domenica 05 luglio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
25.05.2020 La Cina alla conquista dell'Europa
Analisi tratta da American Interest

Testata: Il Foglio
Data: 25 maggio 2020
Pagina: 2
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L'Ue non cooperi con un paese predatorio e resista all'espansionismo cinese in occidente»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 25/05/2020 a pag.II, con il titolo "L'Ue non cooperi con un paese predatorio e resista all'espansionismo cinese in occidente" il commento tratto da American Interest.

Il nuovo dittatore cinese, Xi Jinping – Orizzonti Politici –

Gli ambasciatori in Cina dei 27 paesi europei hanno pubblicato un editoriale sul giornale di partito China Daily per ricordare il 45esimo anniversario dei rapporti diplomatici tra Europa e Cina”, scrive il politologo Jakub Grygiel sull'American Interest: “Anziché essere archiviato in fretta, l'editoriale si è rivelato un disastro diplomatico, specialmente per l'Unione europea. I redattori comunisti hanno censurato il testo su istruzione del ministero degli Esteri, rimuovendo un piccolo accenno alle origini cinesi del Covid-19. Questo atteggiamento non è affatto sorprendente dato che proviene da uno stato totalitario: il comunismo è una grande bugia che teme ogni forma di verità. Dopo tutto, il Partito comunista cinese (Pcc) non è molto diverso dai suoi predecessori a Mosca e in altre capitali mondiali. La cosa più sorprendente è che l'ambasciatore europeo in Cina ha accettato la versione censurata del testo. Ha tollerato una bugia in cambio della promessa di armonia. Ma l'attenzione al testo censurato ignora un aspetto ancora più problematico dell'editoriale: l'atteggiamento dell'Europa verso la Cina. Alcuni soggetti nell'apparato della politica estera europea continuano a sperare in una grande cooperazione con Pechino su vari temi transnazionali. Questo è avvenuto nonostante molti stati membri stiano iniziando a capire che è arrivata l'ora di competere con la Cina. La delegazione europea ha successivamente chiarito di avere accettato la bugia del Pcc pur di pubblicare un editoriale che ‘ha trasmesso dei messaggi chiave riguardanti alcune aree prioritarie a oltre un miliardo di persone. Si tratta di messaggi sul cambiamento climatico e la sostenibilità, i diritti umani, l'importanza del multilateralismo, il summit sulla risposta globale al coronavirus, l'assistenza macroeconomica e la riduzione del debito per i paesi in difficoltà'. Questa giustificazione, oltre all'argomento di fondo dell'editoriale, è ancora peggio dell'accettazione della censura comunista. Indica dei problemi profondi nel modo in cui una parte dell'apparato europeo vede il comportamento della Cina comunista. Pechino continua a essere vista come un partner chiave per l'Ue perché il mondo ha bisogno della sua cooperazione per ‘il cambiamento climatico, la pace, la sicurezza, lo sviluppo sostenibile e il mantenimento dell'ordine globale multilaterale'. Le priorità dell'Ue sono un mix di slogan postmoderni (sostenibilità, multilateralismo) e princìpi tradizionali svuotati di significato. ‘I diritti umani', ad esempio, vengono elencati come un tema per la cooperazione e il dialogo, senza alcun riferimento alle violazioni sistematiche delle libertà fondamentali da parte della Cina. Il governo guidato dal Pcc ha confinato gli Uiguri nei campi di concentramento, arrestato gli avversari politici e messo a tacere gli scienziati che hanno scoperto il virus a Wuhan. Queste non sono delle piccole eccezioni a un comportamento stellare; sono degli strumenti di controllo senza i quali il Pcc non può funzionare. Dovremmo punire la Cina per la sua condotta totalitaria anziché promuoverla come partner. L'editoriale dei diplomatici europei suggerisce che la repressione dei cristiani da parte di Pechino, i ‘campi di rieducazione' per i musulmani e gli aborti forzati sono alcune delle ‘aree prioritarie' di cui discutere, pur non essendo più importanti di altri ‘problemi globali' da risolvere insieme. La diplomazia europea non riesce a vedere la Cina come un rivale. Questo è pericoloso perché sminuisce la sicurezza degli stati membri, e in questo modo indebolisce il senso stesso dell'Ue. La Cina ha saccheggiato le industrie europee più all'avanguardia. La crisi economica causata dalla pandemia aumenterà le probabilità di ulteriori acquisizioni cinesi nei settori industriali chiave in Europa. Oggi non è l'ora di una ‘partnership' con la Cina ma di una politica coordinata per respingere le sue politiche predatorie. Fare affari con un predatore significa arrendersi. Se questo è ciò che propongono di fare i diplomatici europei, allora gli stati membri dell'Ue - almeno quelli che non vogliono essere colonizzati dalla Cina - non vedranno alcun bisogno di far parte di una politica estera comune. E' incoraggiante sapere che questa débâcle europea è stata criticata da alcuni stati membri. Il candidato alla leadership della Cdu tedesca, Norbert Rottgen, si è duramente opposto in un tweet. Eppure altri paesi, in particolare quelli che fanno parte del cosiddetto gruppo ‘16+1' nell'Europa centro-orientale, sono apparsi silenziosi e contenti di continuare a ricevere gli investimenti cinesi, a prescindere da quanto siano predatori. La Commissione europea era sulla giusta strada quando ha definito la Cina ‘un competitor economico nella conquista del primato tecnologico, e un rivale sistemico che propone dei modelli di governo alternativi'. E il comportamento arrogante di alcuni diplomatici cinesi in varie capitali europee - si sono opposti a ogni critica nei confronti della gestione cinese del virus - sembra avere rafforzato il timore di un dominio economico e politico della Cima. I diplomatici europei che hanno scritto l'editoriale sul China Daily sembrano determinati a raggiungere una partnership con una Cina espansionista, in contrasto con le politiche dei paesi membri dell'Ue. Questa divergenza tra gli stati europei consapevoli della competizione con la Cina e gli organi comunitari alla ricerca di un compromesso con Pechino diminuisce il rilievo dell'Ue in un'epoca di competizione tra grandi potenze”.
(Traduzione di Gregorio Sorgi)

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT