolo "Dopo la Primavera, ecco l’autunno del terrore ".


Gian Micalessin


Amina Tyler

La chiamavano «primavera», ma le sue conseguenze minacciano ora di trascinare la Tunisia nell’autunno del terrore e della guerra civile. Un ter­rorismo antico, collegato a quell’at­tentato al comandante afghano Ah­mad Shah Massoud che fu prologo dell’11 Settembre.Per capirlo basta ri­percorrere la biografia dell’emiro Saif Allah Ben Hassine, capo e fonda­tore di Ansar Al Sharia, l’organizza­zione salafita protagonista dei violen­ti scontri di domenica con le forze di sicurezza tunisine. Nel 2000 mentre combatte in Afghanistan l’emiro, og­gi conosciuto come Abu Ayad, fonda il Gruppo Combattente Tunisino. Nell’estate del 2001 il gruppo recluta - attraverso la sua cellula di Bruxelles - Dahman Abdelsatar e Bouraoui El Waer, i due tunisini che avvicinano Massoud fingendosi giornalisti e lo uccidono con una bomba nascosta in una telecamera. Ma il gruppo ha lega­mi anche con i fo­ndamentalisti tunisi­ni che usano la moschea di Milano co­me base operativa per il trasferimen­to dei militanti pronti a combattere in Afghanistan e in Iraq.
La prima fase della carriera del­l’emiro Abu Ayad si conclude nel 2003 quando viene arrestato in Tur­chia, estradato in Tunisia e condan­nato a 43 anni di galera. A farlo torna­re in libertà ci pensa il governo guida­to da Ennahda, il cosiddetto partito islamico moderato vincitore delle pr­i­me elezioni dopo la caduta di Ben Ali.
L’amnistia del 2011 apre le porte del carcere a 1200 integralisti, ma ri­schia, oggi, di rivelarsi una maledizio­ne. Almeno 300 di quei 1200 sono ve­terani dell’Afghanistan e dell’Iraq e
non tardano molto a seguire Abu Ayad e a dar vita ad Ansar Sharia, un gruppo il cui nome suona in italiano come i «partigiani della Sharia». Per capire che non si tratti di un organiz­zazione propriamente pacifica baste­rebbe ascoltare i proclami di Abu
Ayad. In un’intervista al
Giornale del dicembre 2011 l’emiro difende aper­tamente la memoria di Osama Bin La­den e inneggia ad Al Qaida. Ma il go­verno di Ennahda preferisce non in­tervenire. La decisione d’agire arriva solo all’indomani dell’11 settembre del 2012. Quel giorno Ansar Al Sharia guida un assalto alla rappresentanza diplomatica statunitense di Tunisi e, nelle stesse ore, un organizzazione li­bica dallo stesso nome rivendica l’at­tacco al consolato di Bengasi costato la vita all’ambasciatore americano.Il mandato di cattura contro Abu Ayad, latitante da allora, non viene però se­gui­to dallo scioglimento dell’organiz­zazione. E così il gruppo continua ad organizzare campi d’addestramento e a usare le proprie sedi come centro di smistamento per i volontari decisi a combattere in Siria.
Solo domenica scorsa quando Al Sharia si prepara a riunire migliaia di militanti nella cittadina di Kairouan dove ha convocato il proprio congres­so­il primo ministro Ali Laraydeh si de­cide a definirla un organizzazione «non legale» e a vietarne il raduno. Per molti tunisini quella decisione ar­riva però con troppo ritardo. Grazie a due anni di tentennamenti Ansar Al Sharia ha avuto il tempo di crescere, armarsi e moltiplicarsi. Ed è ora pron­ta a trascinare la Tunisia nel baratro.

Per inviare la propria opinione al Giornale, cliccare sull'e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT