mercoledi` 26 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.01.2020 'L'antisionismo è una forma di antisemitismo'
L'Italia adotta la definizione IHRA di antisemitismo=antisionismo

Testata: Il Foglio
Data: 18 gennaio 2020
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Buon passo del governo contro l'antisemitismo»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 18/01/2020, a pag.3, l'editoriale "Buon passo del governo contro l'antisemitismo".

L'antisionismo è una delle forme di antisemitismo. Questo è il cuore della definizione di antisemitismo dell'Ihra che ieri il Consiglio dei ministri ha adottato, allineando l'Italia a altri Paesi europei. Apprezzamento è arrivato dalla Presidente dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane Noemi Di Segni e dall'Ambasciatore di Israele in Italia Dror Eydar.
Per approfondire, rinviamo alle analisi di Manfred Gerstenfeld, pubblicate in esclusiva in italiano su IC: http://www.informazionecorretta.com/main.php?sez=360&cat=rubriche
Rimaniamo in prudente attesa dei risultati, abituati alla disattenzione delle leggi nel nostro paese. L'Italia firmerà ancora le risoluzioni anti Israele degli organismi internazionali, come ha sempre fatto finora? In che modo renderà pubblico il testo IHRA?

Ecco l'articolo:

Il governo italiano, con un provvedimento approvato ieri dal Consiglio dei ministri, ha accolto la definizione dell'Alleanza internazionale per la memoria dell'Olocausto (Ihra), in coerenza con una risoluzione del Parlamento europeo del giugno 2017 e con una scelta già fatta da molti altri paesi europei. Si tratta di un atto concreto e importante con cui il nostro paese sceglie di adottare una definizione comune di ciò che rappresenta l'antisemitismo. Noemi Di Segni, presidente delle Comunità ebraiche italiane, ha detto che "l'Italia va a colmare un vuoto significativo allineandosi a quanto fatto da Germania, Francia, Regno Unito e altri paesi sulla base delle diverse risoluzioni europee". Anche l'ambasciatore d'Israele in Italia, Dror Eydar, ha espresso soddisfazione, dicendo: "All'odio contro gli ebrei in quanto tali si aggiunge oggi una nuova forma che si manifesta con la negazione dell'esistenza dello stato nazionale per il popolo ebraico in Israele. L'Italia compie così un grande passo nella lotta contro l'antisemitismo, vecchio e nuovo".

Risultati immagini per ihra antisemitismo

L'Ihra mette all'indice una serie di manifestazioni dell'antisemitismo contemporaneo: l'incitamento, il sostegno o la giustificazione dell'uccisione o della violenza contro gli ebrei; il negazionismo; accusare dei cittadini ebrei di essere più leali a Israele, o a supposte priorità degli ebrei in tutto il mondo, che agli interessi della loro nazione; sostenere tesi mendaci, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipate sugli ebrei in quanto tali o sul potere degli ebrei come collettività; negare al popolo ebraico il proprio diritto all'autodeterminazione, cioè sostenere che l'esistenza d'Israele è un atto di razzismo; oppure ritenere gli ebrei collettivamente responsabili per le azioni d'Israele. Non è un testo legalmente vincolante, ma è un quadro giuridico, morale e politico indispensabile per combattere una piovra planetaria dai molti tentacoli, rossi, neri e verdi, ognuno teso a stringersi al collo del popolo ebraico. E il fatto che anche un partito come il M5s, che in passato ha trescato con l'antisemitismo, lo abbia accettato non può che farci dire solo una cosa: ben fatto.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT