sabato 17 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.11.2020 Islamismo, una minaccia per tutti
Intervista a Rémi Brague

Testata: Il Foglio
Data: 23 novembre 2020
Pagina: 5
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L'islamismo minaccia tutti»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/11/2020, a pag.V, con il titolo "L'islamismo minaccia tutti" l'intervista a Rémi Brague tratta da Abc.

Rémi Brague: il grande ritorno alla realtà | San Francesco - Rivista della  Basilica di San Francesco di Assisi
Rémi Brague

Salvare l'islam di Francia dall'islam politico – Analisi Difesa

Intervistato da Juan Pedro Quiñonero di Abc, il rinomato specialista in filosofia medievale (musulmana, ebraica, cristiana), professore emerito a Parigi e Monaco Rémi Brague, ha spiegato che "tutta la terra non soggetta all'islam è minacciata. Non è solo l'Europa a essere minacciata, ma tutto il mondo non musulmano. Anche nei paesi sottoposti all'islam da secoli si trovano uomini barbuti che spiegano che la società non è ancora abbastanza islamizzata. La Francia è percepita dagli attivisti musulmani come un ventre molle dell'Europa. Innanzitutto per la presenza di un gran numero di uomini e donne provenienti da paesi musulmani. Non tutti sono violenti, tutt'altro! Ma costituiscono un terreno fertile per le persone suscettibili alla radicalizzazione, bombardate da una propaganda che cerca di far loro credere di trovarsi su terra nemica". L'islamista Brague non sa cosa riserverà il futuro ma non esclude che le cose andranno verso il peggio. "Tutte le cause continueranno ad esserci. L'assassino di Nizza è arrivato in Francia come `rifugiato'. Come i genitori dell'assassino di Conflans-Sainte-Honorine. Anni fa, lo Stato islamico si vantava di sfruttare ondate di immigrati per portare i suoi guerrieri in Europa. Sorridevamo davanti a tanta spavalderia. Forse avremmo dovuto prendere sul serio quella minaccia e prestare maggiore attenzione a chi abbiamo accolto. Per Rémi Brague lo jihadismo "è l'aspetto `rumoroso' e spettacolare di un piano molto più ampio: il progetto dell'islam, quello delle sue origini: conquistare il mondo per imporre la sua Legge, come è descritto nel Corano".

ISLAM-FRANCIA Come fermare l'islam radicale in Francia

Per i musulmani questa conquista "può essere fatta con mezzi militari, ma non necessariamente. Un'infiltrazione discreta, paziente, metodica, come quella dei Fratelli musulmani, è senza dubbio molto più efficace nel lungo periodo", secondo il professor Brague che offre anche la sua ricetta per affrontare il problema: "applicare rigorosamente le leggi già in vigore", "espellere i predicatori dell'odio, sciogliere le loro associazioni, chiudere le moschee dove predicano, chiudere i loro account Facebook". Inoltre il professore spiega che bisogna rispondere ai bugiardi che dicono che "tutto questo non ha nulla a che fare con l'islam", e a chi dice che parlando delle violenze islamiche si faccia "il gioco dell'estrema destra". A lungo termine secondo Rémi Brague è urgente controllare l'immigrazione, non tollerare le persone in situazione irregolare. Ma ciò suppone "il comportamento di uno stato convinto della propria legittimità".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT