sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
14.11.2019 Caso etichette: l'Europa discrimina Israele
Commento di Fiamma Nirenstein, Claudio Cerasa risponde a un lettore

Testata: Il Foglio
Data: 14 novembre 2019
Pagina: 4
Autore: Fiamma Nirenstein - Claudio Cerasa
Titolo: «Europa ipocrita sulle etichette ai prodotti israeliani - Comprare subito prodotti israeliani contro i boicottaggi europei»
Riprendiamo oggi, 14/11/2019, da Facebook, il commento di Fiamma Nirenstein "Europa ipocrita sulle etichette ai prodotti israeliani"; da IL FOGLIO, a pag. 4, con il titolo "Comprare subito prodotti israeliani contro i boicottaggi europei" la risposta di Claudio Cerasa a un lettore.

Ecco gli articoli:

Risultati immagini per israel eu cartoon

Fiamma Nirenstein: "Europa ipocrita sulle etichette ai prodotti israeliani"

Risultati immagini per fiamma nirenstein
Fiamma Nirenstein

Mentre tutta la popolazione del sud di Israele è costretta nei bunker da centinaia di missili da Gaza sulle famiglie, mentre i bambini terrorizzati non possono andare a scuola, l'UE promulga l'obbligo per gli Stati membro di etichettare come prodotti di territori occupati i beni prodotti nel West Bank. Come mai non usa la stessa politica sui prodotti del Tibet occupati dalla Cina, o su quelli del Marocco confezionati nei suoi territori occupati, o su quelli di Cipro occupata dalla Turchia o di tante altre zone il cui possesso è in questione? Per Israele e per il diritto internazionale si tratta di territori contesi, non occupati, su cui si deve raggiungere un accordo politico! E non semplicemente sgomberare, come si fece a Gaza da cui adesso piovono missili. Oltretutto, i primi a essere danneggiati da quelle etichette sono i palestinesi che in buon accordo lavorano e guadagnano nelle strutture israeliane che entrano in crisi per la discriminazione. Che irragionevole scelta è quella dell'UE? Non si capisce che una vera pace si può ottenere solo se i palestinesi accettano una volta per tutte l'esistenza dello Stato Ebraico? Allora si arriverà a discutere i territori. Ma l'istinto europeo che prevale forse è quello antico di etichettare i prodotti degli ebrei per metterli al bando.

IL FOGLIO - Claudio Cerasa: "Comprare subito prodotti israeliani contro i boicottaggi europei"

Immagine correlata
Claudio Cerasa

Al direttore - Mai come adesso sono d’accordo con i burocrati europei che vogliono etichettare i prodotti israeliani lavorati nelle colonie: il consumatore ha diritto di sapere. Certo la lunghezza delle etichette aumenterà, anche perché dopo il made in colonia israeliana, dobbiamo anche mettere il made in paesi che finanziano il terrorismo o sfruttano il lavoro minorile o violano i diritti umani: il consumatore ha il diritto di sapere.
Valerio Gironi

Lettera ambigua, perché vengono etichettati anche prodotti super israeliani, come i vini del Golan, territorio israeliano. Il lettore Gironi non ne era a conoscenza?

Risultati immagini per golan wine

Ecco la risposta di Claudio Cerasa:

Nella mattinata di martedì, mentre gli israeliani scendevano nei rifugi antimissile, la Corte di giustizia dell’Unione europea, come ha raccontato ieri Giulio Meotti sul nostro giornale, stabiliva per la prima volta che “i prodotti originari dei territori occupati dallo stato di Israele devono recare l’indicazione del loro territorio di origine accompagnata, nel caso in cui provengano da un insediamento israeliano all’interno di detto territorio, dall’indicazione di tale provenienza”. Israele è diventato il primo e unico stato i cui beni provenienti da territori contesi sono marchiati con una speciale dicitura. Ci sono duecento contese territoriali nel mondo, dalla Crimea invasa dalla Russia al Tibet sotto dominio cinese fino a Cipro. Quattro anni fa, il Foglio aprì un comitato di solidarietà anti boicottaggio per promuovere la vendita di prodotti israeliani e invitare ad acquistare ciò che l’Europa vuole invece follemente marchiare. Esiste un modo semplice per rispondere al boicottaggio approvato dalla Corte di giustizia europea: comprare quei prodotti. Vi rioffriamo l’elenco. Prodotti agricoli: agrumi e pompelmi (Mehadrin, Jaffa), datteri (Mehadrin, Haidaklaim, King Solomon, Jordan River), avocado, mango e melograni (Mehadrin, Kedem, Frutital, Sigeti, McGarlet), frutta secca, disponibili in tutti i supermercati italiani. Sodastream: prodotti gasatori per l’acqua frizzante. Ahava: azienda israeliana di cosmetici prodotti con i famosi fanghi del Mar Morto. In Italia si vende nelle farmacie, erboristerie, profumerie e grandi magazzini come la Rinascente. Vino: Golan Heights Winery e Barkan, due fra i maggiori e più pregiati vini israeliani disponibili in tutte le nostre enoteche. Comprate, please.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT