giovedi` 04 marzo 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La risposta di Benjamin Netanyahu alla Corte penale internazionale (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
22.02.2021 Attacco a Churchill, un esempio di cancel culture
L'analisi di Mathieu Bock-C˘tÚ sul Figaro

Testata: Il Foglio
Data: 22 febbraio 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Tutti addosso a Churchill»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 22/02/2021 a pag.III, con il titolo 'Tutti addosso a Churchill', l'analisi tratta dal Figaro.

Image result for Mathieu Bock-C˘tÚ
Mathieu Bock-C˘tÚ

Statue of Winston Churchill, Parliament Square - Wikipedia
La statua di Winston Churchill a Londra

Con grande stupore di tutti quelli che non hanno perso la ragione, una scuola britannica, cedendo alla richiesta di alcuni allievi, ha deciso di sbattezzare il suo edificio scolastico che portava il nome di Winston Churchill" scrive il sociologo e intellettuale canadese Mathieu Bock-C˘tÚ sul Figaro. "Aver tenuto testa a Hitler non basta pi¨, a quanto pare, per aver il proprio posto nella storia della lotta contro il razzismo. Si rimprovera all'illustre uomo della battaglia d'Inghilterra di aver pronunciato alcune frasi nei confronti degli indiani influenzate dai pregiudizi dell'epoca coloniale. A proposito, J.K. Rowling, accusata di transfobia per aver ricordato che le donne hanno le mestruazioni e gli uomini non le hanno, ha subito la stessa sorte di Churchill. Con lo stesso spirito, una commissione scolastica californiana ha deciso recentemente di sbattezzare una scuola intitolata ad Abraham Lincoln, e questo in nome della lotta contro il razzismo. Il gesto pu˛ sembrare sorprendente. Lincoln, nella storia americana, non Ŕ forse il grande emancipatore degli schiavi neri? Come pu˛ l'antirazzismo rivoltarsi contro se stesso? Eravamo abituati ad abbattere i monumenti legati alle forze confederate della guerra di Secessione, ma da che momento in poi si Ŕ deciso di combattere colui che le aveva combattute? Gli viene rimproverato il suo comportamento con le popolazioni amerindiane. Un minimo di buon senso basterÓ per osservare che i cancellatori versano in uno sciocco anacronismo, che Ŕ correlato a una grave forma di incultura. Se Churchill e Lincoln appartengono al pantheon degli eroi dei loro rispettivi paesi, e sono ammirati ovunque in occidente, non Ŕ certo a causa dei pregiudizi che condividevano con la loro epoca, ma per le grandi gesta che permisero loro, in tempi tragici, di salvare la civiltÓ democratica. Ma a quanto pare bisognerebbe soltanto considerare i pregiudizi. La nostra epoca non vuole pi¨ eroi con le loro ombre, ma solo santi immacolati o martiri della causa della diversitÓ. Ufficialmente, si tratta di decolonizzare la coscienza storica occidentale, di sbarazzarsi una volta per tutte dell'avventura inaugurata con l'espansione europea iniziata nel Quindicesimo secolo. L'occidente dovrebbe ormai guardarsi esclusivamente con gli occhi dei discendenti delle sue vittime. Ci˛ passa dal riconoscimento di un privilegio accordato alle "minoranze" nella narrazione della storia collettiva, riconoscendo in particolare le loro sofferenze. Razzismo, colonialismo, schiavismo: attraverso questi concetti, si farÓ il processo ai popoli occidentali che avrebbero come unica vocazione l'impegnarsi in una lunga espiazione senza redenzione. Penetriamo qui nel cuore dell'immaginario razzialista. Da Abraham Lincoln a Churchill, passando da tutti gli altri che non godono di buona reputazione, ovunque l'uomo bianco sarebbe lo stesso. A questi uomini, non si rimprovera pi¨ solamente quello che hanno fatto, ma anche ci˛ che sono stati: uomini che incarnano per il colore della loro pelle e per il loro sesso tutto il male di cui si sarebbe resa colpevole la civiltÓ occidentale. Pertanto, non Ŕ pi¨ a partire dal loro contesto storico che bisogna analizzare la storia dei paesi occidentali, ma attraverso una lente intimamente segnata dai traumatismi della storia americana. L'epurazione Ŕ iniziata e non si fermerÓ. E' arrivata l'ora della giustizia razziale, di partire alla caccia della "supremazia bianca", che non designerebbe solo i movimenti razzisti, ma la struttura stessa delle societÓ occidentali. ╚ questo il nuovo canovaccio a partire dal quale scrivere la storia. Nessuna esagerazione in questa analisi, ma una constatazione: Robin DiAngelo, probabilmente la teorica pi¨ importante dell'antirazzismo razzialista negli Stati Uniti, scrive che il bianco, per il semplice fatto di essere bianco, sarebbe razzista, perchÚ sarebbe stato socializzato in un ambiente che lo ha condannato a diventare tale. I due termini sarebbero persino interscambiabili, il bianco Ŕ necessariamente razzista, il razzista Ŕ necessariamente bianco. La sua colpa sarebbe ontologica. Le nostre societÓ si mostrerebbero fedeli agli ideali che professano soltanto se si "sbiancassero". La pasionaria della sinistra "woke" americana, Alexandria Ocasio Cortez, in occasione dell'abbattimento di una serie di statue nell'estate del 2020, affermava che al di lÓ dei meriti degli uni e degli altri, c'erano molto semplicemente troppi uomini bianchi nello statuario del suo paese. La "cancel culture" non Ŕ solo il sintomo di un fanatismo terrificante, ma anche l'espressione di una nevrosi identitaria che si Ŕ impadronita di societÓ dove il risentimento vittimista detta legge. La lista delle figure di cui si chiederÓ la messa al bando si estenderÓ sempre di pi¨.
(Traduzione di Mauro Zanon)

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione indipendente su Israele


Se provvedi entro Marzo potrai usufruire dell'offerta speciale di soli
60 euro annuali

(equivalente al costo di un caffè la settimana)

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255 intestato a Informazione Corretta - Angelo Pezzana


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.