lunedi` 26 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
21.09.2020 Shoah: i numeri del negazionismo
La Shoah oggi nell'opinione pubblica italiana e americana

Testata: Il Foglio
Data: 21 settembre 2020
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «La Shoah ignorata»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 21/09/2020 a pag.III, la breve "La Shoah ignorata".

L'oblio è il nemico della storia: il dovere della memoria | Umbria e Cultura

Negli ultimi anni la Shoah è stata oggetto di intense attività commemorative, in Europa come negli Stati Uniti. Nello stesso tempo, episodi di razzismo e intolleranza sono aumentati a dismisura. L'antisemitismo ha ripreso vigore nel mondo, assumendo le forme dell'antagonismo religioso, dell'opposizione al sionismo, delle rivendicazioni di gruppi neonazisti e neofascisti. Alla radice del fenomeno, complottismo, cattiva fede e molta ignoranza, come dimostra l'ultimo sondaggio americano, i cui risultati sono stati pubblicati nei giorni scorsi. Numeri di Enrico Dalcastagné.

63 per cento I giovani americani che non sanno che cos'è l'Olocausto. Lo rivela il sondaggio commissionato dalla Claims Conference, un'organizzazione che preserva la memoria delle vittime della Shoah e offre assistenza ai sopravvissuti. La ricerca, condotta in tutti e 50 gli stati americani, ha riguardato persone tra i 18 e i 39 anni d'età.

• • • •

12 per cento Un giovane americano su 8 afferma di non aver mai sentito parlare dell'Olocausto.

• • • •

11 per cento La quota degli intervistati che credeva che gli ebrei avessero causato l'Olocausto, con una percentuale nello stato di New York al 19 per cento, seguito dal 16 per cento in Louisiana, Tennessee e Montana e dal 15 per cento in Arizona, Connecticut, Georgia, Nevada e Nuovo Messico.

• • • •

48 per cento La percentuale degli intervistati che non ha saputo nominare nemmeno un campo di sterminio, un campo di concentramento o un ghetto. Quasi un quarto ha affermato di credere che l'Olocausto sia un mito o comunque un evento "esagerato"dai libri di storia.

• • • •

2 su 5 Gli italiani secondo cui la Shoah non è mai avvenuta, un numero cresciuto di sette volte negli ultimi quindici anni. Lo rivela il Rapporto Italia 2020 dell'Eurispes. Per il 23 per cento del campione ancora oggi gli ebrei "controllano" il potere economico-finanziario e per il 22 per cento i mezzi d'informazione. Percentuali che sono comunque in calo rispetto a vent'anni fa. I dati suggeriscono che tesi revisioniste e complottiste siano più diffuse tra gli elettori di centrosinistra (M5s incluso) che di centrodestra.

• • • •

62 per cento La quota di italiani per cui gli episodi di antisemitismo sono casi isolati che non indicano una vera recrudescenza del fenomeno; per un italiano su tre si tratta di "bravate" messe in atto per provocazione o per scherzo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT