martedi` 19 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.01.2021 Israele: cresce l'aliyah nonostante il Covid
Analisi tratta dal Jerusalem Post

Testata: Il Foglio
Data: 04 gennaio 2021
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Nonostante il Covid, boom di aliyah»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 04/01/2021 a pag.III, con il titolo "Nonostante il Covid, boom di aliyah", l'analisi tratta dal Jerusalem Post.
 
A destra: l'arrivo in Israele di una famiglia che ha deciso di fare aliyah

Secondo i dati forniti dall'Agenzia Ebraica per Israele (JAFI), nel 2020 hanno fatto l'aliyà (cioè sono venuti a stabilirsi in Israele) più di 20.000 nuovi immigrati ebrei da quasi 70 paesi diversi. Che sia perché la situazione economica globale è cosi grama a causa della pandemia di Covid-19 o perché Israele è diventato un'alternativa davvero allettante per gli ebrei del mondo, le cifre sono impressionanti. "E' successa una cosa meravigliosa - ha detto il presidente dall'Agenzia Ebraica, Isaac Herzog, durante un incontro con bambini immigrati quest'anno in Israele da tutto il mondo - Ventimila ebrei sono immigrati nello stato d'Israele durante questo anno di pandemia. Ventimila persone disposte a lasciarsi tutto alle spalle, in un difficile periodo di turbolenze globali, per venire a costruire una nuova vita in Israele".

Agenzia ebraica – la storia | Keren Hayesod Italia -

Circa 10.200 sono partiti dalla Comunità degli Stati Indipendenti (nove ex repubbliche sovietiche), di cui 6.260 dall'Ucraina e 2.660 dalla Russia. Altri 3.120 sono arrivati dall'Europa occidentale, di cui 2.220 dalla Francia e 460 dalla Gran Bretagna. Alla fine di novembre, circa 2.850 immigrati giungevano dal Nord America: 2.550 dagli Stati Uniti e il resto dal Canada. Altri 1.500 dall'America Latina, di cui 510 dall'Argentina e 460 dal Brasile. L'aliyà dall'Etiopia è destinata a superare quota 1.200, per lo più Falash Mura portati in Israele nel quadro di un'operazione speciale gestita congiuntamente dall'Agenzia Ebraica e dal ministero dell'Aliyà e dell'Integrazione. Un gruppo di 219 è arrivato con un volo il 22 dicembre, altri mille sono in attesa nel paese. Inoltre, vi sono stati 280 immigrati dal Sud Africa e 90 da Australia e Nuova Zelanda.

Modern Aliyah | My Jewish Learning

L'Agenzia Ebraica afferma d'aver ricevuto circa 160.000 richieste da potenziali immigranti, e d'aver aperto più di 41.000 pratiche per aliyà, di cui 28.000 provenienti da paesi occidentali, il doppio di quelle aperte nel 2019. Si è anche registrato un aumento del 41% dei file aperti per giovani adulti fra i 18 e i 35 anni provenienti da paesi occidentali. I funzionari dell'immigrazione stimano che nei prossimi tre-cinque anni potrebbero arrivare in Israele altri 250 mila immigrati, supponendo che il governo attui un piano nazionale per una cosi grande ondata di immigrazione e assorbimento. Si tratterebbe di un forte aumento rispetto agli anni precedenti. In tempi normali Israele assorbe una media di 30.000 immigrati all'anno. Nel 2019 avevano fatto l'aliyà circa 34.000 persone, ed era il dato annuale più alto dell'ultimo decennio. E' vero che Israele sta attraversando un periodo di disordine politico, sta andando incontro alla sua quarta tornata di elezioni anticipate nell'arco di due anni e che le difficoltà mediche, economiche e psicologiche causate da Covid-19 sono profonde e dolorose. Tuttavia, sebbene sia entrato nel suo terzo lockdown, Israele è in testa nel mondo con il suo programma di vaccinazione contro il coronavirus, avendo inoculato in una sola settimana 500.000 dei suoi nove milioni di residenti. E' un dato impressionante".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT