giovedi` 28 maggio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Viaggio alla scoperta del Kotel (Muro occidentale) a Gerusalemme (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
26.03.2020 'Kabbalah. Il segreto, lo scandalo e l'anima', di Harry Freedman
Recensione di Matteo Moca

Testata: Il Foglio
Data: 26 marzo 2020
Pagina: 3
Autore: Matteo Moca
Titolo: «Kabbalah. Il segreto, lo scandalo e l'anima»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 26/03/2020, a pag.3, la recensione di Matteo Moca a "Kabbalah. Il segreto, lo scandalo e l'anima", Harry Freedman (Bollati Boringhieri ed.).

Risultato immagini per Kabbalah. Il segreto, lo scandalo e l'anima
La copertina

La corrente mistica della Kabbalah sembrerebbe destare interesse nel lettore italiano se si considera il numero delle pubblicazione che se ne occupano: al di là dell'ottima introduzione di Giulio Busi edita da Laterza qualche anno fa, ultimamente è stato pubblicato dalle Edizioni dehoniane il libro di Daniela Leoni La cabala. Il mondo mistico dell'ebraismo e arriva adesso il nuovo libro di Harry Freedman tradotto da Bianca Bertola. Autore di una Storia del Talmud, sempre pubblicata da Bollati Boringhieri, interessante lettura del testo dell'ebraismo come un classico della letteratura di tutti i tempi, Freedman racconta ora la complessa e lunga vicenda della Kabbalah, partendo dalla fine, ovvero da come essa si sia trasformata in alcuni casi degli ultimi anni in una moda contemporanea che ruota attorno a elementi new age, a denaro e a scandali, figlia di quel fascino esercitato dal misticismo che porta a semplificazioni ed errori. Il saggio parte proprio dal filo rosso legato al polso di alcune star di Hollywood, simbolo di una visita a un Kabbalah Centre, "un'organizzazione spirituale ed educativa no profit, che ha il compito di far conoscere al mondo la saggezza della Kabbalah" recita il sito, e da questa deviazione dalla natura originale Freedman comincia il suo viaggio a ritroso verso le origini dei misteri di questa corrente mistica, evidenziando anche la diversa lettura che ne faranno cristiani ed ebrei. Il millenario percorso che Freedman con precisione ripercorre nasce nei primi secoli dell'èra volgare, quando un gruppo di mistici ebrei decise di imbarcarsi per un viaggio spirituale di scoperta, annotando su una serie di diari le strutture delle dimensioni celesti, "l'architettura e la struttura dei palazzi e delle sale empiree". Le descrizioni di questi esploratori del cielo e del maestoso splendore degli angeli arrivò a compimento assumendo la forma di un libro, il Libro della formazione: qui per la prima volta venne sviluppato un vocabolario mistico e vennero diramati i fili interpretativi che si intrecceranno compiutamente tra loro in Provenza nel XII secolo, quando i principi della Kabbalah verranno definitivamente stabiliti. Il libro di Freedman, che ha per protagonisti personaggi come Pico della Mirandola, Ermete Trismegisto, Mosé Maimonide e che riesce a unire alla rigorosa e dettagliata analisi un afflato narrativo che non disdegna talvolta l'umorismo, è l'appassionante racconto di una problematica ricerca del divino e di uno dei tentativi intellettuali più complessi mai attuati per compierla.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT