giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.11.2019 Polonia: il governo vuole cambiare la storia della Shoah
Mentre nel Paese più cattolico d'Europa crescono antisemitismo e negazionismo

Testata: Il Foglio
Data: 13 novembre 2019
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Una mappa sull’antisemitismo»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 13/11/2019, a pag.3, l'editoriale "Una mappa sull’antisemitismo".

Risultati immagini per poland antisemitism
Una manifestazione dell'estrema destra nazionalista e antisemita in Polonia

La legge sulla memoria dell’Olocausto, che vieta di accusare la Polonia di complicità con i nazisti o anche soltanto di alludere a una complicità attraverso l’uso dell’espressione “campi di concentramento polacchi”, riemerge di tanto in tanto nella vita politica e culturale di Varsavia. Come nel caso della lettera che il premier polacco Mateusz Morawiecki ha inviato al ceo di Netflix, Reed Hastings, per chiedere una correzione. Nel documentario “Solo il diavolo lo sa” compare una mappa con tutti i campi di sterminio dislocati sul territorio europeo, anche in Polonia. Morawiecki ha chiesto di sostituire la mappa perché quella che nel documentario viene rappresentata come Polonia, all’epoca era occupata dalla Germania nazista.

Immagine correlata

“E’ importante onorare la memoria e conservare la verità a proposito della Seconda guerra mondiale e dell’Olocausto”, ha scritto il premier, accusando la piattaforma di voler riscrivere la storia e di aver proposto un lavoro impreciso. La legge sulla memoria dell’Olocausto approvata a febbraio ha preoccupato molto gli storici: impone delle limitazioni nel linguaggio e anche nella ricerca e rende ancora più difficili approfondimenti su episodi oscuri della storia nazionale. Come il massacro avvenuto nella cittadina di Jedwabne, dove nel 1941 i cittadini polacchi uccisero i loro vicini ebrei, vicenda chiarita soltanto nel 2000 grazie al libro pubblicato dallo storico Jan Gross, successivamente minacciato e insultato per “aver raccontato una storia che i polacchi non volevano sapere”. Varsavia ha dei problemi con il suo passato e il governo nazionalista del PiS ha fatto una legge per non doverne più sentir parlare. Un tentativo infantile che porta ad atti infantili, come la lettera del premier al ceo di Netflix. Ogni 11 novembre in Polonia si celebra l’indipendenza con una marcia in cui da alcuni anni vengono fuori tutti i peggiori istinti del paese: cori da stadio, slogan dell’estrema destra e insulti antisemiti e razzisti. Il copione si è ripetuto anche quest’anno. Una legge per far finta che l’antisemitismo non sia mai esistito in Polonia non aiuta né a curare le ferite né a ragionare sugli errori, del passato e del futuro.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT