sabato 24 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.05.2019 Dal Canada allo Sri Lanka, ecco i cristiani uccisi in nome dell'islam
Editoriale del Foglio, commento di Stefano Piazza

Testata: Il Foglio
Data: 16 maggio 2019
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio - Stefano Piazza
Titolo: «E’ guerra globale ai cristiani - Sri Lanka, il filo nero saudita nelle stragi di Pasqua»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/05/2019, a pag. 3 l'editoriale "E’ guerra globale ai cristiani"; con il titolo "Sri Lanka, il filo nero saudita nelle stragi di Pasqua", il commento di Stefano Piazza.

Ecco gli articoli:

IL FOGLIO: "E’ guerra globale ai cristiani"

Immagine correlata
"Se stai zitto andrà tutto bene"

Ieri in un video un islamista ha minacciato di uccidere Asia Bibi, la donna fuggita in Canada dopo essere stata rilasciata dal braccio della morte in Pakistan, dove ha trascorso dieci anni con false accuse di blasfemia. L’uomo senza nome ha detto di aver “raggiunto” il Canada per impartirle una “morte terribile e mandarla all’inferno”. E’ la fine che gli islamisti volevano farle fare in Pakistan, per vie legali tramite impiccagione nella pubblica piazza, o prendendo la legge nelle proprie mani. Dopo l’assoluzione, la famiglia di Asia Bibi ha vissuto nella paura, con squadroni islamisti che andavano casa per casa in cerca dei famigliari della rea cristiana. E “una morte terribile” è quella che altri islamisti hanno impartito lunedì a quattro cattolici del Burkina Faso, uccidendoli durante una processione. E’ il terzo attentato nel paese africano in dieci giorni. Dopo averli uccisi, hanno fatto a pezzi la statua della Madonna. Il massacro è avvenuto il giorno successivo alla strage di Dablo, quando una ventina di jihadisti ha fatto irruzione nella chiesa cattolica uccidendo il sacerdote e altri cinque fedeli. Pierre Macqueron, responsabile dell’informazione di Aide à l’Eglise en Détresse, ha dichiarato al Figaro: “In Burkina Faso la chiesa è ormai perseguitata. In molte parti del territorio le messe non possono più essere celebrate; gruppi jihadisti passano di villaggio in villaggio a minacciare gli abitanti di convertirsi all’islam, chiudono i luoghi di culto cristiani”. Canada, Africa e Asia. Nello Sri Lanka le chiese sono state chiuse due settimane dopo la mattanza nelle tre chiese che hanno fatto oltre 250 morti. E nei giorni scorsi, un’altra chiesa colpita dagli obici jihadisti vicino Hama, in Siria, con cinque bambini cristiani rimasti uccisi. E’ la nuova, terribile mappa della cristianofobia globale, una pandemia terroristica che sta colpendo i “nazareni”, come li chiamano i fondamentalisti islamici, ovunque possano cambiare la demografia religiosa di quei paesi. Linee di faglia dove più che uno scontro c’è uno choc di civiltà di cui i cristiani sono le vittime predilette.

Sri Lanka, il filo nero saudita nelle stragi di Pasqua
Commento di Stefano Piazza

Immagine correlata
Stefano Piazza

https://www.confessioni-elvetiche.ch/2019/05/15/sri-lanka-il-filo-nero-saudita-nelle-stragi-di-pasqua-babilonmagazine-it/

Nell’ambito delle indagini sugli attentati di Pasqua che hanno provocato oltre 250 vittime, le autorità dello Sri Lanka hanno confermato l’arresto del 60enne Mohamed Aliyar, fondatore del Centre for Islamic Guidance di Kattankudy, sulla costa orientale dello Sri Lanka, dove trovano posto una moschea, una scuola religiosa e una biblioteca. Nella città di Kattankudy era nato e cresciuto Zahran Hashim, leader del National Thowheeth Jamàath. Con il gruppo salafita, secondo la polizia, Mohamed Aliyar “aveva una stretta relazione, tanto che effettuava transazioni finanziarie ed era coinvolto nell’addestramento degli attentatori ad Hambantota, nel Sud del paese”. Il filo nero dell’estremismo religioso, che lega l’Arabia Saudita e altri paesi del Golfo Persico allo Sri Lanka, si prede nel tempo. Ulteriore prova: Mohamed Aliyar ha fondato il Centre for Islamic Guidance nel lontano 1990, un anno dopo essersi laureato a Riyadh presso l’Università Imam Muhammad ibn Saud Islamic University, grazie a finanziamenti sauditi e kuwaitiani. E dove sono le prove? Basta andare sul posto e leggere la targa situata all’esterno del centro islamico di Kattankudy, che da quel momento è diventato un importante centro di diffusione della dottrina wahabita-salafita. Successivamente, altre istituzioni islamiche con gli stessi finanziatori e le stesse finalità hanno aperto i battenti sulla costa orientale dello Sri Lanka dove è molto forte la presenza islamica. Tra queste spicca il Jamiathul Falah Arabic College sempre nella città di Kattankudy, dove un tempo l’islam predicato era quello “sufi”. Poi, dalla fine degli anni ’70 qualcosa è cambiato. Con il ritorno nello Sri Lanka dei primi immgrati in Arabia Saudita diventati ricchi con i petrodollari, vennero costruite moschee e scuole coraniche (madrasse) dove veniva insegnato ai giovani come mettere in discussione e respingere “la via sufi” e aderire alla corrente islamica più conservatrice rappresentata dal wahabismo- salafismo. Tra gli anni ’80 e ’90 la corrente dura e pura dell’islam si fece sempre piu’ numerosa e intraprendente nello Sri Lanka ed in partcolare sulla costa orientale, dove vennero erette moschee e dove trovarono spazio associazioni e fondazioni islmaiche non sempre cristalline nelle loro finalità. Impressionante il caso di Kattankudy che, con un’estensione di soli 3,9 km², vede la presenza di ben 45 moschee. Spicca l’ultima costruita: la Grand Jumma, decorata con mosaici blu e lettere arabe sulla cupola. Una copia fedele della moschea Al-Aqsa di Gerusalemme, terzo luogo santo dell’Islam. Nel raccontare le drammatiche ore degli attentati della Pasqua 2019, molti commentatori hanno descritto una comunità islamica (9,7% su 21 milioni di persone) sostanzialmente pacifica rispetto a quella “tamil”, scossa di continuio da violenze e riurgiti nazionalistici e settari. Il primo attacco contro i musulmani sufi da parte dei wahabiti-salafiti avvenne il 29 maggio 1998 con la spedizione punitiva alla moschea Badriya Jumma di Kattankudy, in cui venne ucciso l’imam Farooq Maulvi reo di non diffondere il verbo radicale dell’islam. Altro attacco fu nella città di Batticaloa il 31 ottobre 2004 alla moschea Irumbuthaikkan, dove per un caso fortuito nessuno venne ucciso. Ma fu il 2006 l’anno dell’esplosione del conflitto settario interno all’islam dello Sri Lanka. Nel 2006 si moltiplicarono gli attacchi alle moschee sufi, omicidi mirati e rapimenti si susseguirono in una società che nel frattempo era profondamente cambiata, compreso l’universo femminile. Sempre più spesso, le donne erano rinchiuse dentro le gabbie del burka o del velo islamico e fin dalla tenera età. La svolta ci fu nel 2010, anno che vide l’arrivo nello Sri Lanka di numerosi predicatori estremisti provenienti dall’Arabia Saudita, dall’Iraq, dal Pakistan e dall’Egitto. La loro presenza fece deragliare definitivamente l’esistenza di molti giovani musulmani poveri e senza istruzione, che finirono come carne da cannone nel “Siraq”. Gli errori dell’intelligence, la complicità di larghi strati della società e della politica cingalese sono putroppo ormai storia nota. Ma non detto che la storia non si ripeta ancora una volta.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT