giovedi` 19 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.06.2019 L'ex Germania dell'est in rovina: ecco il risultato di 40 anni di dittatura comunista
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 13 giugno 2019
Pagina: 2
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «La vecchia Ddr»

Riprendiamo dal FOGLIO dell'11/06/2019, a pag. 2 con il titolo "La vecchia Ddr" il commento di Giulio Meotti.

Immagine correlata
Giulio Meotti

Immagine correlata
Le due Germanie

Roma. “Le ‘infrastrutture sociali’ sono crollate: scuole, ospedali, strutture sportive e ricreative e istituzioni culturali hanno dovuto chiudere”. La Zeit, il primo settimanale tedesco, questa settimana dedica uno speciale al fenomeno più dirompente che si è consumato nella ex Germania dell’est: il depopolamento. “La migrazione verso l’occidente non è stata l’unica cosa che ha alterato la demografia della Germania orientale. Dopo il 1990, il tasso di natalità è diminuito di quasi la metà”. Del fenomeno si è occupato ieri anche il Financial Times. “Manfred Grosser si considera fortunato a essere il parroco di Doberlug-Kirchhain, una pittoresca cittadina nella Germania orientale a metà strada tra Berlino e Dresda. Ma per ogni battesimo che celebra, Grosser presiede cinque funerali. Grosser e il suo gregge sono l’epicentro di un inesorabile spostamento della popolazione che sta per colpire gran parte della Germania orientale e ha iniziato a risuonare nel governo nazionale”. Il distretto di ElbeElster, che comprende la parrocchia di Grosser, presenta alcune delle peggiori prospettive demografiche in Europa. Secondo uno studio dell’Istituto di Berlino per la popolazione e lo sviluppo, entro il 2035 si prevede che perda un quarto della popolazione. Il declino della popolazione in età lavorativa sarà del 40 per cento. La maggior parte della ex Ddr ha così poche donne in età fertile che la ripresa e l’inversione sono quasi impossibili. “A un certo punto, ci sono semplicemente poche persone rimaste che possono avere fisicamente dei figli”, ha detto Susanne Dähner, uno degli autori dello studio. Elbe-Elster è un caso estremo ma tutt’altro che isolato. “Di 77 distretti nella Germania orientale, 41 perderanno almeno il 30 per cento della popolazione in età lavorativa entro il 2035”. Joachim Ragnitz, professore di Economia presso l’Università di Dresda, ha affermato che la demografia è la maggiore sfida per la ex Ddr. “C’è una manciata di città che sta crescendo, ma altrove le regioni si stanno riducendo rapidamente”. Dähner ha dichiarato: “Per molto tempo il problema della Germania orientale è stato soprattutto la mancanza di posti di lavoro. Ora hanno quasi il problema opposto: stanno esaurendo i lavoratori”. Un’altra ragione per cui la questione della demografia sta guadagnando terreno nel dibattito nazionale è politica. Il partito di destra AfD ha ottenuto alcuni dei suoi risultati più forti nelle regioni più segnate dal declino della popolazione. “L’estrema destra sfrutta la percezione che questi distretti siano stati abbandonati dai governi regionali e federali e dimenticati dai fiorenti centri urbani della Germania”. Se non fosse per i graffiti sugli edifici abbandonati, ex città dell’est come Bitterfeld-Wolfen sembrerebbero prive di giovani. Le scuole sono diventate case di cura. Se fosse ancora un paese, la Germania dell’est sarebbe la più vecchia nazione del mondo. A quasi trent’anni dall’unificazione, la regione subisce ancora la scossa dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989, quando milioni di persone, per lo più giovani, per lo più donne, fuggirono verso ovest. Coloro che sono rimasti hanno oggi tassi di natalità negativi da record. La popolazione orientale si ridurrà da 12,5 milioni nel 2016 a 8,7 milioni entro il 2060, secondo le statistiche del governo. Bitterfeld-Wolfen ha visto la sua popolazione precipitare da 75 mila nel 1989 a 40.500 oggi. Due terzi delle materne e oltre la metà delle scuole hanno chiuso dal 1990. Il numero di alunni che finiscono la scuola secondaria è dimezzato. I datori di lavoro lottano per riempire i posti vacanti. Afferma Frank Swiaczny del Federal Institute for Population Research, un think tank di Wiesbaden: “I bambini che non sono nati negli anni 90 non hanno avuto bambini dopo il 2010, è l’eco dell’eco”.

 

 

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT