mercoledi` 20 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
28.11.2020 Un quarto dei crimini d'odio è antisemita
I numeri del rapporto Osce

Testata: Il Foglio
Data: 28 novembre 2020
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Un quarto dei crimini d'odio è antisemita»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 28/11/2020 a pag.3, l'editoriale "Un quarto dei crimini d'odio è antisemita".

Words into Action to Address Anti-Semitism | OSCE

Un rabbino è stato aggredito ieri a Vienna. Una donna ha minacciato il religioso con il coltello, colpendolo con un calcio e strappandogli la kippah, il copricapo, dalla testa. La donna ha anche urlato slogan antisemiti, come invocazioni al "massacro di tutti gli ebrei". Il presidente della comunità ebraica viennese, Oskar Deutsch, ha descritto l'attacco come un "incidente inquietante" che ha turbato molte persone. "Ma la comunità ebraica non sarà intimidita". Perché ce ne sarebbe, di essere intimiditi. Gli incidenti antisemiti sono stati il 22 per cento dei crimini d'odio registrati lo scorso anno in tutta Europa, sebbene gli ebrei rappresentino meno dell'un per cento della popolazione totale del Vecchio continente. Lo rivela un rapporto dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) su 5.954 incidenti. Al prossimo Consiglio dei capi di stato e di governo dell'Ue, il 10 dicembre, si parlerà della lotta all'antisemitismo che "deve essere presa seriamente in considerazione nelle decisioni e nelle misure adottate dalle istituzioni dell'Unione europea". Cosa significa in concreto? Incrementare le pene per i crimini d'odio antisemiti, anche verbali (come gridare al "massacro di tutti gli ebrei"). Bandire l'islamismo, come vuole fare l'Austria dopo l'ultimo attentato. Perseguire il suprematismo razziale. Un mese fa, uno studio condotto dall'Institute for Jewish Policy Research di Londra ha rilevato che il numero di ebrei in Europa è sceso al minimo da mille anni. Solo 1,3 milioni di persone che vivono nel Vecchio continente si definiscono ebree. E' la stessa cifra indicata dal viaggiatore e studioso ebreo Benjamin di Tudela nel 1170. Dal 1970, l'Europa ha perso il 60 per cento della sua popolazione ebraica. Un altro fatale esodo ebraico sarebbe probabilmente il risultato della nostra passività di fronte all'antisemitismo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT