venerdi 29 maggio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.05.2020 Libia: Haftar in difficoltà
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 19 maggio 2020
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Haftar prende un'altra legnata in Libia»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 19/05/2020, a pag.3, l'editoriale "Haftar prende un'altra legnata in Libia".

Libia, Haftar: mega offensiva nei dintorni di Tripoli ...
Tripoli

Ricordate quando alla conferenza di pace di Palermo del novembre 2018 gli ospiti attesero l'arrivo all'ultimo minuto del generale Haftar come se fosse l'uomo della Provvidenza? Ricordate come in questi mesi di guerra civile è stato trattato dall'Italia con il tappeto rosso, a dispetto del fatto che ha distrutto anni di negoziati e ha dato il via a una guerra civile? Ebbene, ieri le milizie di Haftar hanno perso la base aerea di al Watiya, l'unico forte che ancora era rimasto loro a ovest di Tripoli. L'appoggio combinato di Emirati Arabi Uniti e Russia non è bastato ai combattenti del generale della Cirenaica per tenere quella posizione, che era sempre rimasta una presenza minacciosa in Tripolitania dopo che la conquista avvenuta sei anni fa. Haftar poteva contare su tre posti strategici: la costa fra Tripoli e la Tunisia, la base aerea di al Watiya e la città di Gharyan, sui monti, che è la chiave per arrivare a Tripoli (come imparò Gheddafi a sue spese). Li aveva conquistati, ora li ha persi tutti e tre. A questo punto i finto-fatalisti che da anni attendono che il generale prenda Tripoli e diventi il nuovo Gheddafi per poi trattare con lui dovrebbero cominciare a ragionare sul fatto che le cose in Libia non vanno come si aspettavano, il novello uomo forte non riesce a fare l'uomo forte - e dire che ha ricevuto ogni genere di appoggio, ieri nella base spiccavano i resti dei missili antiaereo russi Pantsir, venduti dai russi agli emiratini e poi forniti a Haftar. La base è caduta perché, dicono fonti locali, ci sono state ondate su ondate di attacchi da parte dei droni turchi. E' un nuovo modo di fare la guerra. Si può dire quello che si vuole delle interferenze della Turchia in Libia, ma la linea interventista di Erdogan stravolge la situazione, salva quel miracolato di Fayez al Serraj e azzera le mire silenziose degli attendisti, che non vedevano l'ora di congratularsi con il nuovo padrone Haftar e invece lo vedono sconfitto. L'Italia era alleata di Tripoli, se fosse rimasta su quella posizione oggi sarebbe tra i vincitori, ha preferito stare da tutte e due le parti e quindi oggi in Libia non è da nessuna parte.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT