sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.12.2019 Ungheria: cartelli antisemiti per le strade, silenzio di Orban
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 03 dicembre 2019
Pagina: 2
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Cartelli per strada»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/12/2019, a pag.2, con il titolo "Cartelli per strada" il commento di Micol Flammini.

Dilaga l'antisemitismo nei Paesi ex sovietici, spesso con la diretta partecipazione o almeno l'ammiccamento dei partiti di destra piů o meno estrema che siedono nei parlamenti e in alcuni casi governano. E' il caso dell'Ungheria, dove diversamente da quanto accade in Europa Occidentale - a partire da Francia e Belgio, dove il fanatismo antisemita č in primo luogo di origine islamica - l'antisemitismo č soprattutto neofascista e neonazista.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per micol flammini il foglio
Micol Flammini

Roma. Sono apparsi dei cartelli per le strade di Budapest che mostrano i volti di due giornalisti, Gábor Miklós e András Dezsö, dietro di loro la bandiera di Israele e, sotto, la scritta: “Anche noi venivamo dall’altra parte del confine”. I due giornalisti sono bersaglio della propaganda di estrema destra, orbaniana e antisemita che dopo la sconfitta elettorale dello scorso ottobre ha ricominciato a farsi sentire nel partito del primo ministro. Incastrato tra un problema interno piů piccolo ma bruciante e da uno piů grande ed europeo, Fidesz ha deciso di attaccare. Di riprendere il ritmo, senza sosta, e l’aggressivitŕ, senza tentennamenti, che mesi fa aveva utilizzato contro gli alleati europei e che aveva portato alla sua sospensione all’interno del Partito popolare europeo, dove ancora oggi vive da sorvegliato speciale. András Dezsö viene attaccato ormai da tempo dai media vicini a Viktor Orbán, circa quattrocento testate, ma Gábor Miklósi č un nuovo bersaglio e la sua esperienza č iniziata allo stadio, nella congiuntura, sempre piů stretta, tra tifoserie, estrema destra e una passione sconfinata da parte del primo ministro per il calcio e i suoi templi. Agli stadi Orbán ha dedicato molta cura, una recente inchiesta del New York Times aveva anche dimostrato che il governo ungherese destina piů fondi agli stadi che agli ospedali, e per l’apertura del Puskás Aréna, un simbolo del passato, demolito e ricostruito in modo che desse lustro al calcio ungherese, il primo ministro ha voluto una grande festa, una acclamazione sontuosa, degna del denaro e delle energie impiegate.

Risultati immagini per Gábor Miklós  András Dezsö antisemitism
Il cartello antisemita

Durante la celebrazione Miklósi assisteva dalla tribuna vip, impressionato dalla bellezza dello stadio, un po’ arrabbiato per la sua ricchezza, č rimasto seduto nel momento in cui veniva intonata una canzone, “l’inno non ufficiale” della FC DAC, una squadra di una cittŕ slovacca in cui il 75 per cento della popolazione č ungherese. I versi, che il giorno dell’inaugurazione venivano eseguiti da un coro di bambini, sono dedicati alla purezza del sangue ungherese, che va ben oltre i confini del trattato di Trianon, ben oltre Budapest, ma si estende a tutta la popolazione ungherese che vive al di fuori dell’Ungheria. I versi sono stati scritti da un gruppo rock che ha preso ispirazione da Albert Wass, uno scrittore controverso, considerato in Romania colpevole di crimini di guerra. Non č un caso se spesso le canzoni della band vengono cantate da gruppi di estrema destra, dai quali Fidesz non si č dissociato negli ultimi tempi, e se i testi delle canzoni non fanno altro che parlare dell’importanza di avere “lo stesso sangue”, della grandezza dell’Ungheria, e se rievocano concetti pericolosi legati a regimi del passato come la Germania nazista. Mentre il coro intonava la canzone, dagli spalti gli spettatori sono scattati in piedi, hanno iniziato a cantare e a evocare la purezza del sangue che scorre nelle vene degli ungheresi e Miklósi di fronte a un tale spettacolo e cogliendo la gravitŕ delle parole ha deciso di rimanere a sedere. Il suo atteggiamento č stato notato da tutta la stampa, da televisioni e giornali che hanno detto che non si poteva di certo parlare di un comportamento patriottico: quale patriota si rifiuterebbe di alzarsi in piedi durante l’esecuzione “dell’inno della coesione ungherese?”. Il giornalista ha risposto ai commenti dicendo che lui si alza in piedi soltanto per l’inno, ma quello vero, non certo per la canzone di un gruppo rock che trae ispirazione dagli scritti di un criminale di guerra. Sulla questione giornali e televisioni si sono infervorati e la discussione tra commentatori, politici, tutti del mondo di Orbán, si č conclusa con una constatazione: se Miklósi non si č alzato evidentemente era perché “non č dei nostri”, č altro. E ancora: “E’ un miserabile signor nessuno, un vero ungherese si sarebbe alzato”, č “un mostro”. Ovviamente il tema dell’altro, del diverso ha iniziato a diventare sempre piů specifico, fino a quando alcuni giornalisti non hanno parlato del problema degli “ebrei galiziani” che hanno invaso l’Ungheria. Racconta il sito Hungarian Spectrum che in pochi hanno preso le difese di Miklósi, soltanto un giornale vicino al partito Jobbik, cosě Gábor Miklósi ha ritrovato il suo volto accanto a quello di András Dezsö per le strade di Budapest. La scorsa settimana l’Anti Defamation League riportava un sondaggio in cui si registrava un ritorno degli atteggiamenti antisemiti nell’Europa orientale sempre piů prominente, vecchi e nuovi stereotipi si fondono e aumentano a causa di una politica che non soltanto non fa nulla per punire il fenomeno, ma ne č parte. Un esempio č arrivato proprio dal vicepresidente del partito Fidesz che ha accusato “gli ebrei” del risultato elettorale in una contea in cui Fidesz ha perso. Come fa notare su Twitter la giornalista di Politico Lily Bayer, in quella contea non esiste piů nessuna comunitŕ ebraica, sono stati deportati tutti nei campi di sterminio 75 anni fa. Da parte di Orbán nessun commento, nessuna presa di posizione.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT