lunedi` 26 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.09.2020 Occidente e politicamente corretto
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 19 settembre 2020
Pagina: 10
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Maledetto Rousseau»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 19/09/2020 a pag.X, con il titolo "Maledetto Rousseau”, il commento di Giulio Meotti.

Immagine correlata
Giulio Meotti

2019 Interview - Ferghane Azihari, Chargé d'études, Institut de recherches  économiques et fiscales - YouTube
Ferghane Azihari

"Né la colonizzazione né la schiavitù hanno arricchito l'occidente". Sul settimanale Le Point ad andare contro l'attuale vulgata non è il solito editorialista bianco conservatore, ma Ferghane Azihari, famiglia delle Comore, saggista liberale di colore figlio dell'immigrazione, membro dell'Académie libre des sciences humaines, che ha contribuito al progetto culturale del Mises Institute, editorialista del Monde, L'Opinion e Les Echos, e che a differenza di tutti gli "indigenisti" che proliferano oggi in Francia non ci sta a giocare la parte del buon selvaggio roussoviano. "Il senso di orgoglio comunitario mi sembra stupido quanto il senso di colpa" dice Azihari al Foglio. "In entrambi i casi, le persone sono accusate di crimini o successi in cui non hanno avuto parte. La sensazione che mi si adatta meglio è quella di essere fortunato. Ho la fortuna di appartenere a una civiltà che se ha, come ogni società, i propri lati oscuri, ha anche lati positivi. L'occidente è il luogo di nascita di idee come libertà, uguaglianza, ideali così potenti che non cessano mai di ispirare i popoli della terra di fronte a tutti i tipi di tirannia. Quando gli studenti coraggiosi di Hong Kong si ribellano contro il più grande regime poliziesco al mondo, la Cina, lo fanno in nome di questi principi nati sul nostro suolo. Naturalmente, i governi che gestiscono le nostre vite tradiscono abitualmente quegli ideali che affermano di incarnare. Tendiamo a dimenticare che non sono sempre dati per scontati e che ci sono ancora innumerevoli posti sulla terra in cui sono apertamente disprezzati. Tutta "La sinistra di Piketty parla solo di disuguaglianze, e mai del declino della povertà assoluta. E' pura gelosia di classe" "Con la gentrificazione del proletariato, in un pezzo della sinistra la lotta razziale ha sostituito la lotta di classe" via, ci si potrebbe chiedere se i denigratori dell'occidente non siano consapevoli del rapporto unico che abbiamo con la libertà e l'uguaglianza. Ciò spiegherebbe la severità del loro giudizio nei confronti della nostra civiltà e il lassismo che mostrano nei confronti di altre società. La sinistra postmoderna è talvolta sospettata di essere animata da un senso di superiorità. Dal suo punto di vista, i crimini dell'occidente sono tanto più imperdonabili in quanto non possono ignorare la loro natura ingiusta. Sarebbe diverso per altre culture, che in sostanza hanno una minore avversione alla servitù e che sono incapaci di apprezzare la libertà al suo vero valore. Notiamo che questa è una forma molto classica di razzismo". La Francia è scossa da una ondata di indigenismo che la accusa di razzismo. "Ammetto di non essere in grado di rispondere a questa domanda per un semplice motivo: non ho mai pranzato con `la Francia'. Non è una persona, ma un agglomerato di persone tanto diverse quanto uniche. Qualsiasi desiderio di attribuire il comportamento a un collettivo è un'essenzializzazione discutibile. Quindi, se mi chiedi se ci sono razzisti in Francia, risponderò di sì. Perché tutte le società conoscono il razzismo e la discriminazione arbitraria. Quello che mi preoccupa è che vogliamo assolutamente fare del razzismo una sorta di monopolio occidentale. Non c'è niente di più etnocentrico di questo revisionismo. Lo svantaggio è che nasconde problemi di discriminazione ben più gravi che a volte esistono al di fuori del continente europeo. Prendiamo l'Africa, chi è interessato ai temi dello sviluppo sa che tra i grandi ostacoli all'arricchimento del continente nero ci sono i problemi di corruzione associati alla logica tribale. Che tu appartenga o meno allo stesso clan del potentato locale, non avrai uguale accesso alle funzioni economiche che consentono la mobilità sociale. Questo ostacola l'emergere di una società impersonale, meritocratica e inclusiva. Trasformare la discriminazione istituzionale in un monopolio occidentale serve a nascondere una grande quantità di oppressione di cui soffrono molti esseri umani in tutto il mondo. La lotta al razzismo è universale e non uno striscione contro la sola civiltà occidentale. Tanto più che le fondamenta individualistiche dell'occidente ne fanno la migliore civiltà armata contro il razzismo. L'individualismo è la convinzione che la dignità sia un attributo individuale indipendente dalle origini sociali, etniche o di altro tipo. Invece di voler buttare via il bambino con l'acqua sporca, dovremmo cercare di perfezionare l'applicazione degli ideali su cui si fondano le nostre società per lottare contro ogni discriminazione inaccettabile". Schiavismo e revisionismo storico... Un fenomeno che divampa in tutta Europa. "Da molto tempo, la sinistra marxista ha affermato per ignoranza economica e gelosia di classe che la borghesia si arricchiva a spese dei proletari", dice Azihari. "La gentrificazione del proletariato occidentale ne ha costretto una frangia ad aggiornare la sua invidiosa narrativa. Poi è arrivato il discorso leninista che attribuiva la prosperità dell'occidente all'imperialismo, alla schiavitù e alla colonizzazione. La lotta razziale ha sostituito la lotta di classe. Tuttavia, gli storici seri sanno che la redditività dello sfruttamento coloniale e della schiavitù è stata messa in discussione almeno dal XVIII secolo. In Francia, i fisiocratici sottolineano che le società fatte di schiavi, anche se ne beneficiano a breve termine, si sparano sui piedi dal punto di vista macroeconomico e a lungo termine, perché meno produttive e innovative rispetto alle società libere. Quanto alla colonizzazione, questa è motivata dal pregiudizio protezionista per cui una metropoli trae necessariamente la sua ricchezza dalla capacità di stringere rapporti esclusivi con i territori conquistati. Tali pregiudizi sono in contrasto con la dottrina del libero scambio che afferma che tutte le nazioni hanno interesse a commerciare su base libera ed equa per generare la massima crescita economica possibile. Anche in Francia, l'economista Jacques Marseille ha dimostrato che il protezionismo coloniale ha contribuito a mantenere l'economia francese in uno stato arretrato, al riparo da tutto ciò che avrebbe potuto stimolare l'innovazione. Queste società non erano solo moralmente sbagliate. Erano anche economicamente stupide. Curiosamente, questa tesi condivisa da molti accademici riconosciuti suscita rabbia nei suoi detrattori". Perché? "L'ipotesi della relativa improduttività della colonizzazione e della schiavitù non ne sminuisce il carattere criminale. Né toglie nulla alle vittime. Non implica che gli amministratori di questi sistemi fossero guidati dalla filantropia. Al contrario, sottolinea la loro ignoranza economica e appesantisce ulteriormente il record degli imperialisti di ieri. Questa storia dovrebbe logicamente essere riappropriata dai movimenti antirazzisti e antimperialisti desiderosi di liquidare la nostalgia imperiale che a volte prevale tra noi. L'idea che gli sfruttatori del passato si sono sparati ai piedi invita all'ottimismo. Non possiamo comprendere l'amarezza di questa tesi di sinistra se non capiamo che quest'ultima non è mossa dal desiderio di rendere giustizia al passato. Gli invidiosi risentimenti scatenati dalla nostra civiltà sono tali che alcune persone vogliono assolutamente essere convinte che il suo successo sia una usurpazione. Ammettere che i nostri antichi vizi erano improduttivi e che gli sfruttatori del passato andavano contro i loro interessi obbliga ad ammettere che traiamo la nostra prosperità più dalle nostre virtù. Infine, chi condiziona la salvezza delle minoranze e del Terzo Mondo a politiche dirette contro `i Bianchi' e `l'Occidente' non ha alcun interesse a capire che la spoliazione è sempre stata un gioco a somma negativa. La narrativa secondo cui l'occidente prospera sullo sfruttamento per la sua prosperità è contaminata dal negazionismo. Perché attribuisce un singolare arricchimento alle pratiche universali e di fatto minimizza i rapporti di dominio esercitati fuori dall'Europa e dagli Stati Uniti. Se la schiavitù e l'imperialismo fossero stati la chiave per l'ascesa di una civiltà, avremmo dovuto vedere i suoi `effetti positivi' in ogni angolo della terra. Prendiamo l'esempio delle Americhe, il Brasile ha importato molti più schiavi africani degli Stati Uniti. Non è diventato la principale potenza economica. Per una strana maledizione, le società più prospere sono quelle che invece hanno condannato per prime la schiavitù". Con il revisionismo che sale, cadono le statue e i simboli. "In linea di principio, sono contrario a qualsiasi atto di violenza e vandalismo, vale a dire alle azioni di smascheramento che prendono forma al di fuori della deliberazione collettiva. Ora, sulla sostanza, trovo che ci sia un dibattito interessante. Io stesso sono molto a disagio con una certa storiografia che glorifica i monarchi e altre figure dell'assolutismo e del mercantilismo contro le quali è stata costruita la tradizione liberale occidentale. Quindi non mi dispiace mettere la statua di un Colbert odi Luigi XIV in un museo piuttosto che rendere omaggio al loro dispotismo. Si obietterà che se ci si aspettasse solo figure politiche bianche come la neve, ci si condannerebbe a un'epurazione perpetua! Non sono d'accordo con questo argomento. La difficoltà per gli occidentali nel trovare padrini onorevoli deriva da una storiografia troppo focalizzata sugli statisti, che sono naturalmente più criminogeni della persona comune nel settore privato (lavoratori, imprenditori, intellettuali, scienziati, artisti...). Lo scrittore liberale Frédéric Bastiat ha formulato questo problema con una certa eloquenza. Ha notato che ci sono troppi grandi uomini in questo mondo. 'Troppe persone si pongono al di sopra dell'umanità per governarla, troppe persone fanno professione di prendersi cura di essa', ha scritto. Spetta a noi ridistribuire la nostra stima a beneficio di coloro che hanno passato la maggior parte del loro tempo a servire i loro simili invece che a renderli schiavi". La sinistra radicale non sarebbe d'accordo. "Quando pretendiamo di rendere giustizia al passato glorificando Lenin, Che Guevara o Robespierre, siamo impostori. Si tratta solo di purificare il passato dell'opposizione per rivendicare il monopolio del crimine onorevole, un approccio totalitario a cui la sinistra è abituata". Il dibattito che vediamo è forse il culmine del multiculturalismo. "E' un relativismo ereditato dal complesso postcoloniale. Sulla base del fatto che la gerarchia delle culture in passato serviva a legittimare le imprese imperialiste criminali, l'occidente ora si astiene dal fare ciò che ha sempre fatto: mettere in discussione l'utilità e la benevolenza di certe tradizioni attraverso una mente critica. Al contrario, dovremmo essere disinibiti affermando che tutte le culture e religioni non sono uguali e la superiorità dei nostri principi di civiltà si basa su libertà, uguaglianza e pluralismo. Sono convinto, inoltre, che saremmo molto meno preoccupati per l'immigrazione se fossimo più certi della qualità dei nostri fondamentali e della loro capacità di attrarre i nuovi arrivati in cerca di una vita migliore". La gauche di Piketty continua a essere popolarissima, specie nelle classi intellettuali. "Piketty sta solo aggiornando le tesi socialiste e marxiste che la Francia e l'occidente non sono riuscite a mettere sotto processo dopo la caduta del muro di Berlino. La sua ossessione per le disuguaglianze si unisce alla completa indifferenza verso l'unico vero problema importante, che è la povertà assoluta. Non vedrai mai Piketty congratularsi per il drammatico declino della miseria che l'umanità ha vissuto negli ultimi decenni. Finché ci saranno disparità di ricchezza tra le persone, i risentimenti invidiosi inibiranno l'empatia verso i dannati della Terra, anche se il livello di disuguaglianza che prevale in un paese non dice assolutamente nulla. la qualità della vita di cui gode una popolazione. Ciò che è più grave è che Piketty nutre l'illusione che la prosperità di una nazione sia positivamente correlata alla sua pesante tassazione, il che è assurdo. Se fosse così, la Francia sarebbe il paese più ricco del mondo, mentre la Svizzera sarebbe il paese più povero dell'Europa occidentale. Per due secoli, l'economia ha sottolineato gli effetti dissuasivi della tassazione sui comportamenti produttivi. Queste persone sono davvero guidate dalla giustizia e dalla preoccupazione per i poveri come affermano? O non è piuttosto questo vecchio odio per la ricchezza e la condizione borghese che ha strutturato il pensiero di sinistra almeno a partire da Jean-Jacques Rousseau?". Azihari resta ottimista sulla tenuta della cultura occidentale. "L'occidente affronta molte sfide culturali. Tuttavia, sono ottimista nella misura in cui la sua sopravvivenza dipende dai suoi difensori di fronte alle ideologie interne ed esterne che cercano di dissolverlo".

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT