giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.02.2021 La Francia e il separatismo islamista
Introdotto un nuovo reato

Testata: Il Foglio
Data: 06 febbraio 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «La République contro i separatisti islamici»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 06/02/2020 a pag.3, l'editoriale "La République contro i separatisti islamici".

Risultato immagini per islam france
Una manifestazione islamista contro Macron

Giovedì sera, il Parlamento francese ha votato all'unanimità l'introduzione di un nuovo reato di "separatismo", una delle misure faro presenti nel progetto di legge "volto a rafforzare il rispetto dei principi repubblicani". Il reato prevede una punizione di cinque anni di prigione e 75mila euro di multa in caso di minacce, aggressioni o intimidazioni rivolte a un eletto o a un funzionario al fine di sottrarsi totalmente o parzialmente alle regole dei servizi pubblici, di "separarsi" dal quadro normativo repubblicano. Se l'infrazione è commessa da un cittadino straniero, quest'ultimo rischia un'interdizione dal territorio francese. Le nuove disposizioni mirano soprattutto a contenere la pressione comunitarista esercitata dall'islam politico, che il capo dell'Eliseo, Emmanuel Macron, in un discorso pubblico sul separatismo pronunciato a ottobre, ha indicato come il "nemico della République". E fanno parte delle misure muscolari preparate dal governo subito dopo la decapitazione dell'insegnante di Storia e Geografia Samuel Paty, che aveva subito minacce da vari individui dopo aver mostrato le caricature di Maometto ai suoi allievi. E' indubbiamente un passo avanti importante nella battaglia contro quel "jihadismo d'atmosfera" alimentato dai social network di cui parla Gilles Kepel nel suo ultimo libro, "Le prophète et la pandémie". Solo la sinistra radicale, guidata da Jean-Luc Mélenchon, continua a parlare del progetto di legge voluto dall'esecutivo come di un "testo anti musulmano". Ieri, il ministro della Giustizia, Eric Dupond-Moretti, ha giudicato "scandaloso" l'atteggiamento mélenchonista, parlando di "un grande testo di libertà". Dopo anni di negazione della realtà, di allarmi inascoltati e annunci finiti nel dimenticatoio, Macron manda un segnale forte nella lotta contro l'islamismo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.