domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.04.2021 Israele: verso un governo oppure nuove elezioni?
Il ruolo del Presidente dello Stato Reuven Rivlin

Testata: Il Foglio
Data: 01 aprile 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «La busta numero cinque»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/04/2021, a pag.3 l'editoriale "La busta numero cinque".

A destra: la vignetta di Dry Bones: e se la quarta elezione in Israele non produce un governo stabile...?

II presidente israeliano Reuven Rivlin ha ricevuto i risultati elettorali definitivi. La commissione che si occupa di verificare se ci sono stati brogli ha detto che non ci sono state irregolarità e adesso potranno partire gli incontri, le prove tecniche di alleanze, le esplorazioni e i corteggiamenti seri. Le elezioni israeliane di martedì 23 marzo si sono concluse senza un risultato definitivo e ci sono addirittura due aghi della bilancia, un inedito. Il partito di destra Yamina di Naftali Bennett e Ra'am, il partito degli arabi israeliani di Mansour Abbas. Sono loro i più corteggiati e i più cercati dal blocco dei pro Netanyahu e degli anti Netanyahu. Il presidente si è raccomandato con i politici di essere pronti a fare scelte nuove e ad aprirsi a "collaborazioni insolite". Il Likud, il partito del premier Benjamin Netanyahu, ha interpretato l'invito di Rivlin come un tentativo di rafforzare il fronte degli anti Bibi.

YOM HAATZMAUT Il messaggio del presidente Reuven Rivlin “Israele nasce da  2000 anni di speranze” - Moked
Reuven Rivlin

Il Likud rimane il partito che ha ottenuto più seggi nella Knesset (30), ma finora la sua coalizione sembra quella più fragile. L'opposizione tiene al suo interno sensibilità molto diverse, unite tutte dall'unico desiderio di togliere la premiership a Benjamin Netanyahu. Sembra più motivata, ma dopo aver votato le prime leggi contro il premier, rischia di sfaldarsi molto in fretta. O potrebbe addirittura non formarsi mai, al suo interno comprende sette partiti, nove se Yamina e Ra'am decideranno di unirsi a loro, e tutti i leader vogliono essere nominati premier. Rivlin svelerà il 7 aprile a chi affiderà il mandato per formare un governo, e ha chiesto ai partiti di essere pronti a esercitarsi al compromesso. Ma in tanti già guardano oltre, lo stallo pare insuperabile. Gli strateghi dei partiti iniziano a studiare nuove strategie e il presidente della commissione elettorale ha detto che già stanno disegnando le buste per un'altra elezione, la quinta, per la formazione della venticinquesima Knesset. C'è chi inizia a sussurrare già un mese: ottobre 2021.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure ciccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT