venerdi 26 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.02.2021 'Gli ebrei non contano': l'ossessione antisemita di alcuni 'antirazzisti'
L'analisi tratta dallo Spectator

Testata: Il Foglio
Data: 15 febbraio 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «I nuovi antirazzisti hanno un vecchio problema: con gli ebrei»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 15/02/2021, a pag.III con il titolo "I nuovi antirazzisti hanno un vecchio problema: con gli ebrei" l'analisi tratta dallo Spectator.

Risultato immagini per nick cohen spectator
Nick Cohen

“Ci sono dei dibattiti tra uomini e donne, bianchi e neri, in cui tu sai da che parte stare", scrive Nick Cohen sullo Spectator. "Da una parte, dal lato giusto della storia', ci sono i progressisti e dal lato sbagliato ci sono i bigotti e i reazionari che si tappano le orecchie in modo da non dovere mai cedere i loro privilegi ereditati. Tuttavia, quando si parla di ebrei, si capovolgono i ruoli. Secondo Cohen una parte dell'opinione pubblica progressista ha deciso che il miglior modo per mostrare di essere dal lato giusto della storia è quello di ripetere idee antisemite e accusare chiunque la pensi diversamente di essere complice di una trama per difendere gli interessi di Israele e spostare l'attenzione dalla sofferenza reale delle minoranze etniche meno privilegiate. Il libro di David Baddiel Jews Don't Count è uscito questa settimana e sostiene che in un'epoca in cui ogni minoranza viene ascoltata, esiste una grande minoranza etnica, ovvero gli ebrei, verso cui un gran numero di progressisti non mostra alcun interesse.

Risultato immagini per racistm

Questo filone di pensiero tollera il ritorno di odii medievali perché sostiene che tutti gli ebrei siano ricchi - una riedizione dello stereotipo sia nazista che comunista". "Di questi tempi l'antisemitismo viene espresso come un pregiudizio e un'ostilità diffusa verso gli ebrei in quanto ebrei, ovvero privi di altre forme di privazione materiale (come la disoccupazione strutturale) che si manifestano in altre forme di razzismo", ha spiegato lo scrittore comunista Ash Sarkar. Troppi a sinistra pensano che gli Scrive lo Spectator (4/2) ebrei sono ricchi e bianchi e quindi non meritano grande attenzione - una falsità. Ma se anche fossero così, il loro essere ricchi e bianchi non li risparmia dalla violenza. Una sinistra che sostiene di essere antifascista può affrancare l'antisemitismo solo rifiutandosi di capire il fascismo del giorno d'oggi. I suprematisti bianchi americani e i nazionalisti ungheresi di Viktor Orbán si sono appropriati di una retorica antisemita che andava in voga negli anni Trenta.

Risultato immagini per Jews Don't Count
La copertina del libro

L'intellettuale Baddiel, spiega Cohen, sostiene una tesi che pochi a sinistra capiscono: per secoli gli ebrei sono stati gli "estranei" per il mondo cristiano e il volto dell'ebreo con il naso adunco e il sigaro resta la raffigurazione più accurata del nemico capitalista. Questi pregiudizi sono cosi profondi e radicati che in pochi a sinistra riescono a comprendere la loro esistenza o il loro potere. La tradizione stalinista non è meno antisemita di quella fascista, o dell'Islam radicale dei giorni nostri. Per un pezzo di sinistra l'antisemitismo non riguarda solamente gli ebrei ma appartiene a una più ampia visione del mondo che prevede il sostegno incondizionato verso Vladimir Putin e l'Iran, e un disprezzo per la democrazia pari a quello del movimento trumpiano. "Credo che ci siano persone di buon senso a sinistra che sono intrappolate dalla fedeltà di partito e da un pensiero di gruppo che li porta difendere i complottisti razzisti - conclude Cohen - Vale la pena discutere con loro. Per quanto riguarda i complottisti razzisti, non puoi discutere con loro, puoi solamente combatterli".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.