martedi` 31 marzo 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
26.02.2020 In Iran dilaga il virus della menzogna (e anche il Corona)
La verità cancellata dal regime degli ayatollah come in Corea del Nord

Testata: Il Foglio
Data: 26 febbraio 2020
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L'Iran mente ed è pericoloso, lo capite?»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 26/02/2020, a pag.3 l'editoriale "L'Iran mente ed è pericoloso, lo capite?".

In Iran il contagio dilaga ma le autorità del regime degli ayatollah continuano a mentire per nascondere la realtà. In Corea del Nord ufficialmente non ci sono contagiati e in Iran sarebbero poche decine: questa la versione di regimi dittatoriali, non quello che sta succedendo.

Ecco l'articolo:

Risultato immagini per qom iran
Qom, città santa per l'islam sciita

Il viceministro infettato, Qom con milioni di pellegrini è una centrifuga virale a sabato il Foglio scrive che l'Iran dovrebbe essere considerato alla pari della Cina come paese-focolaio ad alto rischio perché il regime iraniano mente sulle dimensioni del contagio dentro i confini nazionali. A oggi non è stato preso ancora alcun provvedimento, anche se l'Iran è di fatto un agente di trasmissione del contagio irresponsabile e pericoloso. Viaggiatori positivi al coronavirus sono stati trovati in Canada, Libano, Iraq, Afghanistan, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Kuwait e Oman e avevano tutti una cosa in comune: erano appena arrivati dall'Iran. Però nel frattempo il regime continua a coprire l'epidemia con risultati da umorismo nerissimo. Due giorni fa un parlamentare di Qom ha denunciato in pubblico che nella sua città cinquanta persone sono morte in dieci giorni a causa del coronavirus. Il viceministro della Sanità, Iraj Harirchi, ha fatto una conferenza stampa per smentire il parlamentare e per dire che tutto è sotto controllo. "Ci fornisca la lista dei decessi - ha detto il viceministro con tono di sfida - Se anche soltanto la metà o un quarto sono veri mi dimetto". Tuttavia durante la conferenza stampa trasmessa in televisione il viceministro appariva sofferente e continuava ad asciugarsi la fronte con un fazzoletto. Ieri ha annunciato di essere stato infettato anche lui. Il bilancio ufficiale per ora in Iran è di 95 persone colpite e di queste 16 sono morte ma è plausibile che il numero di contagiati sia nell'ordine delle migliaia. Il presidente iraniano Hassan Rohani insiste nel dire che il contagio è sotto controllo, ma il regime si è preso l'incredibile responsabilità di non annunciare i primi casi di coronavirus a Qom all'inizio di febbraio e di lasciare che nella città santa dello sciismo continuasse l'andirivieni di pellegrini - circa 22 milioni ogni anno, dei quali due milioni e mezzo dall'estero - invece di tentare un contenimento. Una grande centrifuga virale: difficile immaginare uno scenario peggiore. Prima in Europa ci accorgeremo che l'Iran sta ingannando il resto del mondo per una politica interna da pazzoidi e che ha la stessa pericolosità di Wuhan e meglio sarà per tutti.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT