domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.04.2021 Iran nucleare: gli Usa pronti a discutere con gli ayatollah
Editoriale del Foglio, ma i quotidiani italiani sono possibilisti

Testata: Il Foglio
Data: 03 aprile 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Il nucleare dell'Iran»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/04/2021, a pag.3 l'editoriale "Il nucleare dell'Iran".

Quasi tutti i giornali oggi riportano la notizia della riapertura americana al dialogo con il regime degli ayatollah iraniani. I quotidiani che dedicano maggiore spazio sono Repubblica, Stampa e Avvenire, con analisi possibiliste che aprono all'Iran e fanno riferimento addirittura a un "disgelo", come se si trattasse di una notizia positiva che allontana la possibilità di un conflitto. Il Foglio, nell'editoriale che segue, chiarisce invece di che cosa si tratta e i rischi di una riapertura incondizionata a Teheran.

Ecco l'articolo:


Joe Biden

Martedì a Vienna cominciano i negoziati indiretti tra America e Iran sul nucleare. L'Amministrazione Biden vuole il ripristino del patto del 2015, l'Iran vuole l'annullamento di tutte le sanzioni, da entrambe le parti c'è consenso sulla direzione da prendere ma disaccordo su chi dev'essere il primo a fare la mossa di concedere all'altro. Sono negoziati indiretti nel senso che ci saranno Unione europea, Francia e Germania a fare da mediatori, proprio nel senso fisico. Americani in una stanza, iraniani in un'altra stanza ed europei a fare avanti e indietro per scambiare le proposte e le risposte. L'Europa ha l'occasione di mostrare di sapere che in realtà i negoziati sul nucleare iraniano non possono essere soltanto sul nucleare, ci sono altre questioni cruciali che non possono più essere separate. Un esempio? La ricerca sui missili balistici, che possono fare da vettori a testate nucleari. Un altro? Gli attacchi all'estero compiuti grazie a milizie irregolari e che però sono creazioni dell'Iran, armate e finanziate proprio per colpire senza doversi prendere la responsabilità politica e ufficiale. E ancora: le politiche aggressive in Libano, Siria, Iraq e Yemen. Se l'America e l'Europa adesso appoggiano la fine della massima pressione tentata dall'Amministrazione Trump non possono trascurare questi dossier, perché di sicuro l'Iran non li trascurerà. Hanno un posto d'onore accanto al nucleare. Altrimenti si tratterebbe la questione del programma atomico come se fosse un tema isolato e quasi soltanto un'ipotesi proiettata nel futuro, mentre il medio oriente è invece teso e in guerra come non mai, dai droni che esplodono nelle raffinerie saudite ai dissidenti uccisi in Libano e in Iraq alle milizie che si addestrano in Siria alle navi sabotate in navigazione nel Golfo e nel Mediterraneo orientale.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure ciccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT