lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.10.2019 Proteste a Baghdad: 'L'Iraq non sia colonia iraniana!'
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 04 ottobre 2019
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «'Baghdad libera, fuori l’Iran!'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 04/10/2019, a pag.3 l'editoriale 'Baghdad libera, fuori l’Iran!'.

Risultati immagini per iran iraq cartoon
L'Iran divora l'Iraq

In questi giorni una massa di giovani manifestanti iracheni è scesa nelle strade della capitale Baghdad e in almeno altre otto province del paese per protestare contro il governo. “Baghdad libera, fuori l’Iran!”, gridano. Così, dopo le proteste degli iraniani più poveri contro il regime iraniano che abbiamo visto l’anno scorso, ora sono i giovani iracheni a protesta- re contro le interferenze dell’Iran nella politica irachena. Politica che dopo la fine della guerra contro lo Stato islamico li ha lasciati molto delusi: non ci sono posti di lavoro, la ricostruzione è lenta e i fondi sono spolpati dalla corruzione, acqua ed elettricità mancano e i politici si com- portano come fantocci manovrati da Teheran. Forse le ondate di iraniani prima e di iracheni adesso scese in piazza per protestare contro gli ayatollah hanno letto troppo il Foglio? Oppure in medio oriente c’è un problema reale e vivissimo che nasce dal regime rivoluzionario, aggressivo, oscurantista e corrotto che controlla l’Iran? In piazza a Baghdad sono scesi i giovani sciiti, che mille articoli di geopolitica hanno descritto come un blocco compatto al servizio degli iraniani e che invece evidentemente sono esasperati. Gli slogan erano espliciti: “Il regime deve cadere”. Anche molte aree sunnite vorrebbero unirsi, ma non vogliono far scattare una repressione brutale con il pretesto ovvio delle “operazioni antiterrorismo”. Per ora ci sono stati almeno diciannove morti, nella capi- tale c’è il coprifuoco e il governo ha tagliato internet – che è una reazione classica delle autorità arabe quando tentano di fermare l’allargarsi delle proteste. La speranza è che la crisi rientri – l’Iraq non può permettersi nemmeno un’ora di instabilità – e che il governo imbocchi una direzione politica molto più vicina agli iracheni e molto più distante dall’Iran.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT