giovedi` 04 giugno 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele, ritratto di una Nazione partendo da Tzahal (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.01.2020 L'Iran cerca di coprire la strage dell'aereo senza successo
Due servizi di Daniele Raineri

Testata: Il Foglio
Data: 11 gennaio 2020
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «L'Iran copre un disastro aereo inutile - Lezioni da una splendida piazza irachena»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/01/2020, a pag.1, con i titoli "L'Iran copre un disastro aereo inutile", "Lezioni da una splendida piazza irachena", due analisi di Daniele Raineri.

A destra: missili iraniani

Ecco gli articoli:

"L'Iran copre un disastro aereo inutile"

Immagine correlata
Daniele Raineri

Roma. In caso di disastro aereo è normale che l'area dove cadono i detriti sia circondata da un cordone di sicurezza per permettere alle squadre di investigatori di fare il loro lavoro. Ieri invece nei campi a sud-ovest di Teheran dove mercoledì prima dell'alba era precipitato il volo PS752 con a bordo 176 persone non c'era alcun cordone di sicurezza, anzi il contrario. L'area è stata ripulita nel giro di quarantott'ore anche con l'aiuto di un bulldozer che ha trascinato via i pezzi di aereo più grandi. In teoria è la scena di un crimine perché giovedì sera il primo ministro canadese Justin Trudeau ha accusato l'Iran di avere abbattuto l'aereo con un missile terra-aria (63 passeggeri erano canadesi) appena due minuti dopo il decollo dall'aeroporto internazionale Imam Khomeini. Trudeau ha detto di essere disposto a credere che si sia trattato di un errore. La notte tra martedì e mercoledì è stata una delle più tese nella storia recente del medio oriente perché l'Iran ha attaccato con una ventina di missili balistici due basi in Iraq che ospitavano soldati americani e si aspettava un possibile bombardamento di rappresaglia da parte dell'America da un minuto all'altro. E' possibile che una batteria della difesa aerea sia andata in panico e abbia, chissà come, scambiato un grosso aereo passeggeri in lenta ascesa per un bombardiere americano in arrivo sulla capitale - anche se gli esperti dicono che si tratta di una confusione inspiegabile. Questo non toglie che l'area con i resti doveva essere lasciata il più possibile intatta. Invece ieri i giornalisti che arrivavano sul posto incrociavano locali che portavano via tutto quello che potevano, in particolare pezzi di alluminio da rivendere. Subito dopo il disastro le autorità civili iraniane avevano detto che la causa era stata un guasto al motore. Giovedì mattina la notizia della morte di 176 persone - per metà di nazionalità iraniana - in un disastro aereo alle porte della capitale occupava due righe in basso sulla homepage dell'agenzia di stato Fars News assieme ad altre dieci notizie non pertinenti. Il testo della notizia notava che le cause del disastro erano sconosciute ma che i Boeing sono notoriamente aerei poco affidabili. Quando le accuse di avere abbattuto l'aereo sono diventate più esplicite, il portavoce del governo iraniano Ali Rabiei ha detto che si tratta di "guerra psicologica dei governi occidentali contro l'Iran". Il regime ha preso le scatole nere e ha detto che condurrà da solo le indagini e che in caso di necessità chiederà la collaborazione di altre nazioni come Russia, Ucraina, Francia e Canada. I media americani citano fonti d'intelligence che fanno un quadro chiaro di cosa è successo. Il sistema di difesa missilistico iraniano ha inquadrato l'aereo e l'ha agganciato come fosse un aereo nemico e un missile l'ha abbattuto. C'è il video di un testimone casuale che mostra in modo nitido un missile esplodere in prossimità dell'aereo e investirlo con le sue schegge (quel tipo di missile è disegnato per funzionare così) e l'aereo che a quel punto comincia - come mostrano altri video - a precipitare con lentezza. Le fonti non hanno ancora chiaro perché è successo.

"Lezioni da una splendida piazza irachena"

Risultati immagini per soleimani
Qassem Soleimani con Ali Khamenei

Roma. Ieri pomeriggio quasi sotto le finestre del Foglio a Roma c'era un presidio contro la guerra. Un accrocchio di una trentina di persone venute in piazza Barberini perché venerdì scorso a Baghdad il generale iraniano Qassem Suleimani è stato ucciso da un drone americano e la cosa ha riempito i notiziari televisivi e ha fatto scattare il livello di guardia dell'opinione pubblica - che non scatta in altri casi. "L'attacco criminale dell'imperialismo Usa in Iraq", diceva l'annuncio della manifestazione "contro la guerra" anche se la guerra di fatto non c'è. Veniva in mente quello che è successo nella primavera del 2017 e nella primavera 2018, quando l'Amministrazione Trump bombardò per meno di un'ora la Siria e molti credevano che stesse per invaderla. La crisi di questa settimana è rientrata perché l'America e l'Iran sono tornati sulle loro posizioni guardinghe che avevano prima. Anche questa volta nessuno pensava di scatenare una guerra di terra e un'invasione come in Iraq nel 2003 e anche questa volta la maggioranza dei commenti parlava soltanto di quello, come se fosse una possibilità imminente. E' stato invece uno scontro basato sulla deterrenza - l'Iran doveva rispondere per salvare la faccia ma non poteva esagerare altrimenti l'America avrebbe risposto con la sua capacità superiore di infliggere danni. Si è chiuso tutto così in fretta che il presidio contro la guerra è arrivato in piazza con due giorni di ritardo. Sempre ieri pomeriggio a tremila chilometri di distanza le piazze dell'Iraq dalla capitale Baghdad al sud del paese si sono riempite, riempite come mai si era visto prima, di manifestanti che protestavano contro le ingerenze straniere - sia quelle dell'Iran sia quelle americane. I manifestanti protestano dal primo giorno di ottobre e hanno le idee molto più chiare che in Italia, è come se le cose per loro fossero molto più nitide, con una comprensione allargata di tutti i fattori del gioco. Vedono le milizie create e pagate dagli iraniani colpire con razzi le basi irachene che ospitano i soldati americani, temono che l'Amministrazione Trump imponga sanzioni all'Iraq-ricordano le sanzioni contro Saddam, ne hanno orrore. Un giornalista che simpatizza con i manifestanti, Ahmed Abdul Samad, si è fatto un video mentre era in piazza a Bassora nel sud dominato dalle milizie iraniane create dal generale Suleimani. Dice: "Oggi ci sono stati arresti arbitrari. Come mai non ci sono arresti quando le proteste sono contro l'America? Lo sappiamo tutti no chi sono quelli del Terzo Partito?". Terzo Partito è un eufemismo per indicare le milizie di Suleimani, che non sono il governo ma nemmeno la gente in piazza: sono appunto una terza entità. E poi rivolto agli iracheni che militano nei gruppi filoiraniani: "America e Iran non stanno per farsi la guerra. Vogliamo protestare come ci piace. Cantare quello che vogliamo cantare. Perché volete interferire? Noi siamo in piazza per il nostro paese, siete voi quelli senza un paese". Poche ore dopo è stato ucciso a pistolettate. Si aggiunge a una lista di vittime della repressione brutale che in questi mesi ha fatto non meno di cinquecento morti e di cui il generale Suleimani era un regista poco occulto, senza che nessuno si scandalizzasse per la violazione della sovranità irachena. Ieri il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi ha comunicato all'Amministrazione Trump che si aspetta di ricevere una delegazione per trattare i termini del ritiro delle truppe americane.Cinquemila soldati americani impegnati in operazioni contro lo Stato islamico in tutto il paese, decisamente pochi per il compito ma l'Iran li vuole fuori dall'area. Il dipartimento di stato ha risposto come se non avesse capito la richiesta e ha detto che è pronto a rimodulare gli accordi militari, economici e politici tra gli Stati Uniti e l'Iraq, che suona come una minaccia: se volete cacciare i soldati, prima parliamo di soldi e delle condizioni di favore che vi offrivamo in molti settori. Adesso ridiscuteremo tutto. Ma già queste cose rientrano nelle notizie che non eccitano i social, non c'è una terza guerra mondiale dietro l'angolo, sono di nuovo fatti mediorientali opachi. Fino alla prossima crisi imperialista.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT